Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
A lu ddazie (al dazio)

Chi ppurte? - Nu ccungille di farèine.
E ni' li sé ca ci s' à da pahà'?!...
Férme l'àsene, vèite ca camèine?...
sciujje 'ssu sacche ca s' à da pisà'.
Che cosa porti? - Un pizzico di farina.
E non lo sai che ci si deve pagare?!...
Ferma l'asino, non vedi che cammina?...
sciogli codesto sacco che si deve pesare.
Frangì, 'na men' a ècche davicèine;
ajute 'stu quafàun' a scaricà'...
pusate, ...fa quattódece dicèine...
quarandacinghe solde à da caccià'.
Francesco, (dai) una mano qua vicino;
aiuta questo cafone (1) a scaricare...
posate...fa quattordici decine (2) ...
quarantacinque soldi devi sborsare.
Ma quasse mé 'n' é 'na vrivugnarè'?!...
M'avete date forze pi' ssumende
ca 'ssi quatrèine v' ajja dà' 'ccuscè?!...
Ma tutto questo, adesso, non è una vergogna?!...
Mi avete dato forse per la semente (3),
perché questi quattrini vi debba dar così?!...
'M mezz'a lu passe ma piccà 'n gi jate?!...
Ch' almen' a elle, pi' spujjé' li ggènde,
vi po' l' óme chiavà' 'na scupputtate!...
In mezzo al passo (4), ma perché non ci andate?!...
Perchè almeno là, per spogliare i viandanti,
vi possono tirare una schioppettata!...
(1) agricoltore.
(2) La decina era una misura anomala di peso, usata per varie derrate e merci: equivaleva a Kg. 3.564.
(3) dato il grano per la semina: già nell'uso del contratto agricolo a mezzadria.
(4) concetto figurato: il luogo in cui appostarsi proficuamente onde depredare ignari viaggiatori.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 5 - anno 1890