Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Pò rèsse ca ci cràide! (Annend’ a la Madonne di la Catàne)
Può darsi che ci crede! (Dinanzi all’edicola della Madonna della Catena)

La cròne ‘mméne e lu fuazzòle ‘n gäpe,
ddu’ fimminàlle štann’ agginucchiéte,
‘n tembe di huèrre, a pprihä’ la Madonne
;
pe’ li fìjje ch’è jjùte pi’ ssulduéte.
Il rosario in mano e il fazzoletto in testa,
due donnicciole stanno inginocchiate,
durante la guerra, a pregare la Madonna,
per i loro figli soldati.
Üne šta ricitânne piane piäne,
côcce’ acciuccuéte, nu ccuòn’ appartäte
;
e ll’âddre
, a àdda vàuce, jušti ‘mmèzze,
pârle nghi la Madônne
, a mman’ azzäte:
Una sta recitando a bassa voce,
la testa china, un po’ in disparte;
e l’altra, a voce alta, giusto nel mezzo,
parla alla Madonna, con le mani alzate:
- Madônna ma’!... Lu bbuèlle fije me’,
Tu san’ e ssâlve fall’ariminè’
.
Jè t’addudduâje, T’arivèšte d’éure
!
Ti li prumuàtte, cand’è vvére Ddè’
! -
- Madonna mia!... Quel mio bel figlio,
Tu fallo tornare sano e salvo.
Io ti faccio l’intera dote, Ti rivesto di oro!
Te lo prometto, quanto è vero Iddio! -
Chill’addra fàmmine, gna l’à sindìute,
j’à dìtte
: - Ma piccà fi’ ‘ssi prumuàsse?
Manghe l’ùcchie pe’ ppiâgne tu pissìde
;
mo pur’ a la Madônne vu’ fa’ fàsse ? -
L’altra donna, dopo averla sentita,
le dice: - Ma perché fai codeste promesse?
Non possiedi neppure “gli occhi per piangere”;
anche la Madonna vuoi prendere in giro? -
- Nghi la Madônne štingh’ a parlà jè!
Che tte ne ‘mbôrte se fàcce ‘štu vuàte
?
Tu di li fètta mi’ n’ t’à da’ ‘ndriché
!
Štatte zètte
!... Pò rèsse ca ci cràide!
- Con la Madonna ci sto parlando io!
Cosa t’importa se faccio questo voto?
Dei fatti miei tu non devi interessarti!
Stai zitta !... Può darsi che ci crede!
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina