Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Lu hunùcchie (dall'ortopedico): Il ginocchio (dall'ortopedico)
 
- Duttò’, ècchim’ a cqua, ‘ja ‘riminùte!
Pi’ ‘štu hunùcchie ‘n sacce gna ja fa’!
Mo signurì mi l’à da dà’ ‘n’ajùte,
picchè accuscì i’ nin ci pozze šta.
Un vecchietto disperato:
- Dottore, eccomi qua, sono tornato!
Per questo ginocchio non so come fare!
Ora lei deve darmi un aiuto,
perché così io non ci posso stare.
Da fa’ li ragge mo so’ riminùte,
ecche li laštre, mo li pu’ huardà!
Chištu malanne, n’ sacce da ‘ndo’ è sciùte,
dimme se c’è bisogne da upurà! -
Ho appena fatto le radiografie,
ecco le lastre, le può controllare!
Non so proprio cos’è questo malanno,
mi dica se c’è bisogno di operare! -
- Zizì, no’ ppi’ ssapè,… quant’anne tì’? -
- Ne tinghe uttantasì.
- E' nu ccone troppe!…
E’ la vi-cchia-je!... ‘n zi po’ ‘ntirvinì!
L’ortopedico, in tono burlesco:
- Zizì, (confidenzialmente = zio) non per sapere, ma quanti anni hai?
- Ne ho ottantasei.
- Sono un po’ troppi!…
E’ la ve-cchia-ia!... non si può intervenire!
‘Ssu hunùcchie ti fa rimanè cioppe!... -

- Scuse duttò’,… ajjùtim’ a capì’…,
ma chišt’addre hunùcchie è nate doppe?!
Codesto ginocchio ti farà restare zoppo! -
(Il vecchietto ascolta addolorato e sconsolato, poi ci ripensa e fa):
- Scusi dottore, mi aiuti a capire…,
(e indicando il ginocchio buono):
ma quest’altro ginocchio è nato dopo?! -
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina