Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Canda jäve a smurzä' (Quando praticavo pesca subacquea)

Mi vé’ da rèide canda ci’aripènze,
sarrä ca m’à scappäte ‘na scimènze...
A li scuje, a la vì’ di “Tira-tèire”,
mi n’avé jüte pi’ cciòcchela nèire.
Mi viene da ridere quando ci ripenso,
mi rendo conto di aver detto una scemenza...
Sulla scogliera, nella zona di “Tira-tèire”,
(1)
ero andato per pescare cozze.
‘Scìùte dall’âcche nghi ‘na martavèlle,
l’haj’ appuggiäte sopr’ a lu bbuattèlle.
Uscito dall’acqua con un retino pieno
l’ho appoggiato sul battello.
Nu bbuardasciòtte mi s’é ‘bbicinéte
e mi huardäve nghi ll’ucchie scacchiéte
e, mendre mi luvuäve l’armamènde,
mi send’ a ddèice, ‘mbruvvuisamende:
Un ragazzotto mi si è avvicinato
e mi guardava con occhi sbarrati
e, mentre mi liberavo di maschera e pinne,
mi sento dire, all’improvviso:
- Ma lei é proprio un sub eccezionale! -
J’haj’ arispôšte: - Sono un sub.. normale.-
- Ma lei è proprio un sub eccezionale! -
Ed io ho risposto: - Sono un sub... normale. -
(1) soprannome di un proprietario di trabocco;
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina