Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Pèppe d'Arrèiche e lu luèbbre
(Pèppe d’Arrèiche e la lepre)
Questa storiella, rielaborata e messa in rima da Fernando, è di dominio pubblico.
Il personaggio in questione, notissimo tra gli ortolani, era solito
spararne di grosse, specialmente dopo aver alzato un po’ il gomito.

- Oh!...Pègge di la grànnil’ a nnassàcche!...
Nu luèbbre jav’ a ffä’ dammàje all’ôrte.
‘Na matèine, nghi 'na milànghe 'mmàcche,
l’haje ‘ngappäte e nin zi n’avé ‘ccôrte.
- Oh!... Peggio di una grandinata a secco!...
Una lepre faceva danno nell’orto.
Una mattina, con un cetriolo in bocca,
l’ho scoperta e lei non si era accorta.
Acchiàppe lu zuappàne pe’ l’accèite,
ma quàlle nghi nu zuàmbe s’é squajjäte.
Lu jurn’ apprèsse... ma tu vidi-vèide...
m’à carufuéte tutte la ‘nžaläte.
Prendo la zappa e tento di ammazzarla,
ma quella con un salto si è dileguata.
Il giorno dopo... tu guarda un po’...
ha rosicchiato tutta l’insalata.
Dapù, ‘na nôtte m’haje méss’ aléuche,
nghi nu fucìle che m’hanne ‘mbrištäte,
caricäte a nnucce di prichéuche,
picché li cülpe mi l’avé scurduäte.
Poi, una notte mi sono messo lì,
con un fucile che mi hanno prestato,
caricato con noccioli di pesche,
perché i proiettili li avevo dimenticati.

Sènde nu sbuìsciche a nu mumuènde...
Ammèire e... ppum!... Haje sparäte...
A’ jittäte nu štruèlle lu futènde!...
J’haje côdde, perô se n’à scappäte.

Sento un fruscio ad un certo momento...
Prendo la mira e... ppum!... ho sparato...
Lanciò un grido quella fetente!...
L’ho colpita, però è fuggita.
Quattr’anne dôppe, pe’ ll’ôrte, nu jurne,
haje vište ‘n’àlbere che caminéve
nghi li prichòche appèise tutti ‘ndurne!
J’haje currùt’ apprèsse... e cchi tti trèuve?!
Quattro anni dopo, nell’orto, un giorno,
ho visto un albero camminare
con le pesche appese tutto intorno!
Gli ho corso dietro... e cosa trovo!?
...L’âlbere avé näte sopr’a la grôppe
di lu luèbbre che jè’ j’avé’ sparäte!
Lu nuòcce di prichèuche forse dôppe
j’è rimàšt’a la schèine e j’à cacchiäte! -
L’albero era nato sulla groppa
della lepre alla quale avevo sparato!
Il nocciolo di pesca, forse poi
gli è rimasto nella schiena ed è germogliato! -
Fernando D'Annunzio, novembre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina