Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Pèppe d'Arrèiche e la chicòccia rambicânde
(Pèppe d’Arrèiche e le zucche rampicanti)
Questa storiella, rielaborata e messa in rima da Fernando, è di dominio pubblico.
Il personaggio in questione, notissimo tra gli ortolani, era solito
spararne di grosse, specialmente dopo aver alzato un po’ il gomito.
 
- ‘Na môtte di chicàcce haj piandäte,
...quélle ch’accànde, nin è ‘na bbuscè’...
nghi ‘na nuttuäte mi s’é ‘rrambicäte
sopr’ a la torre di Sanda Marè’!
- Una pianta di zucca ho piantato,
...ciò che racconto, non è bugia...
in una sola notte si è arrampicata
sulla torre di Santa Maria!
Passàte mmezzanôtte, ècche si sènde
a ssunuä’ li cambäne - E cché vvo’ rèsse?-
A mmorr’ a mmarre curruéve la ggènde.
Tutte vulé’ sapà’ ch’avé’ succiuèsse.
Dopo la mezzanotte, ecco si sentono
suonare le campane... - Cosa può essere? -
A frotte la gente correva.
Tutti volevano sapere cos’era successo.
- Lu turruaméte, La huèrre, Nu ‘ngèndie?
A cchišt’àure... e che âddre sinnà? -
Però nisciùne sapéve nijènde...
còrrene tutt’ a la cchjìse, a vvidà.
- Il terremoto... La guerra... Un incendio?
A quest’ora... altrimenti cos’altro? -
Però nessuno sapeva niente...
corrono tutti verso la chiesa, a vedere.
Lu sacraštàne... lu cchiù che curruàve,
pe jjì a vvidà’ chi sunuàve a ddištàse.
Hann’ arruvuét’ aèlle... e chi cci štàve?...
...‘N gim’ a la tàrre... li chicocce appèise!
Il sacrestano era quello che correva di più,
per andare a vedere chi suonava a distesa.
Sono arrivati lì... e cosa c’era?...
...In cima alla torre... le zucche appese!

Oh... chèlle jére li chicòccia mì’, che
gna crisciàve faceve da bbattôcchie! -

Sai... quelle erano le mie zucche,
che crescendo fungevano da batocchio! -
Fernando D'Annunzio, novembre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina