Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Burbòneche (Borbonico)

Nin zi po' cambà' cchiì, è 'n' arruvèine!
Mar' a nnì, chi cci séme capitate!...
E ppinzà' ca ci stàive li quatrèine,
e chi 'm mèzz' a la grasce séme nate!
Non si può più campare, è una rovina!
Sventura a noi, che ci siamo capitati!...
E pensare che c'erano i quattrini,
e che in mezzo all'abbondanza siamo nati!
A ddu' turnèisce si vinné' lu vèine;
cinghe rane di pane 'na palate:
mé nghi nu coppe vi' chi cci cumbèine,
si t' avaste pi' ffarte 'na magnate!
A due tornesi (1) si vendeva il vino;
cinque grana di pane una palata (2):
adesso con un coppe (3) guarda che ci combini,
se ti basta per farti una mangiata!
Prèime, a la piazze, qualle chi vvulèive;
mé si lome strascèine vita 'tèrne
a ccapammande...chi cci vu truvà'?
Prima, in piazza, tutto ciò che volevi;
ora si portano (via) vita eterna (4)
al nord ...che ci vuoi trovare più?
Li pisìure ti sìuche vive vèive,
cullì ch'acchiappe titt' è li huverne:
chi bbella chéuse ch' è 'ssa libbirtà!
I gravami (fiscali) ti succhiano vivo vivo,
colui che arraffa tutto è il governo:
che bella cosa che è codesta libertà!
(1)Il tornese era una moneta di rame in corso prima del 1860, del valore di circa due centesimi.
(2) Un grano equivaleva a due tornesi. Quella quantità di pane che poteva contenere la pala allorchè s'infornava; cioè due rotola (kg. 1.838).
(3) Rotolo di monete di rame del valore di L. 5,00.
(4) Tutto.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 28 - anno 1891