Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
Annènd’ a ‘na putéche (Davanti ad una bottega)

- Sanghe di la Majèll’ e nniènde cchjü’!
Si tt’acchiâppe ti facce trìti trèite!
‘Šta vrittitäte, porce ‘nguducuäte.
Mo ti chiàve ‘na chègge, ti schinàcchie!
- Sangue della Maiella e niente più!
Se ti piglio ti stritolo!
Sporcaccione, porco “’nguducuäte” .*
Ti assesto un calcio, ti rompo le ossa!
M’haja tôje ‘na râje ogne mmatèine!
Nghi ttanda lâriche, a ècch’ à’ da minè’
a ffa’ ‘štu ‘mbiâšche pi’ mmi ‘mbuzzinè’!?
Devo prendermi una rabbia ogni mattina!
Con tanto spazio, proprio qui devi venire
a sporcare e infestare l’aria!?
Lu suènich’ acchiappâsse e cchi té’ ‘pprèsse!...
Ch’ a ‘štu puajàse n’ gi’ à da ‘llignà n’âlbere
a ndo’ nu cuäne pò fa ‘na pisscènne!?
Prenderei il sindaco e tutto il suo seguito!..
E’ possibile che in questo paese non deve esserci un albero dove un cane può fare il suo bisogno!?
* ‘nguducuäte = aggettivo attribuito al porco = provvisto di cotica
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina