Aneddoti vastesi e abruzzesi: D - I
 
Dialoghi
Davanti all'ufficio delle tasse un poveretto ha appena fatto un versamento:
- Ti mmì - commenta sconsolato - je m'aje rotte la schìne e adàdde fanno l'arte de Cajàsse:
màgnene, bbàvene e vànn'a spàsse
.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2010

Dilemma
'Na signàure di famèjje rëcche alluvuàve chi lu sole fejje dendr'a a la vámmace e j faciàve vánge ogne caprëcce, tande che lu marëite s'arrutàve pe' chila manìre d'aducà' lu cétele. Ma 'nu jurne j s'abbotte li chijjìne e a la majje j fa:
- O accite cussù o fanne n'addre.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2015
Don Caddàne
l'arcepredde de Sand'Bbune
Carminîcce, dètte Varvatórte, si n'ariprijéve de
lu zijàne Caddàne, arcipredde de Sand'Bbune.
Nu jùrne zì predde, 'ndrattinîte a lu Uaste pe' lu mmale tèmbe, telèfene a Carminîcce pe' nu piatte de minèstre - Va bbune, Zì Caddà, vi a la casa mà, ca màjjeme Carméle ha cótte past' e fasciùle. - 'N ti 'ngaricà - dëce lu predde - che pur' a Sande Bbune se magne li fasciùle.
A tàvela màsse, trumminde Carminîcce ave' 'ccumenzate a magnà, lu vicchie l'arechiàme tutte 'ngazzate:
- Prëime la prihìre, nepàte care. Dóppe se magne.
- Dóppe! Ma Carminîcce Varvatórte lèste, nghi la vocca piàine, j'arispànne: - Zijàne me', 'na prihìre... schinènze pe'
štu piatte di fasciùle? E se fusse state 'nu pullastrélle ch'avevama fa', 'na pricissiàne?
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2006





Don Rromé' fusse quešte?!...
Di telefoni ce n' erano davvero pochi, anzi pochissimi, ancora negli anni Cinquanta (del secolo scorso).
Do' Rromé', il mitico parroco della Chiesa di san Pietro così caro alla memoria dei vastesi, aveva però fatto installare da poco un apparecchio nella canonica.
Un giorno, dopo aver detto come al solito messa, mentre sta per riavviarsi verso casa viene colto da un improvviso temporale proprio in mezzo alla strada. Rientra nella canonica per cercare l'ombrello ma non lo trova. Cerca di qua, cerca di là, alla fine gli viene il sospetto di averlo lasciato a casa e telefona alla perpetua la signora Colomba: - Colò', vide se lu 'mbrelle me' l'haje lassàte aèsse? e Colomba: - Aspitte ca mo véte...
Trovato l'ombrello, ritorna tutta trafelata al telefono, afferra la cornetta con una mano e con l'altra alza l'ombrello dicendo: - O Do'Rromé', fusse que
šte lu 'mbrelle che vi' truvànne?
(n.d.r..: qualcuno dice che fu allora che a qualcuno venne in mente di inventare il video telefono).

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2014
Don Romeo e la divina provvidenza
Don Romeo Rucci, l'amatissimo parroco di San Pietro del quale rimane ancora vivo tra i fedeli il ricordo, era anche famoso per le battute caustiche e taglienti, pronunciate in un dialetto molto, molto stretto.
A "Gine la guardie" che, centrato dalle feci d'una innocente rondinella sopra un abito candido appena indossato, stava per prorompere in una solenne bestemmia, tappò una volta repentinamente la bocca dicendogli severamente:
"štàtte zëtte... e ringràzie lu Patratérne cha n' ha masse li sciànnele a le vacche!
(Taci.... e ringrazia il Padreterno che non ha messo le ali alle vacche).
Una bella risata ammiccante tra i due ha chiuso l'argomento.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002
Dopo la Messa
Pasquà, le s'indàse lu Vàscheve a la prèdeche de lu Ggiubbulé? Sa lamendate de 'na làttre anòneme ca ricivìte.
A mma nin po' succède - risponde Pasquale;
Prime de titte picca 'n zo munzignàre e 'n zecande piccà lu fijje mé n'è manghe fidanzate. 

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2005















Dumuìneche D'Annunzie e lu trabbàcche
Domenico D'Annunzio (Mimi per gli amici) aprì a fine anni '90 un ristorante a Perth che chiamò Bella Vasto e fece realizzare un affresco raffigurante il mare di Vasto con un bel trabocco. Ad alcuni clienti australiani spiegò che la strana struttura era un congegno d'epoca romana per l'estrazione del petrolio. Alcuni dei presenti obiettarono subito:
-Ma com'è possibile, sorry, se il petrolio s'usa solo da qualche centinaio di anni?
Mimi se la cavò rispondendo che il petrolio veniva usato dai romani per alimentare torce e lampade.
- Hann'arimè
šte a vvocch' apèrte tutte quènde - commentò più tardi con gli amici
- Oh... come se l'hanne 'ngruccuàte! (se la sono bevuta, eccome!)
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2005






...E Addio musica!
Zio Domenico, così raccontava parlando con un musicista:
Puri jè, aunite a li fréta mi', cand'eravàme ggiuvunittèlle, študiavàme la müsiche.
'I sém'accattäte nu rucuanàtte, lu "ddu' vucètte" e ttutt'e ttrà sém' accumunzäte a fa' li préuve, ma papä', chilu "ffirulì... ffirulà" ni li vuléve sindè. Allare tutte li sàre' i ni javäme a la štalle dill'âsine. E sune tî ca sone jè, e une sunuäve e ll'eddre candäve, doppe 'na puche di mèise j'avàme 'mbaräte bbunarèlle.
'A ttembe di vinnàgne, 'na matèine
papä' va 'ttoje l'âsine, j'à mésse lu mmuâšte e li bbaünze, e qualle... canda si n'à cascäte.
Lu vutrinârie, chiamate a lu lette dell'
âsine ammalàte, à 'žžàte li spâlle e à dètte ca nin tinéve nijénde ma 'i si pjigàve li côsse pi lu troppe sônne.
Gna si n'è jùte lu vutri
nârie, ch'avute rèsse pure pahäte, papè à cchiappate chilu rucuanàtte, si l'à messe sott' a li pite e l'à fatte ccuni cchìune...
E addio musica.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2016
E' Mèjje Lu Uašte
Tornato da Roma, gli amici interrogano Antonio per sapere com'è la Capitale.
- Gna è... gna è? - chiedono ansiosi.
E lui serafico: - dal Pincio... è tutte tëtte e ciumunîre.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2007



E ppiccà, ci vé' canda mi more jè?
- Ggsâ', li si sapîute ca s'é mmorte 'mbuà Giusuèppe?... Lu funeräle si fa dumuàne doppemagnè... Ti pass' a ttôje iè, ca ci jame aunuète.
- Nàune, Niché'... jè 'n gi vinghe a lu funeräle!
- Come, nin gi vì?... A 'mbuà Giusuèppe?...
- E ppiccà ..., àsse ci vé' canda mi more jè?!
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2016
Esproprio Proletario
Gino, un ingenuo bracciante di Villa de Nardis, ha votato per il partito che in nome del socialismo gli ha promesso un avvenire senza più padroni e proprietà privata. Felice per la vittoria della lista votata, entra in un campo e sradica una pianta di lattuga per farne insalata. Il padrone dell'orto lo vede e chiama i Carabinieri che lo arrestano. Davanti al giudice, afflitto e disincantato, si giustifica dicendo: Ajje vutàte e ajje sbajàte. Pé' 'nu péte d'anzalàte ajje jìt'a fenà carciráte.da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2010
Fa Rribbuvé li murte
Nonnò Pasquale, 93 anni, entra in cantina. Non trovando l'oste ma la moglie di questi, chiede:
Giuvë, è bbone lu véine, štamatèine?
E' 'na specialità. Fa rribbuvé pìure li murte!
(risponde l'ostessa).
Allàure (replica pronto il nonnetto) métteme nu bbicchïre dendr'a li cazzìune.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2008

Fame Nera
Cumbuà', tinghe 'na fama nàire... (dice un povero diavolo ad un suo compagno di sventura).
Tàire la càute a lu cuàne (gli risponde quest'ultimo).
E se s'arivodde? (incalza il poveraccio).
Tàirele n'addra vodde... (sentenzia stoicamente l'amico).

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2009






Filodrammatici
Don Paolo Martone era un tipo davvero simpatico, dalla battuta fulminante.
Si racconta che durante una rappresentazione al Rossetti di un dramma nel quale aveva il ruolo di protagonista, dovendo cadere a terra fucilato, come la parte richiedeva, e non vedendo lo spazio necessario, si rivolse all'altro attore, Carmine Ragni, già disteso sulle tavole del palcoscenico bisbigliando:
- Carminù'... Carminù', scànzete ch'aja murë pure jà!

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2007
Finalmente rigido
Ogne tande nonna Carmèle e nonnò Pasquale si scagnène li cumblimìnde.
- Carme', si t'avessa murë prime ti, sopr'a la tàmbule ci vulèsse scrëve: "Qui giace mia moglie Carmela, fredda come nella vita".
- Pasquá', — replica prontissima la cara moglie
- s'avess'attucc'a mmà, 'nvece, ce facce scrëve accuscë: "Qui giace mio marito Pasquale, finalmente rigido".
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2008



Formaggio Inglese
'Nu uaštarole appena arrivato a Perth, in Australia, viene comandato di andare a comprare del formaggio al market. Non sa una parola d'inglese e si sforza di far capire al commesso quel che vuole. Inutilmente. Finché, indispettito, sbotta:
- Sì ccìse, a
štu ssensàle ca nin me capèsce.
E a quel punto l'altro: - Cheese, cheese, ok.... Tornato a casa, riferisce l'accaduto e aggiunge: -M'aje 'mbaràte l'anglàise. Mánneje n'accidènde e tte fì capë' subbete síbbete.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2010
Fregatura per Fregatura
Al mercato, anzi...a la piazze de lu puasce. Personaggi: un disonesto che vende pesce non fresco ed un falsario. Questi compra il pesce e dà una banconota falsa. Mentre s'allontana il pescivendolo mormora malignamente:
"A lu freje sinde le strèlle!..." ("Alla friggitura sentirai che musica!...). A sua volta, sfregandosi le mani, l'altro sghignazza:
"A lu cagne sinde lu piagne..." ("Al cambio sentirai che pianto!..)
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2003
Ggisù Crëšte me'... Ti li vuje pahä!
Zi' Ricucce, dopo una di quelle mangiate che ci fanno rimanere senza fiato, boccheggiando senza
riuscire a digerire:
-
Ggisù Crëšte me', ti li vuje pahä!... Fàmmele fa "nu rubbuìffe!"
(Gesù mio, vorrei anche pagarti il disturbo, ma fammelo fare ...un ruttino!)
.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2014
Quando la realtà supera la fantasia
Gli asini di don Ciccio
All'inizio del 1900 gli uffici comunali erano ubicati nel palazzo Vescovile di via Arcivescovado «'nzomme appiccichète a la chi'jse di lu Carmine, scimbeddatte».
Essendo invalso l'uso di "parcheggiare" i quadrupedi dinanzi alla porta del Municipio, don Ciccio, integerrimo funzionario di segreteria ordinò un giorno di affiggere alla porta del Comune un cartello con questa scritta:
"E' severamente vietato parcheggiare gli asini perché disturbano quelli di sopra".
E' passato un secolo, ma la morale resta?
Dajie e dajie che 'ccedajie.
E' passate schininze nu sèchele, ma la specie àresèste e nin'zipò perde sumènde.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001
Giù al Sud
Molti a Vasto ricordano ancora un simpatico personaggio soprannominato La Paoline, e la sua inesauribile vena creativa in fatto di storie assolutamente inverosimili. Un tal giorno, raccontando dei suoi trascorsi da emigrante in Germania ne disse una che tutto il bar dove si trovava a bere con gli amici quasi venne giù dalle risate: "Avet'a pinzà ca so 'riminîte da la Ggermànie senza spénne nu sodde de benzëne. Aje todde la màchene e me ne so calàte a fàlle. Da èll'ammànde la vëje ère tîtt' a la capabbàlle..."
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2012
Giuvànne e la candëine
Giuvànne s'è 'ncucciàte ca nin vo' bbeve cchiù lu vëine e pe' ttinà fàrme lu priposite accumenz'a jë a 'nnenze a ogne candëine.
A la prëime treite tra li dinde e pidijajje:
- Arisi
šte, Ggiuvà', nin ti fa fricà'...
E accuscì a tutte li candëine de lu Ua
šte.
Arruàte a la luteme dëice:
- Ggiuvà', si
štate bbrave, ti mìrite prùpite 'nu premie...
E dicenne dicenne si 'nzacche dendr'a la candëine a 'nciucianèrese.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2015
Gna ti ni rèite ca mi dé une solde!
Dinanzi alla bottega del barbiere Don Michele De Meis, un tipo di mattoide, il quale per radere i suoi clienti faceva uso di tre specie di rasoi che aveva distinti coi nomignoli di: Arisiste!,
Lacreme all' ucchie! e Piscetesotte!, che adoperava a seconda del compenso pattuito in precedenza con i clienti stessi, si fermò un giorno un contadino della montagna vastese con una barba di parecchie settimane; ed alla domanda del barbiere se desiderasse farsi radere, rispose di sì, purché non gli avesse fatto spendere più di un soldo, la sola moneta che possedeva.
E Don Michele, che la sapeva lunga, annuì,
dicendogli:
- Trasce, ca Piscetesotte ci penze!
Dopo avergli insaponata la faccia, il barbiere armato del rasoio Piscetesotte! incominciò la cruenta operazione; e ad ogni contrazione dei muscoli del viso che il povero contadino faceva, per le trafitte che il rasoio gli produceva nelle carni, Don Michele, per prenderlo in giro, diceva:
- Gna ti ni rèite ca mi dé une solde!
Volendo maliziosamente fargli credere che quelle contrazioni facciali erano da lui ritenute come stimolo di riso che il contadino frenava a stento per la contentezza di vedersi radere per un soldo, e non per l'effetto del dolore provato a causa da quel rasoio dal filo a sega, che, per giustificare il suo nomignolo, faceva veramente pisciar sotto. Luigi Anelli, Il Vastese d'oltre oceano, 24-9-1931

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002 
Haje fatte tânde pe'mmabbuttà'
Micchèle viene invitato da un amico al ristorante. Siamo al tempo in cui si pativa un po' di fame e, pancia mia fatti capanna!, ingozza tutto ciò che gli mettono dinanzi. A fine pranzo l'amico gli offre un digestivo: - "Mo 'i tujjéme nu bbuèlle diggeštìve?"
- None, none, frate sé - gli risponde di getto Michele - haje fatte tânde pe' mm'abbuttà' e mo mi vu' fa sùbbete dilliggirë?" (ho fatto tanto per riempirmi e adesso tu vuoi farmi subito digerire?)

