Prov. L'Aquila
Cenni/Notizie
 
La Provincia dell'Aquila per il rilancio del territorio
Molti sono i progetti in cantiere, per lo sviluppo e il rilancio del territorio, dell'economia, delle imprese locali e dell'occupazione.
Molte le energie impiegate dall'Amministrazione Provinciale in questa direzione!

Il Servizio Marketing alle Imprese
è uno strumento innovativo, messo a punto, attraverso i Centri per l'impiego della Provincia. Offerto gratuitamente, mira ad avvicinare i Centri per l'Impiego alle aziende locali, pubblicizzando e promuovendo il nuovo volto e i servizi che questi offrono. Da quelli più "tradizionali" della ricerca e selezione del personale, a quelli di consulenza, di cui le aziende possono avvalersi per avere informazioni sulle professionalità disponibili, o per conoscere le diverse forme di incentivazione. Ma non è tutto. Oltre a far conoscere le varie opportunità, l'obiettivo da raggiungere è anche un altro. Raccogliere una serie di informazioni sulle imprese, al fine di migliorare i servizi offerti dai Centri per l'Impiego. Attraverso un questionario, a cui le aziende dovranno rispondere, ci si propone di conoscere le esigenze delle aziende locali, ad esempio i profili professionali maggiormente richiesti e ricercati rispetto agli obiettivi d'impresa. Questo anche per programmare al meglio i nuovi corsi di formazione professionali, promossi dall'Amministrazione. Un servizio che le imprese hanno mostrato di gradire, a giudicare dai primi contatti. Nella prima fase del lavoro, sono state raggiunte oltre 80 aziende su 150, individuate tra quelle con non più di 20 addetti. Di queste, circa il 70% si sono dette disponibili ad un incontro con gli operatori dei Centri per l'Impiego, mentre il 67% hanno intenzione di stipulare una convenzione per accedere ai servizi offerti.

Bandi Pit:
321 imprese della provincia potranno ricevere incentivi economici e finanziamenti per i progetti relativi al bando PIT (Progetti Integrati Territoriali). Si tratta di 18 milioni di euro sul territorio provinciale: una vera e propria boccata di ossigeno! Sono fondi europei con cui si incentivano le piccole e medie imprese del territorio, che intendono investire in alcuni settori considerati strategici per lo sviluppo del territorio. L'Amministrazione provinciale ha giocato un ruolo importante, stabilendo alcuni criteri aggiuntivi per accedere ai fondi, oltre a quelli già fissati dalla Regione, rispondenti maggiormente alle esigenze locali. Ha spiegato la Presidente Stefania Pezzopane: "Abbiamo voluto dare un incentivo soprattutto a quelle aziende che hanno deciso di assumere più personale, in particolare tra le categorie più svantaggiate, a quelle che hanno investito in formazione e ricerca, a chi opera nel settore dei rifiuti e a chi ha avviato una nuova attività in aree parco o protette".

Anche i Fondi Cipe
verranno utilizzati per il rilancio e la valorizzazione del territorio. Oltre sei milioni di euro, ottenuti per il tramite della Regione Abruzzo, serviranno a finanziare progetti per lo sviluppo della viabilità nelle zone interne e per il turismo. Da segnalare, in particolare, la creazione di una pista da fondo nel Comune di Tornimparte, la valorizzazione turistica dei bacini lacustri, che riguarderà i laghi di Sinizzo, (comune di San Demetrio), di Campotosto, di Barrea e di Scanno. Per la città di Avezzano è da sottolineare lo stanziamento di 250 mila euro per la valorizzazione della riserva naturale del Salviano, dove sarà realizzato un percorso pedonale, parallelo alla Strada Statale 82, che si snoda per cinque chilometri dalla città al santuario della Pietraquaria. Tra i progetti presentati dall'Amministrazione provinciale, già finanziati, anche il miglioramento della viabilità in alcune zone ad elevata potenzialità turistica e il recupero di alcune case cantoniere, dimesse dall'uso originario, destinate a diventare strutture ricettive, in zone ad alta valenza turistica.
Per il rilancio dell'occupazione, una delle idee forza su cui la Provincia dell'Aquila ha investito numerose energie è il progetto Cento Cervelli. Fortemente voluto dalla Presidente della Provincia e premiato anche dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, per la sua grande portata innovata, il progetto persegue l'obiettivo di arrestare la fuga dei cervelli e scommettere sulla creatività dei giovani laureati, per far crescere il territorio e promuovere lo sviluppo. Il concorso era indirizzato a giovani laureati, di età non superiore ai 29 anni, ai quali veniva chiesto di presentare un'idea progettuale per lo sviluppo del territorio. Il progetto è entrato nel vivo nello scorso mese di luglio. I cento talenti, distinti in due gruppi da cinquanta, hanno avviato una collaborazione con la Provincia. Grazie ad uno stage retribuito di sei mesi, potranno sperimentare la loro idea progettuale. Al termine del percorso sperimentale la Provincia realizzerà e farà propria l'idea che risulterà più in linea con i suoi obiettivi di sviluppo.
Tra le idee più originali:
Aurora
, nuove prospettive per la diversa abilità, che prevede la creazione a Sulmona di un centro di documentazione, formazione professionale e lavoro per disabili;
Vecchi per vecchi mestieri
, che promuove la creazione di un centro di aggregazione per anziani che insegnino, all'interno di un luogo storico da recuperare, gli antichi mestieri ai giovani.

Oltre all'occupazione giovanile, uno dei fronti su cui l'Amministrazione è maggiormente impegnata, è la ricerca di soluzioni per il rilancio dell'industria locale.
Tra le proposte formulate dalla Presidente Pezzopane al governo, possiamo ricordare:
-rilancio del Progetto di navigazione satellitare Galileo, che mira a dare ossigeno ad imprese che operano nel settore aerospaziale sul territorio provinciale;
-costituzione di una dimensione provinciale della società "Aquila Sviluppo", per salvaguardare i siti industriali esistenti sul territorio e facilitare l'ingresso di nuovi insediamenti;
-la costituzione di un "distretto auto", che unisca la Provincia dell'Aquila, in particolare la Valle Peligna, alla Provincia di Chieti;
-la sollecitazione di una legge regionale per la Ricerca, per promuovere e sostenere nuove strutture dedicate al rapporto tra Università, enti di ricerca e sistema produttivo;
- l'applicazione della legge 181, che finanzia la reindustrializzazione e il rilancio delle aree industriali siderurgiche colpite dalla crisi del settore;
-il reinserimento della 87.3C, del trattato U.E., per rimuovere le condizioni di svantaggio che hanno già penalizzato il territorio provinciale .
stralcio da articolo,"Abruzzo, una regione che cresce", apparso sul quotidiano "Il Sole 24 Ore" del 9/10/2006