Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio
 
Personaggi: F. D'Annunzio
 
Elenco - cliccare sulla Macchietta desiderata
Il poeta vastese vuole, con le macchiette, riproporre, in chiave dialettale, la gente del popolo, nelle manifestazioni quotidiane, i quadretti d'ambiente, gli approfondimenti folkloristici, le tradizioni popolari, i fatti, le storie o aneddoti, dal colore e sapore locale, che hanno interessato Vasto, nel tempo, e che rappresentano uno specchio di vita della città.
M. S., ottobre 2011
1
A la štazziàne Alla stazione
2
Annènd’ a ‘na putéche Davanti ad una bottega
3
Canda jäve a smurzä' Quando praticavo pesca subacquea
4
...ci facciamo il teatrino ...ci facciamo il teatrino
5
Da Parigge a Londre ... Da Parigi a Londra ...
6
... fusse quéšte lu ‘mbrèlle? ... è questo l’ombrello?
7
Lu hunùcchie (dall’ortopedico) Il Ginocchio (dall’ortopedico)
8
Munnizzàre näte Spazzino nato ovvero... figlio d’arte
9
Pe’ la troppa signuruèje n’ à pute dèice "frišt’a llä" Per essere troppo signora non ha potuto dire “frišt’ a llä” (non ha potuto scacciare il gatto)
10
Pèppe d'Arrèiche e la chicòccia rambicânde Pèppe d’Arrèiche e le zucche rampicanti
11
Pèppe d'Arrèiche e la vussènne
Pèppe d’Arrèiche e la spinta
12
Pèppe d'Arrèiche e lu luèbbre
Pèppe d’Arrèiche e la lepre
13
Pèppe d'Arrèiche (urtuluäne), Sandarèlle (callaräre) e la famòsa chicàcce Pèppe d’Arrèiche (ortolano), Santarelli (ramaio) e la famosa zucca
14
Pò rèsse ca ci cràide! Può darsi che ci crede!