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2014
I Bisogni dei Cani
L'irritazione dei vastesi sale ogni giorno di più. Le strade sono piene di feci di cani e nessuno fa nulla. L'argomento è al centro di una discussione tra Peppino e Michele.
- Cumbuà Micchè', lu quacàte de li chëne le truv'a tutte li vë. Ma peccà
štu suéneche noštre 'n fa cacchéuse?
-Nin me fa parlà, cumbuà Peppë. For'a la faccia noš
tre... forze je dà hušt' a šta 'n mezz'a li st...
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2012



I funghi di Felicetta Palizzi
Felicetta Palizzi confezionava fiori e frutti di cera e di tela per diletto e per l'intimo piacere di creare. Un giorno mandò a suo fratello Filippo a Napoli un cesto con dei funghi di cera perfetti nelle fattezze e nei particolari; tanto perfetti che il fratello, che ne era molto ghiotto, appena aprì il pacco li consegnò alla governante perché li cuocesse. Poco dopo le urla della donna lo fecero accorrere per constatare come un lavoro così accurato fosse diventato un'informe polenta.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002
















I "Napoleoni" di Filippo Palizzi
In uno dei suoi esperimenti artistici Filippo Palizzi aveva ottenuto un piatto con raffigurati dei Napoleoni (che erano delle monete in circolazione in quel tempo). Pittura e cottura erano riusciti così bene, il rilievo così perfetto che sembravano veri.
Il generale Spada, venuto a ritirare la celebre tela della battaglia di Villafranca nello studio di Filippo, sbirciava ogni tanto il piatto meravigliandosi che si tenesse così esposta un gran somma dì denaro. Il Palizzi accortosi di ciò, quando il generale gli diede una banconota per pagare il quadro, lo invitò a prendere il resto direttamente dal piatto. E quando il generale stese la mano si accorse dell'inganno...
Questo piatto fu considerato talmente perfetto dal suo autore, che non volle venderlo neppure a prezzi altissimi.
Un giorno venne ridotto in frantumi dalla cameriera che lo fece cadere dal tavolinetto della sua camera da letto nella casa in Via della Cupa.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002
J'è 'rruuète la fatèjje gnè a Pindarille
(Gli è arrivata la fatica come a Pindarille)
Sulla fine del 1816 la popolazione del Vasto ascendeva a poco più di ottomila anime; ed il povero Pindarille, a cui il Comune dava un tanto per ogni cadavere che sotterrava, faceva così magri guadagni che aveva deciso di cambiar mestiere.
Fu quindi per lui una vera manna piovuta dal cielo il tifo petecchiale scoppiato nel Vasto l'anno seguente nel quale morivano sino a sessanta individui al giorno.
- 'N grazia Ddë', m' è rruuète la fatèjje, (Grazie a Dio mi è arrivato il lavoro) - diceva allora Pindarille, vedendo che quella mortalità gli faceva buscare del bello e del buono. Ma godette poco tempo i frutti della sua insperata fortuna: giacché, colto anch' egli dal morbo, una mattina fu ritrovato stecchito nel suo letto.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002
J' li Sacce
Due amici s'incontrano. Dopo i primi convenevoli, Tizio comincia a raccontare sommessamente a Caio le peripezie passate nell'ultimo periodo e soprattutto i guai di lavoro e di carattere familiare che ha dovuto sopportare, intercalando la narrazione con continui Viat' a ttà, frate sé (Beato te, fratello mio). Dagli e ridagli con questa espressione, fino a quando Caio, che non aveva aperto bocca sino a quel momento, infastidito da quella autocommiserazione gli risponde: "Eh, frate sé, j' li sacce che cce porte a šta visacce". (Lo so io così ho in questa bisaccia).
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2009









Il Caffè di piazza Caprioli
A piazza Caprioli c' era una volta, intorno al 1930, una piccola bottega del caffè.
Non un bar, come s' intende oggi con tanto di macchina espresso, ma un locale in cui lu cuafè veniva bollito in un pentolino di rame e passato in uno scolino prima di essere servito.
Proprietario n' era un uomo di poche parole che per evitare discussioni aveva affisso ben visibile sulla parete un cartello con questa scritta:
«Qui il sole risplende, buon caffè si vende, allegri entrate, di politica non parlate e prima di uscire.....pagate».

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2004
Il fringuellìo... delle rondini
Come Dante e Virgilio, Micchèle e Dumuìniche, ispirati dalla magica atmosfera d'una tranquilla
serata d'estate.
Micchèle: - Guarda, Domenico, il cielo stellato sotto il fringuellìo delle rondini!...
Dumuìniche: - Ma piccà li rundinìlle... fringuelle?
Micchèle: - E ppiccà cchi fa... gràcide?
Dumuìniche: - Ma
štatte zëtte, Ecchijè li pèchere?
(n.d.r.: m'aricorde ca pi' lu troppe rèite m'à 'cchiappàte lu dulore a li fiènghe).

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2014


Il maestro di violino
Un ragazzotto s'era messo in testa di imparare a suonare il violino e aveva cominciato a prendere lezioni. Il maestro, tuttavia, che con tanta pazienza aveva iniziato a spiegargli note, scale e solfeggi, s'era presto accorto di quanto la musica rimanesse estranea a quel giovanotto. Quando poi dalla teoria passarono alla pratica, apriti cielo! Dallo strumento non usciva una nota. Jére sole nu zzurr'e zzurre. Un bel giorno però il maestro non ne potè più e, preso da parte l'allievo, gli disse calmo calmo: - se' che vvu' fà'? tuje nu chiéuve, tuje ssu viulèine, falle a cavutill' a cavutille e vacce a ppischä li piscitille di mâjje!
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2014



Il Necrologio
Tutti i giorni che Dio comanda Vassilícce, nome proprio di persona, diminutivo del vastesissimo Basso e non, si reca all'edicola, sfoglia il giornale, guarda i necrologi, scuote la testa e lo restituisce puntualmente all'indispettito venditore dicendogli: Mah!...n'gi stínghe mánghe újje. Mò vedàme dumuàne.
Passa oggi e poi domani, Vassilícce, un bel giorno stranamente non si vede. Incuriosito, l'edicolante prende il giornale, apre alla pagina dei necrologi e scorgendo la foto del povero Basso con tanto di
"munito dei conforti religiosi", istintivamente commenta:
Che mmàla sórte! Écchele vë, è scíute sopr'a lu ggiurnàle pruprie újje ca n'é mmeníute.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2008
Il Pelo... ponneso
(Raccontata da Fernando D'Annunzio)
"In occasione della gita del Coro Polifonico Histonium in Grecia, nel 1988, di ritorno da Atene, ci siamo fermati due giorni in un albergo d'una località di cui non ricordo il nome. A Cena, commentando il livello della sistemazione ricevuta, Lino si lamentò pesantemente di aver trovato tra le lenzuola alcuni peli.
- Potrebbe trattarsi di un'usanza del posto... Visto che stiamo nel Peloponneso - fu il mio
commento".
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2014
Il Pullover
Saverio è un giovin signore che ama vestirsi bene e che spende molto in abbigliamento.
Osservando casualmente però una vetrina che espone un pullover identico a quello che indossa, s'accorge di averlo pagato più del doppio. Infuriato si reca dal negoziante che glielo ha venduto e chiede il motivo di tanta sproporzione di prezzo.
Sfido io - risponde il commerciante
- è di pura lana vergine!
E Saverio, ancor più seccato :
Mbo! E chi te l'ha dette che la péchere de ssa lane n'ha fatte la puttane?

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2009
Il Senso della misura
Giovanni sta sull'uscio di casa e vede il compare Cesari0 con un piatto in mano.
Ggesà', a chi li púrte ssu piattàune? (Cesario, a chi porti quel piatto cosi grande?)
A ttà, cumbuà' Ggiuvuà'. (A te, compare Giovanni).
Cumbuà', a mma ssu piattìcce?! (Compare, a me un piatto così piccolo?!)
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2009
II sitovaglio
A la piazze di la virdïure, Bbaštijäne, ha da vendere dei fichi e vuole disfarsene per tornarsene all'orto. Si rivolge a na fraštìre, una signora non di Vasto:
-Signò', tùjetele tutte quende ca mo ti facce sparagnà'. Interessata la signora chiede:
- Ma come me li porto a casa? E Bbaštijäne risponde:
- Signora, non te ne percopàre, mo te l'arisotovaglio io (penso io a sistemarli) -
Prende una cassettina di recupero, vi sistema i fichi e la porge alla signora, la quale, lusingata da tanta gentilezza, gli dice:
- E come farò per farle riavere "il sitovaglio"?

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2014
In Canonica
Silvio Petroro entra in chiesa e vede don Decio che spolvera un grande crocifisso e subito dice:
«Monsigno', stai attento, a non spolverargli i piedi che gli faresti solletico !».
Don Decio replica: «Ha già sorriso vedendoti e mi ha detto che se ti confessi, per penitenza dovrò mandarti da "Sprusciavidille" a comprare 100 paia di scarpe e solo quando le avrai consumate tutte potrai andare per sempre da Lui in Paradiso».
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2004
In Che stato sei?
Luigi rientra a casa ubriaco fradicio. Ha passato tutto il pomeriggio della domenica con gli amici nella cantina di Cícche Pallàtte, un locale del Palazzo Palmieri in piazza Rossetti in cui si sono ritrovati per decenni gli amanti del buon vino. Sulla porta la moglie Concetta l'affronta esasperata:
- Sbruvugnáte, jé nghi li 'mbrijéche 'n'gi vujje cummàtte. Ma n'te n'abbruvîgne a rremenà' accuscë. . . in questo stato?
- ma peccà, Cettì', 'ndo stàme a la Svézzere?

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2008
In Farmacia
- Dottò', dottò', ...damme 'na pallette di... come si chiame?... viacra, viagra.
- Nonno' angora a quàsse pinze? Ti quasi cend'anne... - gli risponde i! farmacista - e canda ni vu?
- Sultande nu ccone pe' nin pisciarme sopr'a li scarpe.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2011
In fila 'ndiàne?
Libbràte e Ccungètte, due anziane signore, camminano (tìtte ca mi tinghe, reggiti che mi reggo) tenendosi sottobraccio in via Madonna dell'Asilo.
Un'auto, parcheggiata con lo sportello aperto sul ciglio dello stretto marciapiedi sbarra loro la strada ed il conducente al telefono non se ne cura proprio. Liberata cerca di farsi strada accostando lo sportello, ma subito si sente apostrofare dall'arrogante:
- Signora, non è modo di fare il suo.
- Mbò, 'n' é mmode di fä'? - risponde Libbràte
- E com' adéma passà? (Ah!... non è modo di fare?... e come facciamo a passare?)
- Potete passare in fila indiana...
- In fila 'ndiàne?!
Štattém' all'Italie e j'à déma, màtte in fila 'ndiàne! - ribatte inviperita la vecchina.
- Ma se' chi vvu fä'?... Véto a ddove dovét'antàre!...- (In fila indiana?!... Stiamo in Italia e dobbiamo metterci in fila indiana! Ma cerca di andartene!...)

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2008
In Pretura
Cesario, analfabeta, compare davanti al Pretore con l'accusa dì furto.
- Cesario, siete accusato di asservi introdotto nel fondo confinante e di esservi appropriato di alcuni strumenti di lavoro custoditi nella rimessa. Cosa dite a vostra discolpa?
- Ca nin è llu uàre, signor Ggiù. So
spuštàte solamende li zappune e le faggije da 'na via all'addre. I so' mmèzze matte e nin zacce mà' quelle che facce.
- Ah, ma nella vostra pazzia - gli chiede il Pretore - v'è mai capitato di fare ad esempio il contrario, di prendere roba vostra e di spostarla nel magazzino del vicino?
- Mbò, signor Ggiù: t'aje ditte ca so' mezze matte... ma non tutte matte!

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2011
In Trattoria a Milano
Saverio Molino, dirigente della Comit (oggi Banca intesa) a Milano, ama ritrovarsi ogni tanto con i paesani emigrati a Milano che son soliti riunirsi in un' osteria di via Torino. Entra e dice:
«Hué fra, coma 'stéte? Che 'sse fa a lu Uaste?».
L'oste inebetito domanda: «Ma dottore, che lingua parlate?» E Molino pronto:
«L' arabo, sciur Brambilla».
Qualche giorno dopo capita nel locale una comitiva di marocchini e dopo averli sentiti parlare, il Brambilla si rivolge ai vastesi dicendo:
«Le propri vera che anca vu parlat arabo!» e Molino ribatte:
«Può darsi, ma no semo mica pirla sciur Brambilla».

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2004

In Tribunale
'Na vodde a lu Uašte 'nu ggiàvene si mandenàve 'nu pezze de fammene, però chiuttošte mangulàre, tande che 'nu uaštase j jàve turne turne pe' se li sajje. Chilu ggiàvene si 'ngiferèsce, j te' lu puste a chilu sbravande e 'nghi lu curtèlle j crivelle la panze e li manne all'arbre pizzîute. A lu
Tribbunàle di Langiàne, prëime d'aritirèrse, lu ggiudëce addummànne:
- Imputato, avete qualcosa da dire?
Sapenne che j vulevene accalicà 'na cundànne d'alumène 'na vindina d'anne chilu digrazíete arispànne:
- Signò' ggiudëce, fatte lu cuànde ca a lu Uašte štu cuazze 'ng'è nnàte.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2015
In Tribunale
Pippinìcce viene citato in giudizio da Micchalìcce, il quale vanta un credito nei suoi confronti. Persona seria e leale, generoso al punto da ritrovarsi pieno di debiti per aver prestato danaro agli amici, non nega davanti al giudice il debito nei confronti di chi lo ha trascinato in Tribunale, ma si giustifica semplicemente dicendo al giudice: Nin de li néghe e nin di li dínghe. Chi ha d'avè o c'aspette e chi m'ha da dà facèsse prešte.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2010
Incontentabile
-Papà, oggi festeggiamo il tuo compleanno: Non sei contento? - dicono i figli radunati attorno al vecchio padre.
- Lu combleànne mé? E cand'anne so fatte?
- Ma come non lo sai? Sono ottantadue...
- Mamma majje - risponde sbigottito l'ottuagenario - e mmo 'rrëve a cende.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2011
Interrogatorio, a domanda risponde
D - Ué, ggiuvunò', gna ti chiéme?
R - Fernande

D - E coma t'arimètte?
R -
D'Annunzie
D - D'Annunzie?... E 'cchi ssi lu fuèje?
R -
Papà si chiäme Luigge
D - E gna 'i lome dèice?
R - 'Idicene "La muschilelle"...
D - "La muschilalle"! ma Vingenze La muschilalle
che tt'arivé?

R - Jé zijàneme
D - Ma allàre pètte é cullù che fa l'utuluäne e šta di cäse a Sanda Luciè?
R - Gnor scì, a Sanda Lucì'!
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2015
Invocazione
Alla processione della Santa Spina. Dietro la statua tutte le autorità.
Una vecchina appoggiata al muro mormora a mò di preghiera.
"Falle cascà Santa Spina mà, falle cascà" (Fallo cadere, Santa Spina mia, fallo cadere).
- "Ma ch'ha da cascà?" (Ma chi deve cadere?).
- Le chiede un tizio accanto.
- "Lu Suéneche!... (Il Sindaco!...).
- "E pecchà?" (E perché?) - replica sbalordito quel tale.
- "Sol'accuscè se po' rgiusté la vèje... Se nnà, n 'ce
šta speranze" (Solo così si potrà riparare la strada!... Altrimenti non c'è speranza).
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2003