Prov. Chieti
Personaggi: Vito Moretti di San Vito Chietino
Professore emerito di Letteratura Italiana presso l'Università "G. d'Annunzio di Chieti", poeta in lingua e in dialetto, scrittore, creatore di plaquette e critico let.
(San Vito Chietino, 16 giugno 1949 - Chieti, 9 febbraio 2019)
 
In ricordo dello scrittore Vito Moretti
del Prof. Alberto Di Giovanni di S. Vito Chietino, storico collaboratore di Vasto domani nonchè amico personale di
Vito Moretti - stralcio dal
periodico "Vasto domani", giornale degli abruzzesi nel mondo - anno LIII - n. 3 - marzo 2019
Prematuramente, nel pieno della sua vitale, generosa, impegnata, entusiastica attività creativa nel culto della poesia e della parola, è morto Vito Moretti, Professore emerito di Letteratura Italiana
presso l'Università "G. d'Annunzio" di Chieti.
Appassionato studioso, ricercatore certosino e infaticabile
(ricordiamo solo il recupero di carteggi e scritti inediti di G. d'Annunzio e la elegante edizione teatina del catalogo di libri rari
e di pregio del G.B.Vico), prolifico scrittore, poeta in lingua e in dialetto, saggista, romanziere, creatore di plaquette, arguto conferenziere, presente in modo diretto o indiretto in tutti i
certami di poesia dialettale, promotore di convegni e seminari
sulla letteratura italiana e abruzzese, curatore di edizioni critiche
di opere di autori vari, responsabile di collane editoriali, premiato
con numerosi riconoscimenti alla sua prestigiosa carriera.

Fiaccola vivida nella vita culturale della regione, in tutte le sue sfaccettature e manifestazioni, con echi sulle più diffuse pagine dei giornali e in televisione. Ha portato la voce dell'Abruzzo in tutto il mondo: Francia, Belgio, Irlanda, Stati Uniti, Russia, Turchia, Tunisia, Giappone, Portogallo, Spagna...
Una dolorosa mutilazione degli affetti familiari, amicali, sociali. La perdita di un punto di
riferimento e di un prezioso collaboratore per associazioni e sodalizi. Uno sconcertante vuoto nell'agone letterario. Lascia al mondo un esempio di impareggiabile tenacia e una cospicua
eredità spirituale densa di messaggi di cristiana fraternità, di fiducia nell'uomo di buona volontà,
di aspirazione alla giustizia sociale, alla perfezione morale, nonché un fiume di pubblicazioni.
Nato nel  1949 a S. Vito Chietino, ha esordito giovanissimo con raccolte di poesie in vernacolo.
Dopo la laurea in lettere, ha insegnato nelle scuole superiori e subito dopo all'università di Chieti
nel corso di Letteratura italiana, Teoria e storia dei generi letterari.
Stabilitosi a Chieti con la famiglia, non ha mai abbandonato la sua casa di S. Vito sul fianco occidentale del Paese, affacciata sul Feltrino, sulla chiostra degli Appennini e sull'Adriatico,
lungo la via Ciampagnolo, destinata a divenire via Vito Moretti.
Alla sua casa e al suo paese natale, Vito è rimasto sempre legato con un amore venato di
tenera saudade, che traspare attraverso descrizioni di luoghi e paesaggi e racconti di persone e
fatti della comunità e della famiglia.
Scrive in proposito Adelia Mancini (di San Vito Chietino dove risiede da sempre, laureata in
Lettere Classiche presso l’Università di Pavia, ha insegnato Latino e Greco per oltre un quarantennio): "S.Vito è il riferimento costante per l'universo letterario di Vito Moretti, il paese dove tante storie trovano la loro ambientazione. Luogo per eccellenza, luogo privilegiato nel quale cuore e mente fanno sosta, di necessità, anche quando fìsicamente ne è lontano".
Il legame con S. Vito , oltre che sul piano affettivo, è concretamente sancito con la donazione alla cittadinanza sanvitese di 7000 libri, costituiti nel FONDO letterario aperto Vito Moretti, già quasi tutti catalogati a cura della dott. Marilù Verna e sistemati nelle vetrine della biblioteca di Marina
S. Vito.
Il centro studi Parco Eremo dannunziano di S. Vito, di cui Vito Moretti è stato cofondatore e vice presidente, con un pubblico manifesto, ne ha pianto la scomparsa, ricordando "l'uomo di immensa cultura, di raffinata sensibilità e infinita umanità".
Il professore ha trovato riposo nel cimitero di Villa Badessa, paese della sua dolce e amata Lida.

 
Bibliografia
Da: https://www.edizionitabulafati.it/vitomoretti.it
Altre pubblicazioni:
- Il plurale delle voci: la letteratura abruzzese fra Sette e Novecento, 1996
- Verga e i verismi regionali,  1999
- Occasioni abruzzesi. Letture e pagine critiche, 2000
- Le forme dell'identità: dall'Arcadia al decadentismo,  2001
- I labirinti del Vate: Gabriele D'Annunzio e le mediazioni della scrittura, 2006
- Le coniugazioni del vero: saggi e note di letteratura abruzzese, 2009
- Di carte e di parole: note, proposte e ricerche sulla letteratura dell'Otto e ...,  2009
- Le forme recitate: aspetti della letteratura fra Otto e Novecento, 2011
- Il mio sogno ti crea e la mia arte ti adorna - 2012
- Il colore dei margini, 2014
- Principia, 2015
- Le ombre adorne, 2016
- Le cose, 2017
- Gli anni venuti, 2018
- La misura dei passi, 2018
- Studi offerti a Vito Moretti, (questo volume contiene gli studi offerti a Vito Moretti ..dagli esponenti della "Scuola di Chieti", di cui egli stesso è stato e continua ad
..essere parte integrante), 2012

Note biografiche di Vito Moretti
Vito Moretti, è nato nel 1949, originano di San Vito Chietino, risiede a Chieti.
E' poeta in lingua e in dialetto chietino, e critico letterario.
Ha esordito con alcuni poemetti sul finire degli anni sessanta e, succcessivamente, ha dato alle stampe varie raccolte di versi, un libro di racconti e alcuni volumi di saggistica.
Ha dedicato numerosi studi alla cultura degli ultimi secoli, con particolare riguardo al Verismo e al Decadentismo; ha promosso numerosi convegni e seminari con la stampa degli atti; ha curato l'edizione critica o la riproposta in volume di opere di vari autori.
Su Gabriele D'Annunzio ha pubblicato molti contributi in Italia e all'estero.
Insegna letteratura italiana, e teoria e storia dei generi letterari all'Università "G. D'Annunzio" di Chieti ed è responsabile di alcune collane editoriali, sia per la scrittura saggistica che per quella creativa.
stralcio da art., a firma Giuseppe Catania, apparso sul mensile "il Giornale del Vastese", periodico d'info. - n. 8 - maggio 2011

Il volume «Il mio sogno ti crea e la mia arte ti adorna» - 2012
Cliccare qui
stralcio da articolo apparso sul mensile "il Giornale del Vastese", periodico d'info. - n. 5 - maggio 2012

Il volume "Luoghi" - 2011
Nella Collana di Poesie a lume spento per Tabula Fati (Chieti 2011),Vito Moretti ha pubblicato il volume dal titolo "Luoghi" - pagg. 120 - € 10,00 - con note critiche di Daniele Maria Pegorari e Giacomo D'Angelo.
Per l'autore i "luoghi" nei territori del vissuto e nelle tappe dell'esistenza, sono le isole nelle quali ciascuno matura il proprio sé, gli orizzonti in cui l'io evolve le sue rotondità, le dimensioni che, nel consumarsi o nel ribadirsi, si fanno parole e ricordi; modi di un bisogno che tornano sulla pagina per sciogliere e per legare.
Nel libro di Vito Moretti la poesia coniuga il dettato del viaggio e dell'autobiografia con la tenerezza del cuore messo a nudo, l'indietro e l'avanti degli umani itinerari con l'introspezione diaristica, il vagabondaggio che libera e fa percorrere nuove strade con l'indulgenza che acccoglie e riconosce o che chiama e dà vesti e nomi.
Un libro originale nel panorama della contemporaneità, che riconferma
le grandi risorse di penna e di sentimenti di un autore che sa indicare i doni straordinari della bellezza e della letteratura.
stralcio da art., a firma Giuseppe Catania, apparso sul mensile "il Giornale del Vastese", periodico d'info. - n. 8 - maggio 2011