Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Libbirale (Liberale)

Ti dèiche jè, prèime cchiù majje jéve!
Chi bbilli timbi chi mmi sté' a'vvandà':
sole si ppoche péuch' arifiatéve
jéve 'n galere senza mal' a ffà'!
Ti dico io, (che) era meglio prima!
Che tempi belli (che) mi stai a vantare:
solo se poco poco rifiatavi
andavi in galera senza fare (niente di) male!
Dendr' a la casa té' ci mastrijéve
lu predde, e ttì ricchiatte, sa', cumbà';
e si ddu' pèile 'm bacce ti lasséve,
Lèmme ti li purtav' a ffà' tajjà'!
Dentro la casa tua ci maestreggiava (1)
il prete, e tu ricchiatte (2), sai compare
e se in faccia due peli ti lasciavi (3),
Lèmme (4) ti conduceva a farteli tagliare!
Si détte ca nijènde jave care;
ma 'n' d' aricurde ca stavame nì
trumundate gné l'acche di lu mare?
Hai detto che niente costava caro;
ma non ti rammenti che stavamo (noi)
tormentati come l'acqua del mare?
Mé alummén'a la langhe 'n gi fa tarle:
parlèsse spare pure di Ggisì,
chi ti dèice cacchéuse?!...Pache...e parle!
Adesso almeno alla lingua non ci fanno i tarli (5): parlassi dispari (6) pure di Gesù Cristo,
chi ti direbbe qualcosa?!...Paga...e parla!
(1) comandavi, facevi quello che volevi.
(2) facevi il nesci.
(3) crescere - Nel 1854 un'ordinanza della sospettosa polizia borbonica proibiva di portare la barba, ritenuta come un segno settario.
(4) Gendarme borbonico.
(5) non hai problemi di dire quello che vuoi.
(6) male.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 29 - anno 1891