Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):

Lu pòpele ci arrèiv' a ppricissiìune
déndr' a lu Quambisand' allumunéte,
e a llongh' a llonghe pi li rasilìune
sta sinocch' e fijure spalijéte.
Il popolo ci arriva a processioni
dentro al Camposanto illuminato,
e a lungo a lungo per i grossi solchi (viottoli)
non vedi se non che fiori sparsi (in disordine).
'M mezz' a lu vussa visse sinde hìune
chi strèlle ca l' á l'ome pizzichéte;
'n artire cuffujajje du' cafìune
chi piagnen' a 'na cràuce aggiunucchiéte.
In mezzo al pigia pigia senti una
che grida perché l' hanno pizzicata (palpeggiata);
un artiere (artigiano) sfotte due contadini
che piangono inginocchiati (davanti) ad una croce.
Ma la bbardasciarè' fa cchiù rrubbèlle:
chi scappe, chi a li fosse s'annascanne,
chi fume l'ànes' a la pipparèlle.
Ma la ragazzaglia (ragazza) fa più strepito:
chi scappa, chi si nasconde nelle fosse, chi "fuma" l'anice nella pipparella (1).
Pùvere murte!...Aváit' ujje li réuse:
ma chi vi fa, se manhg' all' addre manne
vi l'óme dá nu qquàune di ripéuse?!...
Pover morti!...Avete oggi le rose:
ma che vi fa, se nemmeno all'altro mondo
vi danno un poco di riposo?!....(2)
(1) Per antica consuetudine, nel giorno dei morti i ragazzini vastesi vanno in giro fumando con delle piccole pipe ripiene di anice. (L. Anelli).
(2) Sconsolata conclusione nei fatti ma acuto lirismo poetico, di partecipata inquietudine.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 39 - anno 1891