Pittori di Vasto
Luca Pontassuglia

 

Luca Pontassuglia, studente presso l'Accademia delle Belle Arti di Roma, si è già imposto all'attenzione nazionale nonostante la giovane età per alcuni lavori unanimemente ritenuti pregevoli.
Luca nasce a Vasto l’8 Giugno 1994, nel 2012 si diploma al Liceo Artistico “B. Jacovitti” di Termoli.
I brillanti risultati ottenuti nel corso degli studi gli permettono di ricevere, nello stesso anno del diploma, il riconoscimento/onorificenza di “Alfiere del Lavoro” da parte dell’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e di essere inserito nell’Albo Nazionale delle Eccellenze.
Nel 2013 espone alcune delle sue opere digitali nella Sala Mattioli in Vasto, in occasione del Festival della Scienza “Arte e Tecnologia”.
Nel 2014 partecipa alla esposizione collettiva “Artista per una Rosa”, tenutasi nella Sala Santa Rita a Roma. Sempre nel 2014 realizza un’opera per la collettiva itinerante d’Arte Sacra, dedicata a “Fernando Rielo”; organizzata dalla Cappellania dell’Accademia di Belle Arti di Roma.
Cresciuto nell'Oratorio Salesiano di Vasto, dove collabora come animatore nel gruppo Amici Domenico Savio, nel 2013, alla vigilia della presenza in città delle reliquie di Don Bosco, riceve l’incarico dal Rettor Maggiore don Ángel Fernández Artime, di realizzare l’immagine della
Strenna 2015” - poster del Bicentenario della nascita del Santo dei giovani celebrato nel 2015. Il
grande quadro, vedi sotto, si trova adesso sopra l'altare della parrocchia di S. Giov. Bosco
di Vasto.
Nel 2015 partecipa al modulo di xilografia, del XII master di Opera Grafica alla Fondazione CIEC, in Betanzos, Spagna, dove espone le sue xilografie in una collettiva nel Liceo de Betanzos; due delle quali selezionate per la VII esposizione KIWA, tenutasi nel Kyoto Municipal Museum a Kyoto, Giappone.
Nel 2016 ­ mostra alcune delle sue opere pittoriche, in occasione dell’evento “Lungo il Tevere - un fiume di cultura”, svoltosi a Roma. Partecipa con un’opera pittorica alla collettiva tenutasi al MAXXI – Corner D a Roma, in occasione dell’evento
Festina Lente” – giornata mondiale del Parkinson.
Nello stesso anno vince il Premio Fabrizio De Andrè, XV ed., “parlare musica”, per la sezione Pittura; con l’opera
il colore degli Ultimi”; evento tenutosi nella Sala Sinopoli, Auditorium Parco della Musica in Roma.

Nell’Ottobre 2016 consegue con il massimo dei voti la laurea triennale in Decorazione presso l’Accademia di belle Arti di Roma.
Oggi prosegue i suoi studi artistici nel biennio di Decorazione della stessa Accademia di Belle Arti.

Il colore degli Ultimi,
pastelli ad olio su
compensato, cm. 70 x 100
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2016 e art. apparsi su "vastogallery. blogspot.it" di Filippo Marino - Vasto - 2017

Carciofi, 2016 - tecnica mista su cartoncino, cm. 50 x 35
 
Trabocco, 2015 - acrilico su tela, cm. 140 x 50

La scultura di Luca Pontassuglia
La suggestiva bellezza nell'arte 
La bellezza nell'arte è questo il presupposto basilare su cui si fonda l'arte scultorea di Luca Pontasssuglia, un giovane e già affermato artista assurto a vertici prestigiosi.

Nella Pittura e nelle Scultura che sono per lui congeniali, riesce a cogliere momenti espressivi
di grande suggestione che costituiscono empiti scaturiti da una irresistibile espressione sorretta da una stupenda bellezza compositiva. 

Nella composizione delle "Sacra Famiglia" immagine a fianco, l'artista rivela tutta la sua versatilità nella figurazione e nei volti, in particolare, raccolti in una intensa emotività in
un abbraccio che ne accresce ancor di più il significato della intensa sacralità.
stralcio da art., a firma Giuseppe Catania, apparso su "www.noivastesi.blogspot.com" - 23 maggio 2014

Immagini dotate di grande passionalità
Il Romanticismo pittorico di Luca Pontassuglia
La tenerezza di un dolce sguardo che rivela, nella intensità fìssa degli occhi, da innocente immagine di un volto carico di espressività.
Questa, in sintesi, la caratteristica emblematica del giovane e bravo pittore Luca Pontassuglia, che rivela ancora essere un appassionato scrutatore delle intime sensazioni del pensiero umano.
Nella raffigurazione del volto del bimbo, Luca Pontassuglia scorge e raffigura empiti emotivi che riesce a tradurre con maestria che gli è congeniale, sorretta da una vibrazione estetica di grande suggestione.



stralcio da articolo apparso su "Il Giornale del Vastese",
mensile d'info. del territorio - n. 6 - novembre/dicembre 2013

L'espressionismo di Luca Pontassuglia

..................L'interpretazione neoclassica

II giovane artista Luca Pontassuglia, che ha intrapreso un percorso accademico, si cimenta spesso nella interpretazione dell'arte neoclassica, prendendo a modello protagonisti dell'arte consacrati dalla fama.
Nel quadro che pubblichiamo Luca ritrae un soggetto dipinto dalla polacca Tamara Lempicka, ricollegando lo sviluppo dell'iniziale maniera di dimensione cubista traslata in una figurazione neoclassica, con intenti plastici e monumentali, applicata soprattutto alla ritrattistica, con figure ispirate agli eleganti e mondani ambienti dell'epoca.
E nella realizzazione di Luca Pontassuglia appaiono suggestioni stilizzate déco che è riflesso di un soffuso gusto con marcata predilezione per le linee marcate da circonvolute forme stilizzate per porre in risalto le particolari e formose parti del corpo umano.

..............................

stralcio da articolo apparso su "Il Giornale del Vastese",
mensile d'info. del territorio - n. 2 - febbraio/marzo 2013

Assegnato il titolo di "Alfiere del lavoro"
Affermazione per Luca Pontassuglia
II giovanissimo Luca Pontassuglia, allievo presso l'Accademia di Belle Arti di Roma, è stato protagonista di un prestigioso riconoscimento. La Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro "Premio Aquila d'Oro" ha selezionato venticinque tra i migliori allievi degli istituti scolastici d'Italia, diplomati con il massimo dei voti e lode. Fra questi Luca Pontassuglia, figlio del Comandante il Distaccamento di Polizia Stradale di Vasto, Carmine, diplomatosi al Liceo Artistico "Jacovitti" di Termoli, è risultato meritevole della onorificenza di "Alfiere del lavoro".
Il prestigioso riconoscimento gli è stato consegnato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante la cerimonia ufficiale svoltasi al Palazzo del Quirinale, quale
menzione d'onore e orifiamma della cultura scolastica italiana.
Per Luca Pontassuglia è un traguardo lusinghiero che giunge a coronare un percorso scolastico concluso con il massimo dei voti presso il Liceo Artistico "Jacovitti" di cui è Dirigente il Prof. Antonio Franzese, non solo, ma contribuisce a sottolineare la passione di Luca Pontassuglia per la pittura e la scultura, doti congeniali ed aderenti alla sua formazione culturale di cui offre esempi, con elementi estetici di grande valenza, sorretta da una innata versatilità per la grafica, sicura premessa per ulteriori successi professionali.
stralcio da art., a firma Giuseppe Catania, apparso su "Il Giornale del Vastese", mensile d'info. - n. 1 - dic. 2012/genn. 2013

La straordinaria aderenza verista di Luca Pontassuglia
È sorprendente scoprire quanto talento possa esprimere un giovane artista, Luca Pontassuglia, di cui ci occupiamo, anche per riconoscergli una innata vocazione pittorica.

Nel dipinto "maternità" Luca Pontassuglia ricalca, e la interpreta magistralmente, l'audacia della concezione simbolica e decorativa di Gustav Klimt, pittore austriaco, in quella che definiamo l'"art Nouveau", con spiccato gusto verso la composizione ritmica contrassegnata da colori "smaltati" bene amalgamati da un marcato realismo espresso nella figurazione.
Blu, oro, argento, cromatismi preferiti e volti incastonati, quasi fossero gemme per accrescere il fascino del ritratto femminile.
Elementi che il giovane pittore ha saputo cogliere ed esprimere con straordinaria aderenza verista.



stralcio da art., a firma G.C., apparso su "Il Giornale del Vastese",
mensile d'informazione del territorio - n. 8 - novembre 2012

I giovani artisti crescono...
L'Astrattismo spaziale di Luca Pontassuglia
Grafie e cromatismo sono gli elementi decorativi, oltre alla cura formale, discostatasi da quella tecnica accademica, per dare un proprio segno alla interpretazione protesa alla espressione astratta, cioè che si "astrae" dalla immagine figurativa attraverso forma e colore che non hanno alcun legame con il mondo naturalistico. Quella di Luca Pontassuglia è un espressionismo astratto che offre un ritmo d'azione rappresentativa non oggettiva, ma che si avvale di immagini libere da schemi, al di fuori di qualsiasi imposizione geometrica, ma entro gesti ispirati ad uno stato d'animo intenso, volto piuttosto, ad esprimere quel caratteristico
impulso creativo che è elemento essenziale nell'artista preteso a cogliere altre dimensionalità estetiche.
stralcio da art., a firma G.C., apparso su "Il Giornale del Vastese", mensile d'info. del territorio - n. 5 - maggio 2012

Luca Pontassuglia
Giovane talento-artista che, nel suo impegno pittorico, travalica il fantastico.
Ama ispirarsi ai temi della pittura rinascimentale, traendone motivi e stimoli per creare autentici capolavori che, però, evidenziano i suoi personali motivi estetici.
In questo giovane e promettente artista creativo scopriamo sensazioni straordinarie amalgamate da un singolare cromatismo vivido, vigoroso, ma, nel contempo, mitigato da effluvii di morbidezza quasi pastellata.
Ma quel che maggiormente è nella interpretazione pittorica di Luca Pontassuglia è un evidente accostamento agli schemi cattedratici che, a volte, sono espressi con personali impulsi in cui si evidenziano tratti poetici anche nei toni coloristi, a interrompere certi schematici squarci che gli suggeriscono di scrutare a fondo la materia, quasi a voler imprimere una sua personale impronta che obbedisce ad un senso di distacco dalla staticità
estetica, per offrire una particolare visione autonoma che è caratteristica del giovane pittore, il quale intende così dimostrare che la forma, autonomamente interpretata, non dissolve la naturale immagine, bensì, la completa fino a raggiungere una nuova bellezza che è attributo prediletto del pittore. Ed è in questa singolare caratteristica che si distingue Luca Pontassuglia giacché la sua arte è sottolineata da un espressionismo che si affida alla purezza in tutta la sua armonica raffigurazione.
stralcio da art., a firma G.C., apparso su"Il Giornale del Vastese", mensile d'info. del territorio - n. 4 -aprile 2012