Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
... fusse quéšte lu ‘mbrèlle? (... è questo l’ombrello?)

- Pronto !... Colomba, štamm’ a ssindì’ -
- Scì do’ Rromé, dimme, so’ jjì -
- Štingh’ a la cchjìse e fore piove
e da ècche ni’ mmi pozze move.

(1) - Pronto !... Colomba, ascoltami -
- Si don Romeo, dimmi, sono io -
- Mi trovo in chiesa e fuori piove
e di qui non posso muovermi.
Avé ‘ccattate nu ‘mbrèlle nove,
vaje huardanne ma ni’ li trove;
štinghe chiamànne p’addummuannàrte
se šta a la case, pi’ ‘ssi ripàrte -
Avevo comprato un ombrello nuovo,
lo sto cercando ma non lo trovo;
ti sto chiamando per domandare
se si trova in casa, da qualche parte -

- Aspìtte, ca mo vaj’ a vvidé,
mo facce sùbbete, do’ Rromé.
Ecche ! Ti mmènde !... Mi šti huardànne ?
E’ quešte lu ‘mbrèlle che vi truvànne ?

- Aspetta, che vado a controllare,
arrivo subito, don Romeo.
Ecco ! Guarda ! Mi stai guardando ?
E’ questo l’ombrello che stai cercando ?
(1) Premessa: - Siamo negli anni ’50, alle prese con i primi telefoni. Don Romeo, parroco di San Pietro, da pochissimo ne aveva fatto installare uno in chiesa ed uno a casa, dove a rispondere c’era Colomba, l’anziana perpetua.
P.S. - Chi sa se fu lei, Colomba, a lanciare l’idea del videotelefono ?
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina