Macchiette vastesi di Fernando D'Annunzio:
A la štazziàne (Alla stazione)

A la štazziàne, ‘mbacce’ a ’na chilônne,
morte di fäme e cicàte di sônne,
štingh’ a ‘spittä’ lu truéne pi’ jì’ a Bäre.
Alla stazione, appoggiato ad una colonna,
morto di fame e cieco per il sonno,
sto aspettando il treno per Bari.
Mo ‘rifà jurne e angòra mi ni vâje,
passe li tréne e jè’ n’ gi puzze sâje,
picché ogne vvodde che n’ arrìve üne
s’arrépe nu spurtàlle e vieno fuori
une che dèice: - in caròzza signori! -
Sta rifacendo giorno e ancora non parto,
passano i treni ma non posso salirvi,
perché ogni volta che ne arriva uno
si apre lo sportello e viene fuori
uno che dice: - in carrozza signori! -
- Scùsimi pringipà’ se tt’ accimènde,
‘na ‘nfurmaziòne vurrì’ ca tu mi dâsse...
lu tréne di li cafùne quanda passe? -
- Scusi principale se la importuno,
vorrei da lei un’informazione...
ma il treno dei cafoni quando passa? -
Fernando D'Annunzio, ottobre 2011 - vignetta di Riccardo Malaspina