Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
...ci facciamo il teatrino (...ci facciamo il teatrino)

‘Na matèine, lu tèmbe ere bbelle,
haje jüte a lu muäre a Cunguarèlle.
Da scoje a scoje jave zumbuènne
e li circhiùle jave calènne.
Una mattina, il tempo era bello,
sono andato al mare a “Cungarelle” (1)
Saltavo da uno scoglio all’altro
e mettevo in acqua i “cerchiòli” (2)
Cacche ppilàuse, gna salipäve,
a lu ciurchiéule ci li truvuäve.
Qualche peloso, quando salpavo,
nel “cerchiòlo” lo trovavo.
‘Na salipäte è sciùte a surpràse,
a nu ciurchiéule štatté’ ddu’ pilìse:
une ‘ndricciäte a lu funnèlle,
l’âddre arrangäte pe’ la curduèlle.
Una salpata è uscita a sorpresa,
in un “cerchiòlo c’erano due pelosi:
uno intrecciato sul fondo,
l’altro arrampicato alla cordicella.
A la ‘mbruvvuèse ‘na signurèine,
tutte curiàse, mi s’abbicèine,
dice: - Buon uomo - tutte šchiféte...
- di quelle bestie cosa ne fate ? -

All’improvviso una signorina,
incuriosita, mi si avvicina,
dice: - Buon uomo, - tutta schifata...
– di quelle bestie cosa ne fate ?
Haj’ arimâšte gné nu sualäme,
putéve dèice ca li magnäme ?
J’haj’arispošte: - Li porto ai bambini
e ci facciamo il teatrino.
Sono rimasto come un salame,
potevo dirle che le mangiamo ?
E le ho risposto: - li porto ai bambini
e ci facciamo il teatrino. -
(1) Località della scogliera vastese - (2) Cerchi di metallo con rete a coppa per la pesca dei “pelosi”, specie di granchio molto ricercato nella zona
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina