Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Munnizzàre näte (Spazzino nato ovvero... figlio d’arte)
 
- Ehhuà, ‘nduhuä’, ti mmì’!
-Li si’ ‘riccôdd’ a ècche la minnàzze?
- Piccà, n’ ži vàide ch’è štat’ ariccôdde?
- N’ ži véde nà’.., jé ‘ngôre vrétt’ e zzôzze!
- Ehi tu, vieni, guarda!
- l’hai raccolta qui la spazzatura?
- Perchè, non si vede che è stata raccolta?
- E no che non si vede... è ancora tutto sporco!
- Mo chi vvulésse dèice, ca n’ žo’ bbéune?
Nghi mma’ n’ gi ’adà parlä’ a ‘ssa manìre,
pure si ffi’ lu cuäpe a la nittàzze,
piccà, si ddiscutuéme di mištìre,
- Ora cosa vorresti dire, che non sono capace?
Con me non devi parlare in codesto modo, anche se fai il capo alla nettezza urbana,
perché se vogliamo discutere di mestiere,
t’adà štä sole zètte... e sé’ piccà?...
Jèe’... ci’haje näte ammežž’ a la minnazze!
devi solo tacere... e sai perché?...
Io... ci sono nato in mezzo alla spazzatura!
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina