Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
A lu Giùdece piccininne (in Conciliazione) (1)

Gnorscè, signore Ggì', 'n ajje pahate,
l'affètte di sittembr' i l' ajja dà';
ma a 'ssu sugnàure chi i l' à nihate?
mé pi' qquasse m'aveva fa' chiamà'?...
Signorsì, signor Giudice, non ho pagato,
l'affitto di settembre glielo devo dare;
ma a codesto signore chi gliel'ha negato?
Adesso per questo doveva farmi citare?
Ahuànne, 'n grazi'a Ddè', é bbon' annate;
schinènz' a la riccodde à d' aspittà'...
ca mi fa l'indirrèsse 'n é ppiccate?
ddo' l' ajja tojje? ... pozze jè' a rrubbà'?
Quest'anno, grazie a Dio, è buona annata;
fino alla raccolta deve aspettare...
che mi calcola gli interessi, non è peccato?
dove devo prenderlo? ...posso andare a rubare?
Jè mé li matte 'm méne a 'ssugnurè';
a vinnègne li vujje jè' a pahà'
come nu hualandéume, crit' a Ddè'!
Io adesso lo metto in mano a vossignoria;
alla vendemmia lo voglio andare a pagare
come un galantuomo, credi a Dio!
Si dapù 'ngocc' e nin zi vo' 'ccurdà',
'ssugnurè' stasse fàjjil' accapè'
ca mé quatrèine ni' mmi pozze fa'!
Se poi si ostina e non si vuol accordare,
vossignoria stessa glielo faccia capire
che ora quattrini non posso diventare!
(1) Il Giudice piccolo vorrebbe essere, il conciliatore davanti al quale si diramavano le questioni minori.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 2 - anno 1886