Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
L'Avar'e lu male pahatàure (L'Avaro e il cattivo pagatore)

- Dapù dèice ca hìune s' inguiéte!...
Li déce lèire, 'Ndò', mi li vu' dà'?...
li scarpe, é certe, ti li si' fruvéte;
dèmmele ti, dicchiì t'ajj' aspittà'?...
Dopo dice che uno ci s'inqiueta!...
Le dieci lire, Antonio, me le vuoi dare?...
le scarpe, è sicuro, le avrai già consumate; dimmelo tu, devo aspettare ancora?!...
- Ci pèrle pìure?...Chéume! Jurn' arréte,
'n di l'aricurde, ti vulé' pahà':
schin' a 'nu coppe ti l'ajj'arruvéte;
embè', ti si' vulìute cundundà'?...
- Ci parli pure?...Come! Giorni addietro,
non te lo ricordi, ti volevo pagare:
fino ad un coppe
(1) sono arrivato (2) ;
ebbene, ti sei voluto accontentare?!...
Billi scarpe, dapù, chi mi si fatte!
Schinenz' a mé putéve ma'duré?!...
Ci si' masse la pelle di la hatte!...
Belle scarpe, poi, che mi hai fatto!
Fino ad ora potevano mai durare?!
Ci hai impiegato la pelle di gatto!...
Ma, 'n ditte cié', lu copp' ècch'addò stà'.
- M'ha da dà' déce lèire! - Si' gna è,
si tu avènze da mà, famme chiamà'!...
  Ma nonostante (tutto) ciò, il coppe ecco dov'è.
- Mi devi dare dieci lire! - Sai com'è,
se tu avanzi da me
(3) , fammi citare!... 
(1) si tratta del singolare di cuppe. Secondo l'Anelli "fino al 1860 il coppe era un rotolo di monete di rame pel valore di un ducato (L.4.25)".
(2) Sottinteso: ad offrirtene (ma pure: a valutartele).
(3) Cioè: se sei mio creditore.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 7 - anno 1891