Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Córe di Mamme (cuore di mamma)

- Povere fèjje mé' gna mi s' è ffatte!...
'n z' aricannasce cchiì, core mé' bbèlle!...
Li fréve, chi da majje mi li vatte,
mi l' à riddìtte gné nu bambinèlle!...
- Povero figlio mio, come mi s'è ridotto!...
Non si riconosce più, cuore mio bello!...
Le febbri che da maggio me lo fiaccano,
me l'hanno ridotto come un bambinello!...
E' ttré jurne chi ni' mmi prove latte,
chi smanijajj' e ppiagne, puvurèlle;
ajje pahìure chi nin gi' aèsce matte,
tande mi féuche 'n gape 'sti cirvèlle!
Son tre giorni che non mi prova il latte,
che delira e piange, poveretto;
ho il timore che non diventi matta,
(dal) tanto che mi arde in testa questo cervello!
Madonna mà', ni' mmi ni fèite cchiì!
Piccà mi l'à da fa' tande patèjje?...
fajje la grazie, mé, fajjèle, sì!
Madonna mia, non me ne fido più!
Perché me lo devi (così) tanto far soffrire?...
fagli la grazia, adesso fagliela, orsù!
Si la salìute m' aridé' a 'stu fèjje,
di mà sì la patràune sole ti;
dèmme: "vatt' a 'nnihà'", mé mi ci abbèjje!
Se la salute mi restituisci a questo figlio,
di me sei la padrona solo tu;
dimmi: "vatti ad annegare", (e da) ora mi ci avvio)!
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 21 - anno 1889