Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
A la pricissiàune (alla processione) (1)

Vèit' a chi la patane di Cungette
chi ssorte di turciàune si strascèine?!
E ssé' piccà porte tand' éure 'm bette?
Ca è scìute zèite chila vrettacchièine!
Guarda quella patata di Concetta
che sorta di grossa torcia (si) strascina?!
E sai perché porta tanto oro in petto?
Perché si è fidanzata, quella sporcacciona!
Ci va 'nzimbre la sèure di Sabbètte,
chi tté' l'orte a la vé' di la marèine:
manghe linzule tè' chillì a lu lette,
ma ogn' anne va 'pprèss' a la Sanda Spèine!
Ci va assieme la sorella di Elisabetta,
che ha l'orto sulla strada della marina:
non ha nemmeno le lenzuola (quella) nel letto, ma ogni anno va dietro alla Santa Spina!
L' ùtema cacchie, hìun' è Fulummé',
chi ddoppe ca si matte li brillande
lu liffe torte ni' i fa 'ddirizzé';
L'ultima coppia, una è Filomena,
che nonostante indossi i brillanti
l'anca storta non le fa raddrizzare;
e ll'addre è Ngiamarè' di Colasande...;
ma èsse la cràuce, samm' aggiunucchié':
"N nòmene Patre, Fèjj e Spirde Sande!"
e l'altra è Angiolamaria di Colasante...;
ma ecco la croce, fammi inginocchiare:
"In nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo!"
(1) trattasi della storica processione della Sacra Spina.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 23 - anno 1892