Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Pe’ la troppa signuruèje n’ à pute dèice “frišt’a llä”
(Per essere troppo signora non ha potuto dire “frišt’ a llä” , non ha potuto scacciare il gatto)
 
- Cacche jjurne vuje fä’ la signàure! -
J’à ditte Grazijìcce a lu muarèite.
- Falle dumuäne, se ci’aé piaciàre -
j’à ditte ‘Ndônie e s’é mmess’ a rrèite.
- Voglio fare la signora per qualche giorno! -
Ha detto Grazia al marito.
- Fallo domani, se ti fa piacere -
ha detto Antonio e si è messo a ridere.
La matèine Grazjìcce s’é ‘žžäte
e à ‘ccèise sübbete nu puccingiàlle;
l’adéva chéuce, dapù s’é ricurdäte
ca chilu jurne ava fä’ la signàure;
sopr’ a lu tuavilèine l’à lassäte
e, tutte scomunzäte, s’é ‘ssittäte.
Il mattino dopo Grazia si è svegliata
e subito ha macellato un piccione;
doveva cucinarlo, ma poi ricordò
che quel giorno doveva fare la signora;
ha lasciato il volatile sul tavolo
e, del tutto spensierata, si è seduta.
Endre la hâtte e nin pèrde ‘ccasiàne,
sübbete s’é ‘mminäte a lu pucciàne.
Entra il gatto e, senza perdere occasione,
si avventa sul piccione.
Grazjìcce é ‘rimâšt’ a ttiné’ ‘mmènde,
nin ž’é sgummuôšte prupie pi’ nnijènde.
La “signora” Grazia è rimasta a guardare,
imperterrita, senza scomodarsi.
La sàire lu muarète, gna é rindräte,
vulé’ truvuä’ a magnä’ e s’é ‘ssittäte...
E Grazijìcce allàure, llà per llä,
tutte lu fuâtte s’é mméss’ a ‘ccunduä’.
La sera il marito, nel rientrare,
voleva da mangiare e si è messo a tavola...
E Grazia allora, alle strette,
ha dovuto raccontare l’accaduto.
‘Ndônie si ‘ngâzze... e la màje ‘i fä:
- Mbò! E jè, na signàre, ch’a’va fä’?
...‘I putéve ma’ dèice
“frišt’ a llä”!?
Antonio si adira... e la moglie a lui:
- Ah! E io, una signora, cosa dovevo fare?
...Potevo mai scacciare il gatto pronunciando
“frišt’ a llä”!?
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina