Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Da Parigge a Londre ... (Da Parigi a Londra ...)
(lezione di economia)

Me na cridàive che a ‘na cèrt’ etä’
n’ gi štéve cchiù nijènd da ‘mbarä’,
invéce mé, nghi la televisiàne,
ogne jurne mi ‘mbäre ‘na lizziàne.

Credevo che ad una certa età
non ci fosse più niente da imparare,
invece ora, con la televisione,
ogni giorno imparo una lezione.

Štéve sindènne lu teleggiurnuäle,
parläve di la Borza mundijäle;
‘na chéuse haje scupuèrte prupie ajjìre,
di coma va’ dalônghe cirti ‘ddìure.

Stavo a sentire il telegiornale,
parlava della Borsa Mondiale;
ho scoperto una cosa proprio ieri,
di come vanno lontano certi odori.
Quase n’ gi pozze cràide... Pò ma’ rèsse
ca se üne a Parigge va a lu ciuèsse,
la püzze attravèrse mare e ttèrre
e s’arisènde fin’ all’Inghiltèrre?
Quasi non posso crederci... Può mai essere,
che se uno a Parigi va al bagno,
la puzza attraversa mare e terra
e si sente fino in Inghilterra?
Jé lluvuàre!... Pruvuäte a ccundrulluä’
l’andamènde a la Borze... coma vä’?...
Canda lu “CAC” di Parigge aumuènde,
oh!... lu “PUZZ” di Londre n’arisènde!
E’ vero! Provate a controllare
l’andamento alla borsa... come va?...
Quando il “CAC” di Parigi aumenta,
oh!... il “FTSE” di Londra ne risente!
Fernando D'Annunzio, novembre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina