Vasto in ..... poesia
 
Poeti
Viventi
Scomparsi
Carlo da Vinci Aloè Berinto
Catania Giuseppe (Peppino) Anelli Luigi
Ciccotosto Adriano Ariosto Ludovico
Crisci Michele Bottari Nicola
D'Accurzio Pinuccia Briganti Annibale
D'Alloro Fiore Campofreda Luigi
D'Annunzio Fernando Cianci Lello
Del Prete Ernesto D'Aloisio Nicola
Fiore Zanapa Elide D'Apollonio Aless.
Formichella Leone D'Ercole Fulvio
Izzi Maria Teresa De Filippis Panfilo
Muratore Antonio Del Casale Nicola
Palumbo Pietro Del Greco Gaetano
Pollutri Giuseppe Franco Desiati Luigi
Smargiassi Antonio Ferrara Espedito
Sordiso Genova Michele
Stivaletta Artese Anna Janni Ettore
Valentini Fernando La Palombara Gaetano   
  Laccetti Luigi
  Lattanzio Michele
  Marchesani Giuseppe
  Martone Marcello
  Monacelli Silvio (Silvius)
  Palmili Carlo
  Paterno Emilio Ambrogio
  Perrozzi Giuseppe
  Pisarri Franesco
  Polsi Aniello     
  Rossetti Gabriele
  Terpolilli Renato
  Tilli Adelio
  Votinelli Francesco Paolo
   
  Anonimo

Carlo da Vinci
T'aspetto a Vasto
(Versi di Carlo da Vinci - musica del M° Cambi. Canzone, portata alla ribalta ed incisa da
Gloria Christian, al V° Festival della Canzone Abruzzese Molisana a Vasto nel 1959)


Dolce tesoro che mi stai lontano,
se mi vuoi bene, vieni qui da me!
Non indugiare, prendi il primo treno:
questo paese è un sogno, lo vedrai da te.
Che deliziosa estate
insieme passeremo
sul mare immenso come il nostro amor!


Rit.: T'aspetto a Vasto!
Che splendore in pieno agosto!
Corri, amore, arriva presto
non lasciamoci mai più.
T'aspetto a Vasto!
Te lo dico in un sussurro
questo mare tanto azzurro,
questo sole tutto d'or.
Amore, amor,

dall'Abruzzo splendido
ti mando un fior
e il pensier del cuor!

Son gli abitanti semplici e cortesi,
veri signori d'ospitalità.
Tu forse non conosci gli Abruzzesi.....
Che bella terra! Certo ti piacerà.
E il mare, il mare nostro,
è quello del Poeta.....
e l'onda canta i versi del suo cuor.....

Rit.: T'aspetto a Vasto!, ecc. ecc.
Amore, amor
dall'Abruzzo splendido
ti mando un fior.....
e la mia canzon
!

stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Giuseppe (Peppino) Catania

Piazza Caprioli 1944
poesia pubblicata negli anni ’50 sulle
pagine dell’Histonium di Espedito Ferrara


Eri odorosa simile ad un fiore,
piccola piazza, luogo benedetto,
che quando ognun ti chiama “giardinetto
di dolci rimembranze sogna il cuore.

Eri la meta d’ogni rondinella,
che a ritrovare il nido sen tornava;
e te, giungendo, ella celebrava
come del mondo l’oasi più bella.

Eri pur cara quando, a primavera,
d’ogni beltade il fiore t’adornava,
ed assumevi l’aria di villetta,
dolce adorando nella quieta sera,
e l’alma lieta teco si beava.

Or sei svanita, imago prediletta,
d’una serena, piccola piazzetta.

Il restauro del monumento a Gabriele Rossetti
In mezzo a questa piazza han collocato
di Cifariello il bronzeo monumento;
e sto all'impiedi, sin dal novecento,
ma mi ritrovo ahimè, tutto tarlato.

I Lions Club vanno in mio soccorso
per ricucire queste mie ferite;
da lungo tempo fur da me patite
e le sopporto dal secolo scorso.

Han finanziato la ripulitura
del monumento e del suo apparato;
tutto di travi sono circondato
e la mia attesa non so quanto dura,
per riveder la piazza e i vastesì.

Perché han detto che occorrono anni
per rimediare a tutti i miei malanni
e non si sa quanti soldi spesi,
occorreranno perché io mi mostri
in bella veste, intento alla lettura
del libro che compendia la scultura,
ma i ritardi sono fatti vostri.

Ci vuol, han detto, molto più danaro
per completare la ripulitura.
Sono convinto che la mia jattura
proseguirà nel tempo che è avaro,
e mi costringe a stare ingabbiato.

Resto in disparte e me ne sto negletto
e più non mostro tutto il mio aspetto,
rimango all'ombra, triste e sconsolato.

Ciononostante, resto fiducioso
che un bel giorno rivedrò la luce
di questa piazza che a voi conduce
per un futuro lieto e luminoso
come fui io nel cantar la terra
ove i natali ebbi e sempre fui
colmo di speme nei miei giorni bui,
ma tomba forestiera mi rinserra.

Perciò Vi prego, amati cittadini,
cercate di affrettare quei lavori
per porre fine a tutti i miei timori;
mano alla borsa: occorrono quattrini.

Questa è una prova e un giorno si vedrà
se fama avete di prodigalità.

Vecchio orologio...............................................................

Adriano Ciccotosto
Recorde

Nen'de le sacce a 'ddè com'è Giuvà,
ma lu core sta sembre a lu Uaste,
da cchiù de quarand'anne
ca so frastire a Paduve.
Maddemane stinghe a pinzà a la vita mà,
all'anne ch'ai'ie passate all'estere...
la nebbie, lu fradde, la pulende
e l'addra 'rrobbe.
Ma lu mare me
Ne l'aie scurdate,
a Vigneule
quande sbatte a li scu'iie
e cande 'na canzone
che sa de cundundazze
e....de cuaraie'ine.


Michele Crisci
...................Histonium
.........."vivere senza di Te è impossibile"
...............................(Vasto, 19 novembre 1993)









Ti lascio, ritorno, Ti lascio ancora...
Ma irresistibile è il Tuo richiamo...
Histonium terra natale,
vivere senza di Te è impossibile,
viverTi lontano è uno strazio.

Il pensiero, la nostalgia, la voglia...
Sensazioni che solo a chi hai dato
i natali può provare.
Ti ho amata, rinnegata e
amata ancora, mai potrò toglierti dal cuore.
.
Histonium, miraggio di vita,
sogno da vivere.
Si parla di Te ovunque
della Tua gente gentile,
dell'ospitalità che offri.


Histonium, amata, ricercata più di
un bene prezioso,
desiderata come una bella donna.
Histonium, VASTO è il tuo potere,
a cui sono felice di appartenere.

Pinuccia D'Accurzio
Ricordi di "Cungarelle"

Un casolare spoglio
sulla scarpata della ferrovia.
Annosi contorti
maestosi fichi e ulivi.
Una conca di scogli
dai caleidoscopici riflessi.
Ghiaia abbagliante sotto il sole ardente.
Mare da odorare
gustare, accarezzare.
Invitante, accogliente lo scoglio
schiaffeggiato dalle onde.
Carezze di mamma gli schizzi
di spuma sul corpo.
Curajine, zirrezzirre e peluse
profumi e sapori remoti
dimenticati o sconosciuti
ma radicati, avvinghiati
annidati nelle anse della memoria,
nelle nostalgie del cuore.
Gioia di possederli,
gioia di trasmetterli

"Cungarelle!"

ormai solo un sogno bello.

Fiore d'Alloro
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Fernando D'Annunzio
A spasse pi’ Lu Uâšte

Canda ni té Lu Uâšte di bbillàzze!...
Grazie a lu Puatratèrne specialmènde
e a chi l’à màsse sopr’a ‘šta tirrâzze,
mundagne arréte e lu muàr’ annènde.

A pparte li bbillezza naturuäle,
ci šta àddre bbillezze a ‘šta cittä’:
li munumuìnde andìche e medieväle...
Di lu mudèrne è mméj’ a nin parlä’.

Vi vuje purtà ‘ spâsse aunìt’ a mma,
pi’ ppiâzze, pi’ ccundräde e pi’ quartìre,
šta’ tanda cosa bbille da vidà’,
pù’ ‘duprä’ l’ùcchie oppure lu punzìre.

V’ariccònde Lu Uâšte ‘n puhusèje.
Vi port’ a spâsse nghi la fandascèje.
Traduzione:............................................
A passeggio per Vasto

Quante ne ha Vasto di bellezze!...
Grazie al Padre Eterno specialmente
e a chi l’ha posto su questo terrazzo,
i monti dietro e il mare davanti.

A parte le bellezze naturali,
ci sono altre bellezze in questa città:
i monumenti antichi e medievali...
Del moderno è meglio non parlare.

Voglio portarvi a passeggio con me
per piazze, per contrade e per quartieri,
ci sono tante cose belle da vedere
e puoi usare gli occhi o il pensiero.

Io vi racconto Vasto in poesia.
Vi porto a passeggio con la fantasia.
Da Sanda Nichéule

Vište ca ùgge é ‘na bbella jurnäte,
mo mm’abbìje pi’ ffä’ ‘na passiggiäte,
mo mmi ni vâje, piani piäne, a ppéte,
a nu pušte pi’ ppittùre e puhéte.
Da Sanda Luciuè’ vâj’ a Sanda Nichéule,
p’affacciârme da ‘rrét’ a la cchjisiéule.
Già mi l’ammagginâje la vidìute
che ‘gna t’affècce fa rimané mìute.
Da sott’ aèlle, fin’ a Punda Panne,
nin gi štä quädre cchiù bbèll’ a lu muànne.
Štä’: mar’ e scùje, trabbucch’ e spiaggiàtte;
lu puaradèise ci štä ‘ èlle sàtte.
Pittàte da “Cange” e candàte da “Anelle”,
Sanda Nichéule é lu pušte cchiù bbèlle.    

Traduzione:............................................
Da San Nicola

(Dal Belvedere San Nicola)
           
Visto che oggi è una bella giornata,
mi avvio per fare una passeggiata,
ora me ne vado, piano piano, a piedi,
in un posto per pittori e poeti.
Da Santa Lucia vado a San Nicola
per affacciarmi da dietro la chiesetta.
Già me la immagino quella veduta
che come ti affacci ti fa restare muto.
Da lì sotto, fino a Punta Penna,
non esiste quadro più bello al mondo.
Ci sono: mare e scogli, trabocchi e spiaggette;
il paradiso c’è lì sotto.
Dipinto da “Canci” e cantato da “Anelli”,
San Nicola è il posto più bello.
Feste di cuntrade

'Nnend' a la cchìse arvonde li pirzòne.
Spare 'na bbotte, mi fa jitticà!
- Ècchele!
Šta 'rintrà la prucissione.-
La bbande 'na marcette šta 'ssunà'.

'Na fešte... gna li vo' la tradizione:
lu dunatìve nin ci po' mangà'.
'Ndònie, 'mbrijàche, si fa 'na canzone
trumminde šta lu predde a pridicà'.

Arie di fešte 'ntra li bbangarelle.
Prufume di nucelle abbrušchilìte,
varlotte di lupìne, sciaunelle...

Šta la purchette che mette vulìje,
bbaùnze di scapèce che t'ammite,
...sapùre che la vite t'ardicrìje.

Nu cìtele, 'mmezz' a la cunfusione,
piagne 'ca ja vulàte lu pallone.

Lu truabbàcche

Cand’é ccuriòs’ e bbèlle lu truabbàcche!
Tra mar’ e ccéle päre šta suspuàse.
‘N’ôpera d’ârte di tréve ‘ndricciéte
turt’ e ddirètte, e di ferrifiléte.

Tréve che da la tèrre va’ ‘lu muäre,
tréve che da lu muäre va’ ‘lu ciéle,
tréve che ss’arimmèire ‘mmèzz’ all’âcche
a ndo’ la ràite šta ‘ spittä’ lu puàsce.

E ‘n gèime šta ‘ spittä’ lu trabbuccânde
nghi la vôliche, prond’ a ssalipä’.
...M’aricorde, cand’ ére scacchjinôtte,

jàv’ a li scùje aunìt’ a li ‘micèzie;
‘i tuffuaväme da ‘n gim’ a li ‘ndànne.
Ci’aripènze... e mi vé’ li trimilèzie.




Piazzette di Sanda Mari'

Pe' li piazzette di Sanda Mari',
gna tinghe tempe mi piace arvinì,
pe' farme quattre passe arilassàte
e aricurdà nu ccone lu passàte.

Mi piace arividè, 'nnenz' a li case
e appis' a li fine
štre, chili vase:
ddu' tregne vicchie nghi piante
di viole, di pirdisìne e di vasanicòle.

Da nu bbasse si send' ascì lu 'ddore
di nu sughette... pipe e pammadòre.
Arret' a 'na tindìne di mirlette,
za' Miccalucce šta ' ffa' la cazzette.

È angòre bbelle, ma no gne 'na vodde
che, sci è luvère, n' gi štatté' li sodde,
ma ere' piene di vite 'šti piazzette
da lu Palazze fin' a la Luggette.

Muminte di trištezze o d'allegrìje,
si števe 'nzimbre come una famìje
e, port' e porte, ognune si štinneve
caccose che chill'addre nin tinève.

S'ammišcàve li 'ddure di rrahù,
di cipullàte, cace'ove... e pu',
sopr'a la vrasce di 'na furnacelle:
pìp' arrošte, risciùle e siccitèlle.

Mo è rimašte trište e disulàte
chišti piazzette, e jè nu puccate
se quanda more 'šti ddu' vicchiarille
ci ve' a svirnà li surge a mill' a mille.
Sanda Lucì’

Sanda Lucì’... La vije a ndo’ so’ nnate,
…la case, lu curtìle, la luggette.
Quanta ricurde i’ ci so’ lassàte!
Quanta prihìre dentr’a la cchisette!

Tutte la ggiuvindù ci so’ passàte,
vindiquattr’anne sott’a chilu tette.
M’arcorde lu ciardìne arizzilàte
e la campàne ‘n cime a la turrette.

Ma chilu sone dôce e argindìne
pe’ la vallàte, mo, cchiù nin zi sente.
Che štrazie arividè chili ruvine,

chila fineštre che sbatt’a lu vente,
‘ndo’ nu ragge di sole, la matine,
jav’a svijjià nu cìtele cuntente.



















Scogli
Il treno, appena partito dalla stazione di Vasto, si ferma inaspettatamente
in località “Casarsa” (quando si percorreva ancora il vecchio tracciato
ferroviario), suscitando una serie di ricordi ed emozioni nell’animo del poeta…


Nel gioco verde e argènteo dei riflessi,
attraverso le chiome degli ulivi,
nel luccichìo rivedo in controluce
e riconosco i bruni scogli amici.

Scogli… erano isole nei giochi
che mi ricordano i bei giorni estivi,
le ardite imprese quando allor ragazzi
navigavamo a bordo di un cannizzo.

Scogli… di ognuno mi sovviene il nome
dato per gioco a ricordar la foggia.
Scogli… approdi delle prime nuotate
e trampolini di tuffi azzardati.


Scogli specchiati sull’argento vivo.
Scogli a sostegno di agili trabocchi.
Scogli dalle marette accarezzati.
Scogli erosi e frustati dai marosi.

Scogli incantati in magico scenario
che un bel mattino Inverno ha preparato,
incappucciati di candida neve,
posati su un vassoio di cristallo.

Ma il treno ahimè riparte, è luce verde.
Furtivamente accenno ad un saluto
e riguardo vedendoli sparire
in controluce i bruni scogli amici. 

Scuja scuje
La spiaggia bbelle nghi la rena d'ore
è di lu Uašte noštre la ricchezze,
ognùne che li vede s'annammore,
l'acqu'azzurre li vasce e l'accarezze.

Ma ci šta la scujjìre all'addre late
che fa, 'nturn'a lu Uašte, da mirlette,
sott'a 'na vešta verde arracamàte
nghi li trabbucche e nghi li spiaggette.

Dumane se t'aèzze prištarelle
ti porte, scuja scuje, 'nzimbr'a me;
da la Marine fin all'Asinelle
šta tanta bbilli pušte da vidè.

Šta Scalamurze e doppe Cungarelle,
Casarze e pu' ci šta Sanda Nicole
e sicutànne pe' 'na vijarelle
s'arrive a La Canale e pu' a Vign0le.

Da la Lebbe s'arrive a la Pinnucce,
doppe, appress'a lu purte, šta 'na spiagge
e se camine 'n'addre ccungillucce
cumenze tutte 'n'addre paesagge.
Libbirtìne šta sott'a nu cuštòne,
Punta d'Erce fa rimanè 'ngandàte,
camine solamente 'n'addre ccone
e fin'a Mottagrosse si' 'rrivate.

Chi cchiù e chi mene tutti chišti pušte,
pe' nu mutive o 'n'addre mi šta ' ccore
e a rividérle mo ci prove hùšte
e 'n mente li ricurde m'ariffiòre:

quand'acchiappave ciòcchile e pilùse,
ricci di mare, grènge e lambatìne
e 'n San Dumìniche, mo cchiù nz'aùse,
javàm'a ttoje tanta quarajjìne;

quande pi' secce, nghi lu ferre, jave
e di sere pi' vrùnghele, nghi l'ame;
quande Sanda Nicole si 'mbarcave
e quande lu cannizze faciavàme.

Ma nzimbr'a šti ricurde tinghe pure
'na pene e nu prisindimende bbrutte,
picchè, nghi li ricinte e nghi li mure,
štu paradìse nin è cchiù di tutte.
Tinghe 'mmente
(Guardo)

Nin ci fîre manghe 'n 'afe di vente
ugge sopr' a 'stu mare. Tinghe 'mmente.
Lu trabbocche, li vàriche, li scuje
pare suspese e l'acque pare l'ujje.

Di madrepèrle pare divintàte
tutte 'sta scene che i' tingh' annenze,
mar' e ciele è gna fuss' appiccicàte,
n' zi vede chi finisce e chi cumenze.

E' calm' e pace dungh' a ndo' mi ggire,
s'è 'bbunazzàte pure li pinzìre,
mi sente d'alm' e cùrie ardicrijàte
e di chista marine 'nnammuràte.

E, se nin fusse pi' na cajanelle
ch'attraverse ogne tante 'sta maggìje,
s'avesse già cunvinte 'stu cirvelle
di tinè 'mmente a 'na fitografìje.

Vasto

Bella! ti scorge il sole nel mattino,
riflessa nell'azzurro tremolante e
un bacio, come madre al suo bambino,
per te affida all'onda spumeggiante.

Alta sul colle ti svegli festosa
e al giorno inneggi coi bronzi sonori.
Sui tuoi pendii primavera posa,
tra i toni verdi, tutti i suoi colori.

Oh terra d'oro, perla del creato,
amata patria, leggiadra fanciulla;
nessun tuo figlio ha mai desiderato
d'esser deposto in più soave culla.

Terra che ispiri il tessitor di rime
e tormenti nel sogno l'emigrato
che a te canta nostalgico e ti esprime
i sentimenti di chi è innamorato.


Vecchio borgo

Giochi d'ombra tra vicoli e piazzette
dove il tempo da tempo si è fermato. Scalinatelle ripide in selciato
vanno a scoprire il mar dalle loggette.

Un angolo di mondo ricamato
con gerani, garofani e rosette.
Sedute sui gradini le vecchiette
discorrono tra loro del passato.

Mi sembra di sognare mentre ammiro
colori di bucato steso al sole
e muri bianchi e scale di mattoni.

Rinasco nella quiete che respiro,
e nei profumi e poi nelle parole
ritrovo i gusti semplici, i più buoni
.





Vulesse

Coma vulesse resse nu pittore
nghi li chilure prunte a tutte l'ore,
vuless' aritrattà chista marine,
la rena d'ore e l'acque turchine;
nu mare lisci lisce come ll'uje,
nu bbattillucce 'mmezze pi' li scuje.

Vulesse pitta l'albe a Miramare
quanda lu sole fa 'ppiccià lu mare
e, da la Penne, arret' a nu trabbocche,
aritrattà lu sole che s'ammocche.

Coma vulesse resse nu puhéte
pe' puté 'riccuntà quelle che vede,
ma se m'affacce da Sanda Nicole
m'incante e ni' m'aesce 'na parole.

Si' bbelle Vaste sopr' a 'ssa culline!
Sotte:., lu mare, l'orte e li ciardine.

Nin sacce aduprà penne né culore,
ma ti porte nghi mme dentr' a 'stu core.

Ernesto Del Prete
Alla mia Città

O mia gloriosa città natale,
tu sorgi bella libera e feconda
sul verziere di una piccola collina
circondata dal verde e da oleandri
e baciata dalla ridente riviera adriatica.
Golfo meraviglioso e incantevole
che domini maestosamente
il bel mare adriatico.
L'estate richiami gente altrui
sito in ogni loco
per godere la tua beltà.
O bella città natale
piena di canti, di luci e di colori.
Ti amo con tutto il mio cuore.
Ho un solo rimpianto
che nulla ho avuto.
Ho conosciuto solo uomini
cattivi e senza cuore.
Tu sei patria di poeti e di pittori
di Rossetti, dei fratelli Palizzi ed altri.
Sei onorata ed amata da grandi dotti,
difesa e retta da forti figli,
tu vai sempre onorata da tanta prole.
dall'Autore, ottobre 2011
Mare di Vasto

Tanto caro mi sei,
tu doni felicità
e armonia in ogni cuore.

Il mio sguardo
si perde
nella tua bellezza.

Mar color turchese
limpido e cristallino.

Golfo incantevole,
gioia d'amore,
desiderio di vivere.

Un di' sarai per me
l'ultimo sguardo
che io ti lascerò.

da "Il Vastese" - mensile d'info. - n. 4 -aprile 2010
Vecchio Borgo

Borgo, sempre caro mi sei.
Dopo anni, torno a rivederti,
anche se i miei passi
sono ormai lenti e silenziosi.
Mi sembra di risentire
nel vecchio quartiere ameno,
stridi, ragli e cinguettii
che risuonavano dintorno.
Rivedo ancora, come prima,
colline ricoperte di verde
con ciuffi di rovi, cespugli
e fior di ginestre
che accarezzavano il vecchio borgo.
Ricordo il vecchio campanile
e le piccole viuzze
ricoperte di sterpaglie.
Una vecchia ormai stanca
che filava la lana col suo fuso,
accanto un grosso gatto grigio
che accompagnava le sue ultime ore.
Si riaccendono nella mia mente
i docili ricordi del passato
che mi sembra di rivedere
e che mai più scorderò.

da "Il Vastese" - periodico mensile - n.1 - gennaio 2006

Elide Fiore Zanapa
Vasto

Ridente in su l'aprica altura
l'Adriatico mar rimira Vasto,
terra di sole e di splendore.
Le fan corona
il cielo eterno azzurro,
il verdeggiante mar floreale,
e dall'una all'altra parte
dei cardinali punti
l'antica fulgida gloria
l'addita all'ammirato sguardo
dei viaggiatori illustri.
Salve a te Vasto gloriosa,
onore e vanto delle frentane genti.
Nei secoli futuri
con gloria t'accompagni ancora
l'opra e il talento
dei tuoi figli illustri,
ed a me che seconda patria t'elessi,
ed ai miei figli cui i natali desti
concedi sempre
il tuo dolce asilo.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Leone Formichella
«Fantasioso sogno di chi in Vasto rivive la Napoli dolce e romantica d'altri tempi»
a Vasto settembre 1979
Vasto!... Paraviso 'E Notte!...

Vasto!... ssì bella quanne staie addurmuta!...
me pare 'na dama ca s'è stennuta...
annura... doce e seducente...
ncopp'a sta marina cumpiacente...

sott'a nu cielo morbido 'e velluto
tempestat'e stelle d'oro rilucente!...
Che vvo' sta luna verde... ruffiana e maliziosa
ca esce e trase zitt'a miez'e fronne...

s'avvicina... pò te vase e s'annasconne?!...
Che flirte!... che serata deliziosa!...
pure'o mare se scuncerte...: smove l'onna...
l'accarezza e te canta 'a ninna nanna!...

Te cunsola st'aria fresca 'e ponentino
profumat'a tutt'e rrose de' ciardine!...
s'arrecreano nzin'a te 'e nnamurate...
suspirano 'e passione... se tengono abbracciate...

Te guardano... s'affannene... se pigliano...
se cunfonnene... s'agitano... se scumpigliano...
s'affogano 'e piacere cu tutta libbertà...
e fanno a core a core chelle ca se fa!...

Ssì bella Vasto quanne staie addurmuta!...
un vero paraviso!.., 'na gioia maie sentuta!,..
'mme faie pruvà 'na smania d'int'o core...
nu desiderio ardente 'e fa all'ammore!...
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Maria Teresa Izzi
Terra di Vasto

C'è un angolo di paradiso
quasi dimenticato
(ma forse ritrovato)
che è la mia terra.

Terra di mare di sabbia e di scogliere
di profumi d'alghe e coralline;
terra di sole, di colline d'olivi e di vigneti
di odori agresti e penetranti
di menta e rosmarino
di fieno e di gramigna
di lauro e Biancospino.

Terra che sa di storia
nelle pietre millenarie
e nei coltivi dalla sapienza antica;
dove, nelle notti d'estate
si leva, tra i profumi che la terra esala,
il coro ampio dei grilli,
e negli incantati silenzi carichi di vita
delle giornate ardenti d'agosto
cantano le cicale, quasi scandendo il tempo
che sembra fermo.

Qui i dolci declivi dei colli
dai toni caldi e sfumati,
e l'ampio semicerchio del mare
che li raccoglie intorno,
e le piccole spiagge cinte dalle arcuate scogliere
in fuga lungo la costa,
e i monti lontani distesi all'orizzonte
racchiudono un perenne sorriso.

Un sorriso che dà conforto al cuore
e per un poco fa dimenticare
gli affanni e le ferite della vita.

Antonio Muratore
Lu tëmbre

So minìute a ttëmbrà,
a sgranà, l'ucchie
a ffà mmangà l'arie a li pîlmìune
a ssindà lu ddàure,
a fa hudà lu rispuàre

Ggsù Crë',
sta vodde aècch'a ssàtte
ssi s'aggerète

sènde lu rumuàre
di lu paradàise
l'anèma cche s'alllundàne
e li rëcce de chèrne d'etternetà.
Lu tëmbre, il timbro, sta per il luogo d'arrivo della vasca , cioè della passeggiata serale che l'autore suole fare ogni giorno a Vasto. Qual è questo terminal? Ma naturalmente la terrazza naturale di via adriatica che s' affaccia sul golfo lunato di Vasto.

Pietro Palumbo
Vasto

La tua scenografia naturale
crea gioiose sensazioni
sempre nuove.

Suggestivi i tuoi viottoli,
che degradano verso il mare.

Ti accarezzano i primi raggi di sole.

Ti specchi nello sciame
luccicante delle onde,
che placide lambiscono
i trabocchi della scogliera.

Sul colle,
immerso in un'atmosfera fantastica,
all'ombra della maestosa torre,
si sveglia il vecchio borgo,
radice della tua cultura,
da cui traspare e vive
il linguaggio spiccio della filosofia
della vita.

Vasto, dal lido d'oro!

Di tutte le riviere
sei la perla più rara,
anche chi non ci nasce
in te ci si ritrova

da "Il Vastese", mensile - n. 7/8 - luglio/agosto 2004

Spiaggia di Vasto

Tra superbe bellezze
pulsanti di vita
sotto il sole d’estate
i villeggianti incidono
i pensieri sulla sabbia.
Premurosa l’onda
si adagia sulla riva
e il maestrale accarezza,
profuma di salsedine
un ombrellone
che fa da salotto
sotto l’azzurro cielo.
Qui germoglia e fiorisce
il ritrovo di artisti e poeti:
diversi linguaggi
si intrecciano, si raccontano;
nascono amicizie
tra gente in festa.
A fare gli onori di casa
con famigliarità e passione
è Nicola Bottari,
uomo di cultura e talento.
I suoi versi si imprimono
nell’anima come gocce salmastre
sulla pelle
e come ninfa che affiora
radiosa e spumeggiante

dall'autore - agosto 2010


Giuseppe Franco Pollutri

Vasto, senza confini

Quanno la tera ariva
ar princìpio der mare, su’ la riva,
te pare che er monno sia lì finito
e davanti cominci l’infinito.

A Vasto ne’ l’infinito te ce butti,
ce sguazzi, che pare ed’è pe’ tutti,

'n posto antico der paradiso.
agosto 2010


Antonio Smargiassi
Piccole conchiglie del mio mare di Vasto

"La vita scorre come l'acqua di un fiume, con movimenti frenetici...

La mente si riempie di ricordi, mentre l'acqua va verso il mare, il mare azzurro della mia città.

Il sole, le stelle, la luna hanno luce divina e la vegetazione è lussureggiante.

La mano si immerge nell'acqua salata, poi stringe la calda sabbia dorata: che meraviglia, che sollievo!

Onda dopo onda nella mano restano pochi granelli di sabbia, come piccole conchiglie che evocano nel cuore i ricordi più belli di un'estate senza fine... Sono quelli che ti fanno sentire vivo; quelle sensazioni stupende che vorresti donare alle persone che ami di più. Purtroppo sono emozioni impresse nella mente e nel cuore, perché la realtà, la mia realtà, mi dice: "Dove vai, uomo? Non vedi la tua angoscia, la tua disperazione? Ormai sei chiuso in una gabbia di muri, strade cementate, aria irrespirabile, piogge acide, inquinamento acustico e sei insofferente da oltre mezzo secolo!

Dei meravigliosi tesori della tua Vasto restano solo ricordi...

E' l'amara consapevolezza della saggezza di un uomo che sa benissimo quale è il peso della croce quotidiana da portare con sé.

Vai, piccolo grande uomo e sogna il profumo primaverile di un candido azzurro mare che è a Vasto!
"
La nostalgia della terra natale è struggente, specie quando si è lontani e si è assenti da anni.
Antonio Smargiassi (per gli amici "Tony") collabora assiduamente alla "Gazzetta della Martesana" da anni, impegnato a dibattere i problemi sociali e sportivi (lo si ricorda a Vasto attivo per la "Bacigalupo" tifando per la Juve). Pensando alla sua città natale, Antonio ci scrive da Milano questa sua nostalgica evocazione delle bellezze della città.
da "Il Vastese", mensile d'info. del territorio - n. 5 maggio 2006 

Sordiso
Mia cara Vasto...

E' un nido d'amore, di pace serena
quel golfo dorato dell'Adriatico mare
ove Vasto da millenni si specchia.
Madre natura sorride in forme sublimi,
profumi d'arancio, ginestre, oleandri
e mille altri ancora
ne fanno un luogo d'incanto.
Stupiti i viandanti,
i gitanti per averlo scoperto da poco,
ovvero i suoi figli
schietti e gelosi dello scrigno natio
rimandano nostalgici
al selvaggio d'un tempo
pur se da ieri han dischiuso
per migliori fortune
quando pria solcare in lagrime
han dovuto terre lontane.

da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2003


Anna Stivaletta Artese
La lènga uastarèule
Pe tand'anne
n'ajje parlate cchjì
la lènga ma,
m'ajja duvuta pihè
a la parlatìura talijàne,
ch'è tande bbèlle
scè
piccà, quásce quásce,
signàure
ti fa sindé.
Ma, canda
m'addummuannàvene:
- Signiuré, di ddò sì? -
Mi si strignàive
lu cuéure
a lu rucuorde
de lu Ua
šte lunduàne.
E mè?
Mo che m'aritréuve
a lu puajàise mé
nin ni pôzze cchjì:
mi vujje sfuhà
e vujj' ariparlè
la lènga ua
štarèule:
la lènghe de mamm' e tàte
che m'aiutète
a crasce,
a capé'
e a farme forte!
La lènga pajsàne
che carre
chiar' e cri
štalléine
gné ácche de suriénde
da la mundágne
a la marèine
e dògge dàgge
asciàgne
a lu cuéure
di chi ti vó' bbéne.
Traduzione:
Il dialetto vastese
Per tanti anni
non ho parlato più
la lingua mia,
mi sono dovuta piegare
alla lingua italiana,
che è tanto bella

perché, quasi quasi,
signora
ti fa sentire.
Ma quando
mi domandavano
:
- Signora, lei di dov'è? -
Mi si stringeva
il cuore
al ricordo
di Vasto lontana.
E adesso?
Ora che mi ritrovo
al mio paese
non ne posso più
:
mi voglio sfogare
e voglio riparlare
il dialetto vastese
:
la lingua di mamma e papà
che mi ha aiutata
a crescere,
a capire
e a farmi forte!
La lingua paesana
che scorre
chiara e cristallina
come acqua di sorgente
dalla montagna
alla marina
e dolce dolce
scende
al cuore
di chi ti vuole bene.
Dialogo fra due vastesi emigrati
Scritto da Anna Stivaletta Artese per la rappresentazione teatrale dello spettacolo scolastico
La Facce de lu Uašte
Due vastesi emigrati in America si ritrovano a Vasto. Francesco è un personaggio piuttosto istruito, sa leggere e scrivere. Michele invece, no. Non è andato a scuola e sa parlare soltanto in dialetto.
Frangì: "Buon giorno, Micché. Come stai?"
Micché: "Bongiorne a ssignurì, Frangì".
Frangì: "Quando sei tornato?"
Micché: "A jre".
Frangì: "Ti ritrovi bene a Vasto?"
Micché:




"Ah, tande tande bbone... Finalimende pózze parla'.
Pe tand'anne n'ajje parlate cchjì la langhe ma' e tu sé' cand'ajje suffuèrte... Ma, mé Frangì, che m'aritréuve a lu pajèse mé mi vujje sfuhà a riparlá' la parlatìure de lu Uašte: la langhe de mamm'e tàte, che m'aiutète a crasce, a farme forte e a capé'... a capé' l'amore de mamme e de lu pajèse mé...
Frangì:

"Ti' rraggiàune, Micché, jé' ajj'ariscìute a 'mbarárme lu giargianaise e mi trove pure bbone a l'Americhe, ma vú' sapé che mi manca?"
Micché: "Demme Frangì".
Frangì:


"Me manche lu Uašte, lu ciuèle e lu muare de lu Uašte. Jë, Micché, cand'arivinghe a lu Uašte e la rivedo illuminata dalla luna sotto un cielo punteggiato di stelle, mi sento rinascere... Una perla rilucente è lu Uašte, sotto il chiarore della luna...!"
Micché: "È lu vuàire, Frangì. È nu sputtáchele che 'nze po' scurdé'!"
Frangì:

"Beh, a mé, spásse m'arivé a la mende 'na puhusé... che non ricordo dove ho letto. S'intituluàve: "Nu cèle puntijjète de štàlle".
Micché: "E ccòma diciàive, Frangì? Fámmela 'ssindé".
Frangì:

"Scì, scì, er'accuscì bbelle... che mi ci provo. Dunque: "Nu cèle puntijjète de štàlle". Cand'arivinghe a lu Uašte de la vejje de la marèine ecc. ecc. ecc.
Micché: "E mo, sé' che te deìche? Jë šta perla riluciuende nnì le lasse cchjì!"
Frangì: "Ti' rraggiàune Micché, pane e cipolle, ma a la casa ma'".
Cala il Sipario

Fernando Valentini
Privilègge

Nu' uaštarule tinàme 'nu grosse privilègge
Ca però j'avéma huadagnà'.
Doppe ca sème jùte all'addre mànne
Avèma fa li bbune cristijéne
E bbèune j'ama cumpurtà',
accuscë, alméne 'na vodd'all'anne,
lu Patratérne n'i li pò nihà'
di farij'arisciàgne pe' 'na mezz'aure a Lu Uašte
e farij'affaccià a lu Mure de li Lame
pe' putè' huardà chi
št'addre paradéise.
Matinàta uaštaréule

Si vvu ccumunzà bbèune la jurnuàte
pre
šte t'ad' hazzà 'na matèine di 'stàte,
t'adà ji' ffaccià' a chilu bballicuàne
c' j adà jé' pr
ëme ca lu suàle è nnàte
da San Mmicchéle a lu Calivàre
ugne pizze è bbèune pe' 'nu svàrie,
t'acchiappe' a rruhuè la bbrézza frizzandèine
e lu prufuìme dill'orte e de la Marèine,
a mman'a mmane ca lu paesàgge s'arichìàre.

 
 
 
 
 
Berinto Aloè
(Celenza sul Trigno, 1924 - Vasto, 2000)
Vasto

Vasto è bella
per chi, col sole,
ammira i suoi colori,
le strade antiche,
le chiese, i campanili,
le onde del mare,
che baciano la riva
e la sua collina,
profumata d'aranci
e resina di pini.

Vasto è bella
per chi, la sera,
non rimane a dormir
sotto i suoi tetti
mentre la luna
inargenta il mare
e stanca sorride
ai sogni umani.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Luigi Anelli
(Vasto, 1860 - 1944)
A Sanda Nicheule

Si hiune si ni va a Sanda Nicheule
vaite lu paradeise sopr'a elle:
Trimite, Luciapanne e la Majelle,
e lu mare da Térmul' a Vvigneule.

Sende lu quande di la cambagneule,
chi va pulenne nghi la sarchiitelle;
dill'urtulane la «paisanelle»
trumminde chì st'a ddà l'acch ali reule.

Ma a mmà mi piace cchii pì la rraggiaune
ch'aélle ci javame a ffà a pitrate
cand'ala scheule si facé filaune.

Chell'ere timbi: senza hué ala cocce,
tì ti crideive recche divindate
si nu solde cambav'ala saccocce!
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Ludovico Ariosto
....................................................Il signor del Vasto

Veggio Prosper Colonna e da Pescara
Veggio il Marchese e veggio dopo loro
un giovan del Vasto, che farà cara
parer la bella Italia ai gigli d'oro.

.......
..Vedete Carlo ottavo che discende
.......
..Dall'Alpe, e seco ha il fior di tutta Francia
.......
..Che passa il Liri, e tutto il regno prende,
.......
..Senza mai stringer spada o abbassar lancia.
.......
..Fuorché allo scoglio ch'a Tifeo si stende
.......
..Su le braccia, sul petto e su la pancia;
.......
..Che del buon sangue d'Avalo al contrasto
.......
..La virtù trova d'Inico del Vasto.

Di quel marchese Alfonso il primo è figlio
il qual, tratto dal nero degli agguati,
vedeste il terren far di se vermiglio.
Vedete quante volte son cacciati
D'Italia i Franchi pel costui consiglio
L'altro, di si benigno a lieto aspetto,
Il Vasto signoreggia, e Alfonso è detto.

.......
..C'è il mio signor del Vasto, a cui non solo
.......
..Di dare a mille Atene e a mille Rome
.......
..Di sé materia basta; ch'anco accenna
.......
..Volersi eterne far con la sua penna.

Giulia Gonzaga, che dovunque il piede
Volge, e dovunque i sereni occhi gira,
Non pur ogn'altra di beltà le cede,
Ma, come scesa dal ciel Dea, l'ammira,
La cognata è con lei, che di sua fede
Non mosse mai, perché l'avesse in ira
Fortuna che le fé lungo contrasto
Ecco Anna d'Aragon, luce del Vasto.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Nicola Bottari
(Cupello, 1921 - Roma, 2017)
Approdo

Terra di sogni,
balsamo
contro l'usura
del tempo.

Oasi di quiete,
di svaghi,
sfazo di luci.

Scenario
che inebria.
Ricchezza
di calore umano.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04
Armonia

Magìa di cielo.
Festa di Luci,
di colori.
Spuma di mare.

Sanno di storia
le vie e le piazze;
l'occhio si perde
nell'infinito.

Tutto splende!
Magìa di Vasto:
miracolo del creato.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04
Desiderio

Vasto da scoprire
nei dolci sguardi,
nelle premure,
nei palpiti d'affetto...

da godere
tra meraviglie
e monumenti
di antica gloria...

da vivere
nel caldo abbraccio.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04

Estate

Paesaggi, colline
della mia terra
suscitano emozioni
e ricordi lontani.

Incontenibile
il pensiero nostalgico,
la gioia di immergersi
nell'azzurro mare,
calcare sentieri,
riflettere,
tradurre in canto
il dono della vita.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04

Loggia Amblingh

Sono qui
in cerca di pace,

lontano
dal frastuono
e dal ritmo.

Contemplo
l'immensità,
in dolce armonia,
avvinto
da uno scenario
stupendo!

Incalzano i ricordi
e i sogni.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04

Meta

Adagiata sul colle
brilla
di magico incanto,
tra visioni
e cose ritrovate
nell'immensità
dello spazio

e del tempo,
scandito
dalle onde del mare,
e in notti di qiete
tra luna e stelle.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04
Nostalgia

Attendo con ansia
l'estate,
avido di sole.
Adoro il tuo mare,
la tua spiaggia.

Sono libero
sotto il tuo cielo.

con te
risorge l'incanto
della natura in festa,
tra luci e voci
che sprigionano
serenità e dolcezz
a.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04
Pensando a Vasto

Finalmente e' Marzo
e io gia' penso a Te.
Verro' a svegliarmi
al suono di campane,
a godere il tuo fascino.
Dappertutto andro':
Visitero' chiese
e monumenti
di antica gloria,
per le vie festose
trascorrero' la sera.
A notte tarda
deliziero' il cuore
al chiaro di luna
che splende sul mare.
dall'Autore alla Redazione - 1 marzo'10
Piazza Rossetti

Scenario di Naumachie
in tempi andati
ora
Salotto di incontri
Sosta piacevole

nel clima festoso,
magia di sguardi.

Gioiello che onora
il poeta Rossetti:
di Vasto
patriota esule.
dall'Autore alla Redazione - 3 febbr.'10
Spiaggia Amata

Sulla tua sabbia d'oro
sta l'allegria dei bimbi,
mentre l'anziano guarda
lo spumeggiar dell'onda.
Di qua verso gli scogli,
di là verso San Salvo
estendi il tuo splendore
e alberghi cuori a mille.
Dall'alba a sera tarda
sai tu di paradiso;
e luna e stelle a notte
sorvegliano la pace.
La Madonnina accanto
della chiesetta antica
invade di dolcezza
il magico tuo mondo.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04
  Vasto

Protesa verso il cielo
Vasto affascina
splende di mille luci.
Raccoglie
il primo bacio del sole
che annuncia
giorni incantati,
vigila, domina il mare.
Quadri stupendi,
accarezza lo sguardo
inebriato di aurore
e tramonti di fuoco.
Echeggiano
inni di gioia
nell'aria olezzante.
Notti di Pace
inargenta la luna
tra fiumi di stelle.

dall'Autore alla Redazione - 3 febbr.'10
Vasto

Dono della natura.
Gioiello!
Invita e offre il meglio
tra dolci sguardi
e gioia di vivere.
Un bel sogno!
Scegli Vasto:
cogli il respiro dell'universo
nell'immenso azzurro
di cielo e mare.
Oasi di serenità
e di fascino.

da "Il Vastese"- n. 7/8 luglio/ago.'06
Vasto

Il pensiero
si abbandona a te,
alla natura,
al paesaggio
di grande respiro.

Città di memorie
bimillenarie,
di fermenti,
cultura e arte
che esaltano
la bellezza
e la verità
del creato.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04
Vasto

Meraviglie
e bellezze
in un angolo
di paradiso.

Vasto ti aspetta!

Tutto da godere,
da vivere insieme
nell'atmosfera
magica.

Tutto è splendore
e incanto.

da "Il Vastese"- n. 7/8 luglio/ago.'09
Vasto

Città
con l'azzurro intenso
di cielo e mare,
l'incanto
di aurore e tramonti,
il conforto,
il fascino del creato.
Bellezza austera,
gioiello.
Tutto è splendore
e richiamo
nell'atmosfera magica.
Tutto è pace.

da "Il Vastese" - n. 6 - giugno 2005

Vasto

Dal poggio osservo
il declivio
verso il mare,
la spiaggia,
il limpido cielo,
l'ampia distesa
lussureggiante,
il treno dei ricordi,
colline
e paesi lontani.

Prodiga
la natura...
partecipe
del tuo destino,
del tuo fascino.

dal vol. Spuma di Mare-Cannarsa ed. '04
Vasto

Citta'
che affascina,
offre il meglio
in una realta'
di vita insieme:
tra cultura e arte,
vitalità e cuore.
Terra di sogni,
incanto
di cielo e mare,
accoglie
nel caldo abbraccio.

dall'Autore alla Redazione - 19 giu.'10







Vasto

Verro' a svegliarmi
al suono di campane,
a cogliere
il tuo respiro.

Incontenibile
il pensiero nostalgico.

Con te risorge
l'incanto della natura
nel tripudio
di giorni belli,
e notti stellate
per tornare a vivere.

dall'Autore alla Redazione - maggio'11

 
Vasto

Meta ideale,
giorni belli:
puoi spaziare
in piena liberta',
tuffarti
in acque limpide.
Vasto ti aspetta!
Trasmette allegria,
esalta,
rigenera
tra luci e voci
che sprigionano
dolcezza.
dall'Autore alla Redazione - 19 giu.'10
agosto, 2009

Annibale Briganti
(Chieti, 1520 - 1582)
1563, Luglio a Vasto
Il primo sonetto dedicato a Vasto


S'avien, che lungo i dilettosi liti
Ove l'onda del mar d'Adria percote
Mova i miei passi, e all'amorose note
Amor mi chiami e come suol m'inviti.

L'alma, cui furon già dolci e graditi
Quei colli, ond'io partendo hebbi le gote
Di pianto molli, dal profondo scuote
Mesti accenti, sospir gravi infiniti.

Quest'aria, questo ciel puro, e sereno
Sotto cui vivo anzi pur moro ogn' hora
Non può far lieto un sol de miei pensieri.

Vaghi colli, fioriti, amen terreno
Dove quella, che 'l cor mi tien, dimora
Come fia senza lei, che pace io speri?
Sembra essere questo sonetto il primo componimento lirico dedicato a Vasto.
Porta la data del 1563 ed è dovuto alla penna ed all'estro di Annibale Briganti, che studi recenti ci hanno restituito come uno dei più autorevoli autori del Cinquecento letterario abruzzese.
Nato a Chieti intorno al 1520 e quivi morto nel 1582, Briganti fu un medico illustre, che si dilettava "di volgare poesia" e che in questa veste vergò numerosissimi componimenti d'ispirazione amorosa, di cui ne restano soltanto 150, stilisticamente espressi secondo i canoni del petrarchismo imperante.


Luigi Campofreda

Jaufré Rudel ha indetto nel 1909, sulla rubrica «Ceneri e faville» del Giornale d'Italia, un concorso per la miglior quartina ispirata alla più bella marina del mezzogiorno.
Tra i versi pubblicati troviamo questi su Vasto:

Dal verde balcone aereo Istonio s'affaccia gentile
lieta di fiori, d'aranci e circonfusa d'ulivi:
ampio l'azzurro la bacia la fronte e l'Adriaco il piede
Tremiti e i   monti dell'Abruzzo ridonle attorno e 'l Gargano.

stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Lello Cianci
(Vasto, 1932 - 2008)
Vasto

Come Regina, fiera e gaia giace,
col capo reclino sull'amena sponda,
le braccia stese nel bel verde che piace
ed ...sulla rena e nel blu dell'onda.

Dietro, la Bianca Maiella, t'abbraccia,
ti guida come una mamma forte.
L'aurora, t'accarezza la faccia
e lascia i Sogni svanir con la notte.

I tuoi Figli? Ognuno, un vanto!
o ti sono accanto, o fuori, in affanno
(e a lenir, la nostalgia, col canto...!)

Prego e spero: Mi tocchi buona sorte?!
...con gli occhi colmi di questo paradiso,
passare all'Altro ... quando vien la morte!

Nicola D'Aloisio
(Vasto, 1886 - 1960)
Vasto

D'ogni dolcezza l'anima è ripiena,
albeggia su l'adriaca riviera
la bianca luna ne la grande sera:
sera d'agosto più che mai serena.

L'onda a la spiaggia gorgogliando mena
la brezza carezzevole e leggera,
e in grembo al vaporoso aere che annera
del lido appar più candida l'arena.

Vorrei cantare la tua gloria antica,
o Vasto mia superba, e i fasti, e tutti
i Grandi nati ne la terra aprica;

ma sul mio labbro muor l'epico accento,
ché troppo bianca su i cerulei flutti
appar la luna e troppo dolce è il vento.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Aless. D'Apollonio
Salve Histonium

Felix ingeniis, semperque virentibus agris
Histonium, salve, tempus in omne solum.

Cui mare, cui tellus late
sua dona ministrat,
cui Pomona favet, cui favet alma Ceres.

Hae
c Baccho, haec Phoebo, sedes haec grata Minervae:
Nam Laetae hic vitis, laurus,
oliva virent.

Angloni mirans haec
scripsit carmina vates: idque sui certum pignus amoris habe.
.
Salve Histonium

Salve Histonium, terra in ogni tempo felice
per gli ingegni e per i campi sempre rigogliosi.

A te il mare e la terra elargiscono generosamente i loro doni, ti è favorevole Pomona, ti è propizia l'alma Cerere.


Questa dimora è gradita a Bacco, ad Aopollo
ed a Minerca:
infatti qui prosperano liete la vite, il lauro
e l'olivo. Mirando ...

Il poeta ha scritto questi versi: abbili
in pegno sicuro del suo amore.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Fulvio D'Ercole
(Vasto, ? - Tunisia, 31 marzo 1943)
Uaste Bbelle!

Oh terre chi lu ciele ha bbinidette:
pi guadagnà la vite, pi' lu pane
abbandunarte j mò so custrette
e a jrmene da te tante lundane!
Oh Uaste bbelle, terra meja care:
parte, ma porte dentre a chistu core
la musica divine di ssu mare,
ssa spiaggia fine arrilucente d'ore!

Sopra lu trene, da nu finestrine
vede sparì li scuje une a une,
vede sparì già tutte li villine!
Ma vede ancore la vie chi la lune
segne, d'argente, sopra a chi lu mare
ch'à viste nnasce dentre a chistu core
lu prime fiore prufumate e care:
lu fiore chi ha nome Prime Amore:

Ecche lu Trave, ecche Conca d'Ore,
Casarze! Li trabucche chi scumpare!
S. Nicole! Passe lu trafore,
cumenze a rividè nu ccone mare:
ecche Vignole, ecche Punta Penne!
'Ncore mi sente na tristezza amare:
lu Uaste mi salute, mi fa cenne
nghi la luce chi gire da lu Fare!
Questa poesia, erroneamente attribuita al Prof. Silvino d'Ercole, è invece stata scritta dal figlio Fulvio la notte fra il 29 ed il 30 settembre 1939 ad Alessandria. Il Tenente di Artiglieria Fulvio d'Ercole, che descrive la sua partenza da Vasto perché richiamato alle armi, cadde combattendo eroicamente in Tunisia il 31 marzo 1943.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Panfilo De Filippis
Affacciat' a lu Mure di li Lame

'St' estate, s'avè fatte ora tarde,
a lu Mure di li Lame affacciate
j stavam' a gode nghi lu sguarde
lu golfe nostre, tutt' illuminate.

Avé 'passat' ancore 'na mezz'ore,
da j la case manche si pinzave, all'orizzonte come nu bagliore
tutte curiose la gente guardave.

'Na luna rosce stav' a mini ggalle!
«Ma quant'è bella!» esclamave une;
da lu mare simbrav' ascì 'na palle,
chi meravijje ere chi la lune.

E man' a mane chi esse s'alzave
come 'ncantate stavam' a guardà,
'na fasce di curalle s'allungave
e a lu «Trave» vinivis' a firmà.

Chi la sere mi so 'ntese filice.
A stu belle Paese j so nate!
Dicete quelle chi vulete dice,
j di lu Uaste me so 'nnammurate!
Nustalgie d'emigrante

Lu Uaste me, ma quanta ere bbelle…
Però nin si truvave la fatije,
e j siccome ere puverelle
da emigrante duvetti partije.

J rivede mamme chi st’a piagne,
tate invece mi dave curagge:
- Va, fijje, la Madonne t’accumpagne,
Abbat’ a te gne ‘na pirzona sagge.

Ricch’è l’America, l’Australia,
pure la Franc’ è ricche ‘nghi l’Olanda;
lu core me penze sol’a l’Italia…
a lu Uaste me care penze tante.

Mo chi quase trent’anne ha passate,
j tinghe sempre fisse nu pinzire:
vulesse’ariturnà a ddò so’ nate,
j qua mi sente sempre furastire.

All’estire j nin ci vujje sta’,
tu mo li si capite lu picché:
quelle chi m’è rimaste da campà
vujje campaje a lu Uaste me!

Nicola Del Casale
(Vasto, 1926 - 1984)

A ddo’ carre la Lebbe- 1970

La Lebbe s' aripiâgne de 'na vodde
lu tuembe a ccarre tra jünge e ccannëzze,
senza capazze e ll'âcca chiäre sciodde,
mäje alliséte 'na hacce, 'na stëzze.

- A rréte pi la Panne mi n'ascëjve –
la Lebbe - e da la firruvuëjje,
quäse durmuenne, ridenne a la rëjve,
fin' a lu muäre nghe ppoca fatëjje.

Jë ' ntinghe calpe de gna mé se’ vvratte,
mess 'a ddirëtte pi ffä’ la pandäne.
Ghrâsse e ‘lliséte, mi tréuve custratte

Li cânne a ttagne, li préte, 'stu muäre.
M ' hanne cagnäte natüure! E ddumuäne,
la môrte a li scujje. Pòvere crapäre!

Aricurdanne Portanove

A tempe de Frangische Capifuche,
lu centre de lu Vuaste a Pportanove!
Li carce, lu 'spudale e ll''Istitute,
Pirruzze, Panicutte e Casanove,
La Hatte, Cacanite e Ccangiarille,
'Mmasciate, la Halline e Ppascarille,

Cacabbuscì, Narducce e Pprucitane
Sciambagne, Cucciulone e Ccafunette,
Ammone, Zipunille e Ppanepane,
chille de Mirle, Scé e Ccasciulatte,
Magnaciresce, Jlate e Scavuzzille,
Lattanzie, Lapurese e Rraspitille.

Ci steve Ciccille — li Cire e Ddelgreche,
Lu Macillarille — la razza Delprete
trecende puteche — traine e ccarrozze,
manejja sgrujuazze — e li Scacazzete,
Cchiù lla la Pallotte — Cangiarre e La Vozze
Tutte fatijature — de ogne ccundizione,
nisciune vere serve — ognune gne ppatrone,
ca cchiù la filicità — si sapeva cunguistà.

Mo' ggente, frate me, d'ogne ppajese,
d'addra mindalità pi la ricchezze,
s'ammen'a mmastrìjé nghe mmille 'mprese
senza puté vascià la cundundezze,
cavacce piene e ffédeche 'ngrussate
pi ccanda beve, agnutte, magne e sfiate.

Lu cendre de lu Vuaste stà de quarte,
e ttu le pù vidé, sì 'nti 'mpapucchie,
de late, sotte, sopra e a ogne pparte,
diritt'a cche'ssu nase, a nnenz'a llucchie,
ddo'ddunghe j'é nnihozie e jé mmircate
pi cchi a la fatjje j'ha sparate.

stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997


La fonde de Vignéule

'Na fonda vicchie a la ‘ccuminzitàure,
acca surgende, nu púnje de cäse,
fiüure, ciardëjne; ‘na scagne, nu vuäse
de terre, märe de bbéne e d’amàure.

Écche Vignéule, vëjve e cchiü’ ssingére;
ma ‘ndurne ggiä’ lu nuéuve j s’abbëjje
a ccagnàrie la fâcce. ‘Na manëjje
fatt’a sfâsciä’ lu bbelle. Che mmistére!

- Mistiràuse nu cuôrne, nu curnuàcchie!-
Strilléve a mma la fonde de Vignéule.
- S’appenne ognüune e ll’ârbe sì scâcchie.

Fra jurne, märe, terre e ssopreccéle,
e cchi li sâlve cchiü’ da lu ‘nguacâcchie
canda la legge j’é ssol’a pparuéule?-

La váuce de lu Träve

Quäsce ‘na vàuce ch’aèsce da ll’âcche:
J’ë sé’ lu Träve - dëjce - e nì’mmi spâcche.
La fräne asciagne, préme, scrépe, abbotte
embé, j’ë’ m'aritëjre appàjne che smotte.

Lu muràjjàune, li scujje, li préte,
gna le sindëjve: - Piccà tü vi’ ‘rréte?
- dëjce a lu Trave.- Si vve’ la suluâgne
sëcche murëjme senz'âcche ch'abbâgne.

Lu sbâtte e sciâcche de ogne mmumuende
mé’ j'arifrasche a lu suàule che cchéuce;
si tt 'addaresse, cripäme nghe nniende !

E lu Träve, ngazzüuse a ‘sti préce:
- Vü’, si cchiü’ ppréme la fräne, e la ggende,
v'arifriscäte a lu puàzze de Céuce! -

Li préte de Sanda Nichéule

Enne e sséchele e sséchele li prète
bbiènghe a lu suàule a mmijjäre ammucchiéte;
e da lu muäre vusséte a la 'ssütte,
da lu dusbâtte alliscéte.

üune fucânde, abbrunëjte e lluciuende,
sött’a Ssanda Nichéule si lamende:
- Lu fìjüme m’ha strippäte a la mundâgne,
tinghe dandre nu fuéuche che ‘nzi câgne.

A nu tuòcche de ferre jë’ scindëlle,
ma ecche j'ttäte tra stègne e ccaträme,
manghe lu Suânde la lüuce mi stëlle.

Mi te’ cundende lu muàse de mâjje,
canda Nichéule nghe’ mméne tré ppâlle
a spâlle asciagne a ‘sti prète e ‘risâjje.-

Lu Puarlä' de 'Derce
sonetto dialettale inserito nella raccolta
“Pârle lu Vuâste”, pubblicata nel 1978


Se’ ffôrte angàure, nisciüune mi trejte!-
strillé da ll'âcche lu scuojje de 'Derce.
Honde de märe, sbâtte! Nì ‘ mm'accëjte;
ni ' mmi sfraggelle a nisciüune cummerce!

O ggende, é ssäne gné pprëjme 'stu pust'e,
pulëjte, angàure d'andica fattüure
da cend 'e ccende de enne e cchiü' püure.
Minëjte!...E jjäte pi li fetta vustre.

E llassàteme stä'. Nì ' vvujje sträde,
né ppalezze e né vvëlle dirimbette;
ddisidr 'arimanà pòvra cunträde.

Si nna ', pülepe, ciòcchele e ppilüuse
ddo’ l'acchiappäte? Nghe ll'âlme de pette
si mmäre e scujje mi vä' fôredüuse!

Lu Vualláune de Bbonanotte

Jë' j'éere nu vuallàune e li ranucchie
candàvene pi mma la, sirinäte.
Li stalle m'ariddicrijève l'ucchie
gna mi s'arimmiréve la nuttäte.

Vasciäve jë’ lu muäre sôle sàule
a mmezz'a che la ràjne abbandunäte,
nghe la lüune, li nüvole e lu suàule.
Nghe ggindilazze j'éere jë’ chiamäte.

N'haje 'mbüsse de zùcchele e de réute,
canda piscenne d'èsene ariccodde!
Nisciüune cchiü' me' m'attraverse a ppéte.

M'hann’ aggiustéte nghe nu vujadotte,
nu puànde 'nzomme a ddo’ ‘ nzi dä’ la vodde.
E ssàule cchiü' ni’ stinghe. Bbonanotte! 

Prime e mo

Prime lu sole, lu fare, lu mare,
lu scojje spaccate, 'na vele,
Pennaluce, la punte de 'Derce
e de llà, pi la terre e la rene,
carrozze e traine
li sdanghe pi d'arie,
nghe ttende, cuperte e llinzule
ch'a lu pascone facévene l'ombre.

Ggende 'nfeste, cundente de poche:
quattre spachitte, n'arroste, lu vine,
du' mustacciule, tre-quattre taralle.

Mo', sopr'a lu fare li case,
pi ssott'a la Penne lu purte;
li scujje sparite, tritete,
e la spiagge de rene e de prete
aripiene de scàttela vudde,
bbaréttele che ni 'nzi distruje,
catrame ch'appìcciche e ttegne.

E de qua, a ddo' si po' scegne,
no' cchiù nu cavall' a rripose,
nemmanghe 'na sdanghe pi d'arie:
rrobb'a mmutore sott'a lu sole,
tàvele, sete e mbrillune
sopr'a la terre, a li prete, a la rene.

Ggende scundente,
ma 'nfeste lu stesse;
ggende che 'mPasche, ci vujje scummette,
n'è state nemmen'a la messe!

Tra müure e scujje a Ccunguarelle
composizione dialettale inserita nella raccolta “Pârle lu
Vuâste”, pubblicata nel 1978
dove immagina il dialogo tra
alcuni pesci che si lamentano dell’invadente presenza dei “muri

Atturn’a mmüure e scujje a Ccunguarelle,
nu ghrânge, ‘na ciangatte e ‘na sardelle,
all’âcca trasparende ‘ngalmitä,
faciàjvene ggirenne nu puarlä’.

‘Ccundäve la sardelle: - Jë, da cìfene,
sbarrüune, hürze, héupe e ccavanelle,
haje sindüute a ddë’ ca cirte scrùfene
alôme fatte a mmäre lu rubbelle.

-Scëjne, scë’- cucciujéve la ciangatte,
- la rrazza màje sfiânde c’é rrimâste
pi ccanda n’é ssuccesse a ecche satte.

La calpe é de li müure. ‘Nte’ cavüute,
facé lu ghrânge. - E ssi ffräne lu Vuâste,
nghe lu ciumuende, mé’, séme finüute.


Gaetano Del Greco

Jaufré Rudel ha indetto nel 1909, sulla rubrica «Ceneri e faville» del Giornale d'Italia, un concorso per la miglior quartina ispirata alla più bella marina del mezzogiorno.
Tra i versi pubblicati troviamo questi su Vasto:

Quella di Vasto, che da San Nicola
allo sguardo che ammira e che si bea
baciando la cerulea Vallea
s'incurva fra i laghetti di Vignola.

stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Luigi Desiati
....................................................Istonio

Bruna ed aerea su l'adriatico mare

........che con sordo fragor bacia la sponda,
........tra le fertili balze, Istonio appare
........alla luce del sol tremula e bionda.
Un'aura molle tutta la circonda
........con un soave e blando sospirare,
........mentre, bianche fantasime, sull'onda
........trascorrono le vele e fan pensare.
Poi dissolti i vapor, lontano lontano,
........Tremiti appare, quando il giorno muore,
........come emersa dal sen dell'oceano;
E mentre una malia dolce e secreta
........va lentamente penetrando il core,
........l'alma s'innalza ai sogni del poeta.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Espedito Ferrara
(Vasto, 1908 - 1992)
Lu Huàste nostre

T'affécce a ssan Mmechéle, a le Tré Ssigne,
A lu Pualàzze... po' ssanda Lucìjje...
Sanda Necola mé, che pparadìse
Che ffenamonne ma',
Addò se va se va;
Madonna de la Pénne, che 'ngande, che ppace,
Che ggioja da té,
Oilì, oilà!

E cchi sse po' scurdà lu Huàste bbèlle,
La pescetèlla de lu muàre nostre,
E tté, cambane de sanda Marìja Hrànne,
O tèrre, o mare e ccéle,
Tutte
'm bracc-i-a mmé!

E cche ccullàne de ddiamànde e ppèrle
Lu Truàve, Scaramuzze e Ccungarèlle,
Casarze, la Canale nghe Vvegnòle...
Ma 'ndo' le vì ttruvuà
Cchiù scicche raretà!
E ddoppe la Marine, la donna reggine
De tanda bbeltà,
Oilì oilà!

E cchi sse po' scurdà lu Huàste nostre,
La Maddaléne, ssan Ddurrènze a llate
E tté, Madonna bbella mé da la 'Ngurnate
,
E ssand'Andùnie pure
:
Tutte
'm bracc-i-a mmé!

E dda lu Fuàre schine a lu Huargàne
Che mmare apèrte, lìbbere, spianate...
Te nàzzeche, te porte e tte strasporte:
A Nnovajorche vu',
A Bbonessàire tu,
All'Australie nu', ma ne mmanghe le 'mmìte
Pe lu Quanadà,
Sciò-lì; sciò-là...

Ma chi sse po' scurdà lu Huàste nostre,
Natale e Ppasche e ll'Uteme del ll'anne
,
Lu Légne de la Croce
, e tté, o Spina Sande...
Oh
, tutte tutte tutte.
Tutte 'm bracc
-i-a mmé!
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Michele Genova
(Vasto, 1806 - 1860)
A Vasto
D’illustri figli a te fu sacro il canto,
E l’Europa fe’ plauso a quei concerti.

Altri narrò tuoi pregi e’l prisco vanto,
E tua fama volò da’ quattro venti.

Altri mostrâr di tua beltà l’incanto,
In vive tele, alle straniere genti,
E fu l’immago tua gradita tanto
Che dell’arte rifulse infra i portenti.

Ciascuno un lauro aggiunse alle tue chiome!...
Ma che ti vale esser Frentana Atene
Se de’ figli non serbi altro che il nome?

Sol l’Anemanno tuo ti largì tutto:
Chè in fecondar le tue contrade amene
in un col lauro ei volle darti il frutto.
stralcio da art., a firma Lino Spadaccini, apparso su "www.noivastesi.blogspot.com" - 11 genn. 2010

Ettore Janni
(Vasto 1875 - Milano, 1956)
Cara Vasto

amore di terra lontana,
alta sul mare, assorta,
madre di poeti del verso e del colore,
non immemore,
nell’intima finezza che ha la tua gente
dal rude parlare, del primo sangue ellenico;
con la tua aria di signora decaduta,
in una dimora logora ma con una terrazza
su quello splendore
della terra del mare del cielo
che scalda il sangue e illumina l’anima;
cara Vasto sognatrice e battagliera,
benedetta per quel fermento d’indocilità
che è tuo
come i carciofini prelibati,
l’olio degno d’Olimpia,
il sapore della tua verdura,
il profumo delle tue frutta,
l’onore delle tue vigne,
e di tutti gli alimenti
è il più puro
e si porta con sè
nei climi più avversi e
non vuol morire.

........................................Brano tratto da "Rapsodia Abruzzese" di Janni, pubblicato nel 1935, un ricordo della sua città natale

Gaetano La Palombara
Tanino, lu Prufissore
(Vasto 1917 - 1997)
Care vecchie palme di Piazza Rossetti
Vecchie palme di Piazza Rossetti,
che vedesti i miei giuochi di fanciullo,
allor che il cuore sgombro d’affanni
correva dietro ai quattro moschettieri,
a Zorro, a Sandokan, ai frombolieri
dei più famosi circhi di quegli anni,
io mi rallegro di sapervi amiche
ancora oggi, pur se più non m’udite.
Quante sgridate mi prendevo dal vigile
per i fiori che rubavo nelle aiuole,
e quante volte ai piè dei vostri tronchi
nascondevo narcisi, primule e viole!
Ricordate quel giorno di settembre!
Per sottrarmi a quell’uomo risoluto
a vendicarsi delle nostre monellate
mi vedeste goffamente arrampicato
sulla cima di un albero fronzuto.
Con pezzetti di vetro colorato, gettati
con insolita bravura, avevamo scoppiato,
uno a uno, tantissimi palloni colorati
che legati ad una canna di bambù
svolavano, ormai, sempre più giù.
E quell’anno delle grandi nevicate,
quando, scomposte per l’enorme peso,
posaste sino a terra, raggelate,
le vostre grandi ali frastagliate?
Per voi avemmo le più attente cure
per riportarvi su, forti e sicure.

Vecchie palme di Piazza Rossetti
che mi foste amiche nell’adolescenza,
quando, ricco di giovanili ardori,
il cuore s’infiammava per ogni evento.
Ricordate i dolcissimi crepuscoli d’aprile,
nell’ora in cui il tramonto v’indorava
ch’io ero lì, seduto sul sedile,
insieme all’amichetta, chè.. “ci stava”?
Sentivate, placide, i discorsi, le stupide
parole senza senso, le barzellette poco castigate,
le molte cose, che, poi, sapean di niente!
Ricordate i tanti, i lunghi bisbigli

.........................................................................................segue
.seguito ...........................................................................................
fatti all’orecchio della …”innamorata”

.e la vampata rapida, mediata,
che l’accendeva in volto, delicata?
E le promesse fatte ogni momento?
E i giuramenti ripetuti e triti
che dovevano durare per “tutta la vita“
due cuori appena schiusi, eppur fioriti?
Non si aveva per voi riguardo alcuno
che, sapevamo, di far male a nessuno.

Vecchie palme di Piazza Rossetti,
quante volte negli anni di tormento
quando la guerra mi portò lontano,
trasmetteste, sia pur per un momento,
al povero mio cuore un suono arcano!
Era la voce della Patria mia,
quella delle persone a me più care,
delle campane di Santa Maria,
di mille e mille cose fattesi rare!
Poi, vi rividi, un giorno: era settembre.
Voi mi salutaste, liete, in coro,
muovendo lievemente, come sempre,
le belle vostre cime spruzzate d’oro.
Ricordate le lacrime di gioia?
Le facce degli amici trasognate?
E l’abbraccio che con l’animo vi diedi
per avervi finalmente ritrovate?
Quanti anni da quel giorno son passati,
senza un colloquio, in termini più stretti,
senza una confidenza, come ai bei tempi andati.

Care e vecchie palme di Piazza Rossetti!
Ma oggi, dalla lontana Genova, un’amica
mi ha scritto di darvi un suo saluto
perché, mi dice, quando si fa sera
torna spessissimo tra noi, compiaciuta.
Io nel darvelo, quale gentil pensiero
di un’anima ricchissima d’ideali,
risponderò per voi, con un veritiero:
grazie, Fernanda, t’aspettiamo!, vieni!

La morte di un Istituto
(Ist. Tec. Stat. Comm. Rag. e Geom.)


Milioni di piccolissime stelle
luccicavano quel giorno sul mare,
e dai fiori curati da diafane mani
saliva, leggero, un profumo soave.
Alle festanti voci dei bimbi facevano
eco i garruli trilli delle rondini in volo.
Una gran luce di sole riempiva l’aula,
e spingeva il pensiero lontano, sul mare.
Era maggio! I giovani cuori già
sognavano la pace dell’estate,
e il mio vecchio Istituto viveva,
maestosamente poggiato sulla
collina, alta sul mare.

Miliardi di brillantissime stelle
luccicano sul mare, stamani.
E’ maggio!, ma dal giardino non
salgono i profumi soavi, né dei
bimbi le festanti voci di ieri.
Un improvviso rumore di crollo,
una nube di polvere s’alza sinistra a
coprire la turchina distesa di mare.
E’ il mio vecchio Istituto che muore,
vinto dalle inutili illusioni di fare,
minato da un lungo male mortale.


Luigi Laccetti
(Vasto, 1810 - ?, 1869?)
Istonio

Sei bella o patria mia! Da la pupilla
Di Dio sorrisa chi può dir di quanta
Rigogliosa freschezza
Ogni dì più non si rinfranca e brilla
II fior di tua perenne giovinezza?
Di cristalline fonti, e di gentile
Verzura sempre lieti
Sono i tuoi poggi, e a gli aliti nudrito
Dei zeffiri vaganti,
Tra un mar di luce aprile
Soavemente infiora i tuoi roseti.
Più che altrove di vivido vermiglio
Sotto il tuo cielo imporpora la vite
Non ti sdegna l'arancio, e redimite
Hai le colline di virenti ulivi.
Né men cara ti mostri, se di bruna
Notte ne i ombre meste,
Come una fida amica
Ti sorride dal cielo e ti riveste
Di placidi candori.

da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2001


Michele Lattanzio
(Vasto, 1855 - Vasto, 1931)
 
Scriviamo nel cielo
Ci siam levati insieme stamattina,
io dal mio letto e il sol dall'orizzonte;
d'oro era il sol la spiaggia e la marina,
io grigio e piccolino là di fronte.
La stessa volontà ci ha concepito,
quindi lo guardo come un mio fratello,
senza offesa, un poco intenerito
e senza umiliazione. Come è bello!
Alle spalle invisibili fratelli
grigi e piccini, ancora addormentati,
tra muri silenziosi, allineati
come merli svettanti di castelli.
S'affacciano le case ad ascoltare,
sul parapetto che gli fa da sponda,
l0 sciacquio monotono del mare,
il sussurro immutabile dell'onda.
Anche fratelli miei sono quei muri,
quei muri delle case silenziose,
nati dal sangue, da lavori duri,
dal dolore, da lacrime preziose.
Oh, fratelli di pietra e di sudore,
morrete quando un dì vorrà il Signore!
Ma tra voi, che ora d'oro vi tingete
come la via che mena alla marina,
come le gocce salse della rete
che dal trabocco brillan la mattina,
tra voi, vivranno eterni quei ricordi
di quelli che tra voi sono passati:
i sogni, le speranze, gli sconforti,
eternamente, perché sono stati,
perché più nulla si può cancellare,
resta scritto invisibile nel cielo:
nemmen la morte lo può più mutare.
E questo è vero quanto l'Evangelo.
Ecco, dall'alto della torre piatta,
Vasto saluta il sole che lo bacia
e in quest'ora dorata, stupefatta,
la torre pare di color di bracia.
Anche questi rintocchi del mattino
vivranno eterni fra la terra e il cielo
e, sfumando nel vuoto cilestrino,
aleggerano trasparente velo.
Così questa città racconta al mare
e al sole del mattino la sua vita,
ché del sole e del mar si può fidare,
ché mare e sol non l'hanno mai tradita.
Io grigio e piccolino sulla rena
come tanti pel mondo o fra quei muri,
se della vita vivo l'altalena,
la vivo in grazia di quegli archi scuri,
di quei vicoli stretti, della torre,
dei campanili, di quei coppi grigi
che nel tempo che corre e che trascorre
han visto scarsi gli attimi felici.
Da San Michele a San Nicola, allora,
dall'Aragona, all'onda cilestrina,
(è l'incanto struggevole dell'ora,
o una coscienza nuova stamattina?)
su quei muri fratelli, maltrattati
dal tempo, dalla terra, dagli eventi,
dalle guerre degli uomini accecati,
da crudeltà, da vili tradimenti,
alziamo gli occhi nuovi queste mani.
II male del passato non scompare?
Ma c'è il futuro nelle nostre mani!
Basta soltanto fare come il mare,
basta soltanto fare come il sole,
basta soltanto alzarsi all'albeggiare,
senza sprecare il tempo e le parole
e dolcemente stringersi la mano, guardandosi nell'anima pian piano.
Basta soltanto un po' sapersi amare
come da sempre fanno il sole e il mare.
dalla Rapsodia storica di Vasto: "L'Altipiano non piace agli Dei"

Giuseppe Marchesani
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola, dic. 1981)

Marcello Martone

Cambane de lu Uaste

E vvole lu penzire mé: lu Uaste.....
Nen sende che nu sone de cambane:
'na vocia sole, senza chiù cuntraste,
'na vocia sole e ppiane.. piane, piane.

Gné canda me vulesse nazzecaje
angore mo, pe la cundinuazione
di che lu sonne bbelle, che 'n se saje,
ndraviste 'm bracce a mmamma meja bbone.

Canda recorde chiame che lu sone,
canda recorde che la cambanelle
ch'ogn'albe s'accurdave a la canzone
alégre alégre de la rinnelélle.

E ttu, cambane de la Sante Spine,
me stì a ssunà mo tu, cambana care?
Te sende gna se fusse da vicine,
pure se ttande mare ce separe.

Ere nu citelélle.... e so' cresciute,
cambana mé, ma troppe troppe léste,
credenne gna se crede e ss'é ccredute,
cambane de dulore e dde tembéste.

Cambane de lu Uaste, angora, angore...
Vulesse armenije a lu cchiù preste
p'aresendirve, ecche, a sunà gné llore,
p'aresendirve tutte..... e tutte a feste!
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Silvius (Silvio Monacelli)

Jaufré Rudel ha indetto nel 1909, sulla rubrica «Ceneri e faville» del Giornale d'Italia, un concorso per la miglior quartina ispirata alla più bella marina del mezzogiorno.
Tra i versi pubblicati troviamo questi su Vasto:

Freme d'Istonio l'ampio mar verdino
al lieve solco del latin veliero;
del sol quest'é, la culla, almo giardino,
dell'Abruzzo quest'é   «mar del pensiero».

stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Carlo Palmili
(Vasto, 19oo? - Roma, 1953)
Alla mia terra
O Lido, o Monti, o Valli,
che raccogliete l'armonia del Mare
ben vi vedo fiorir sopra il mio colle
ben vi sento cantar l'inno alla Vita.
Vasto, terra di sogni e di promesse
ch’alta sorridi al sol che nasce,
come
tenera madre che rivede
il dolce
figliol dopo il riposo, ascolta, ascolta,
o Terra mia, il canto del tuo figlio…

O lido che t’inarchi come falce
e che racconti i murmuri segreti
dell’adriatico mare,
e vedi vaporare fra colli ed orti
immensi ulivi al sole,
e lungi dal Gargano scopri il monte
fra corone di nubi ampio-fuggenti;
Lido che specchi rami d’aranceti
e palpiti di vele
e l’infinita azzurrità del cielo,
che di sè tutta l’anima m’inonda,
accogli, Lido, la profonda voce
del devoto eremita,
che guarda e sogna e veglia sul tuo colle,
sacrato all’arte, alla Fede e al Dolore!


Oh! com'è triste ricordare a sera,
in questo veleggiar di nostra vita,
l'affanno e l'illusion di giovinezza!
Se un giorno più la voce non udrò
del piccolo pastore,
che lietamente canta e si trastulla
nel passar lento della sua giornata,
perché nulla conosce
del segreto dolor dell'universo,
ma sol greggi guidar di colle in colle,
allor ricercherò nel mio profondo
l'eco e il ricordo della dolce voce
e sognerò per Te,
o cara Terra mia, un nuovo canto
che rinnovi il mio Amore e la tua Gloria!
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola, dic. 1981)
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Emilio Ambrogio Paterno
(Montenero di Bisaccia, 1885 - 1971)

Giuseppe Perrozzi
(Vasto, 1899 - 1973)
.. .......a Vasto
Oh mia cittade che sul rosso vespro
hai le tue case e i campanili in foco
e che d'aranci hai carche le pendici ridenti ai piè delle tue vecchie mura,
sì bella tu m'appari in sul tramonto,
tal da velarmi l'occhio in dolce pianto. Quando le belle tue vele latine,
spinte dal soffio d'Eolo fecondo,
vivide rese dai cocenti rai
e gialle e rosse e maculate a stella, riedono al lido, quasi stanche, a sciame, offrono al guardo la vision sublime
di quanto possa il magico creato.
Il mar che bagna la falcata piaggia,
pare che canti, al volvere dell'onda,
la prisca gloria e i fasti d'un passato.
Oh vecchio Municipio de' Romani
che desti di fermezza e di valore
nel volgere dei secoli la prova.
Le ben salde tracciar Diomede volle
alte tue mura, dominanti il mare!
Oh vecchia mia cittade saccheggiata
più e più volte, per fatal destino
vedesti i templi tuoi predati ed arsi
e l'are infrante dalla fè pagana.
Per grandi cataclismi avesti duolo
e a stragi, a vessazioni, a incendi, ad ire fosti sopposta, o misera cittade,
ma sul tuo poggio sorridente e ameno, sempre risurta sei, rinnovellata,
quasi a spezzar l'avverso tuo destino, quasi confonder nel tuo dolce canto
di vita l'inno e della morte il pianto. Vedesti coronato in Campidoglio
il tuo Pudente, appena tredicenne
e culla tu pur fosti di De Parma
che volle vendicar l'italo onore,
brandendo il ferro insieme a dodici altri sui campi di Barletta, in gran tenzone.

E del Rossetti, pur ti glori o Vasto,
che seppe vivo ed armonico il verso comporre e risvegliar l'alme sopite
dal torpor dell'ignavia e dal servaggio: qual'italo Tirteo surge gigante
ed infiammò e trascinò, portando
il culto della Patria in fra le genti.
Vai tu superba d'aver dato al mondo
il tuo Smargiassi che sublime fue
nel ritrattare, in magistral purezza,
usi e costumi dell'Istonia terra.
La storia non dimentica Cardone
il comandante il battaglion del Vasto,
il sol che nella mischia non s'infranse.
Sei di Palizzi la città natale
che coi colori e coi pennelli diede
vita e parola all'asinello e al bove. Cullasti tu l'ingegno di Laccetti
che pinse con impari maestria
tele solenni di profondo acume.
Vedesti nascer Ricci, gentil vate,
che scrisse versi all'itala grandezza
e cadde, ahimè, a Mentana, col dolore
di non veder l'Italia sua tutt'una.
E del Cordella, che l'ignoto Elila
scoperse in terra d'Africa lontana,
tu raccogliesti sol le spoglie esangue
della sua carne dal tuo grembo surta.
A tanti grandi desti i tuoi natali
oh bella Vasto che sul mar sorridi
e che baciata sei dall'onde pure:
Voglia il destino riserbarti ancora
al culto delle genti e l'intelletto
dei figli tuoi, cosparsi per il mondo,
sia faro e luce di progresso e vita,
sia vanto e gloria dell'Istonia terra.

Franesco Pisarri
(Vasto, 1900? - ?)
Lu Scoje spaccate de la Penna
Francesco Pisarri, letterato e giornalista vastese, attraverso le colonne del "Il Vastese d’Oltre Oceano" del 25 aprile 1926 cosi scriveva:

In questa scogliera,
ma più verso l’estremo apice della pinta,
è lo «Scoglio spaccato».
Per un viottolino dirupato si scivola verso il mare;
per una piccola fessura si entra,
come in una caverna sotterranea,
in uno stretto budello;
poi la caverna si apre
e si trova all’improvviso di fronte
un pezzo di mare turchino
e di sopra un pezzo di cielo azzurro.
Intorno, massi ciclopici
che pare debbano schiacciarci
da un momento all’altro.
Sotto i piedi, sabbia finissima;
e fra roccia e sabbia zampilla
una vena d’acqua fresca e dolce.
Il mare è a due passi.
Come è gradevole merendare colà!
stralcio da art., a firma Lino Spadaccini, apparso su "www.noivastesi.blogspot.com" del 28 marzo 2011

Aniello Polsi
(Mutignano, 1905 - Bazzano, 1983)

Nustalgie di Vaste
Bellissimo brano. Un vero inno a Vasto ed un piccolo omaggio alle sue bellezze

Vaste bbelle tra mare e giardine
paradise terrestre tu sì,
nghi lu core ti tinghe vicine,
"nnenz' a l'ucchie tu sempre mi stì.

Rit.: Vullarì vulà, Vaste mé,
pé 'na vodda sole da te.
Ma quande, quande sta lundananze
nin chiù me separe?
Ma quande, quande ì chi lu ciele
turchine arimire?
Ah!...

Scaramuzze, Casarze, Vignole,
Cungarelle, lu Fare... che chiù?
O chiesette de Sanda Nicole,
m'aricorde ì sempre de vù.

Rit.: Vullarì vulà, Vaste mé, ecc. ecc.


Tra le cose cchiù care e cchiù sande,
che cunsirve tu, Vaste, pé me,
ci sta mamme ch'aspette da tande
lu ritorne pé ma rivedé.

Rit.: Vularrì vulà, mamma mé,
pé 'na vodda sole da te.
Ma quande, quande sta lundananze
nin chiù me sapare?
Ma quande, quande ì chi lu nome
adurate arichiame?!... 
Ah!...

La Scaffette
(panierino di pesce assortito)


Pe' tòjeme 'na vulije, nin ride, zi' Pumpè',
so' fatte tre mila mije pe' sta' a lu Vaste me'.
Sentive na nustalgije da tante tempe che
de corse so' riminute, pe' vive gne nu re.


Rit.: Ajje accattate 'na bella scaffette,
oh che vrudette massere ajja fa'!
Sfoije, merluzze, risciule e cianghette,
oh' che finezze de pesce sta qua?
Ancore vive, addore de mare
sta panucchielle, pescate mo' mo';
e sta lucerne e stu calamare
T'addore 'mmocche, tè fa ridicrijà'!


L'America è grande e ricche e te' quelle che vu',
stu ciele però e stu mare teneme sole nu'.
A élle se campe bone, chiù bbone n' zi pò sta',
ma ècche se campe mejje s'arpurte li «dollàr»!

Rit.: Ajje accattate 'na bella scaffette, ecc. ecc.

Oh quanta malincunije se prove e n' c'è da fa',
se pense che arvè' lu jurne de riturnà' de là ...
All'ore de la partenze lu core lasse a te,
o terra felice e care, o belle Vaste me'!

Rit.: Ajje accattate 'na bella scaffette, ecc. ecc.


Gabriele Rossetti
Vasto, 1783 - Londra , 1854)

Canto poetico a .....

Vasto


Antico Municipio de’ Romani
Ove apersi le luci ai rai dei giorno,
Tu che ornando la spiaggia dei frentani
Hai l'Adria a fronte e lieti colli intorno,
Ed a mostrarci dei tuoi figli il merto
T'inghirlandasti di palladio serto;


Vaghi lidi il cui specchio, il cui sussurro
Sol per interna imago or sento e miro,
Ove in me riflettea vivido azzurro
D'un bel ciel, d'un bel mar l'emul zaffiro;
Bei campi ove offre il dì che sorge e cade,
Quasi smeraldi e perle, erbe e rugiade;

Coronato di nubi alto Appennìno,
Ai cui fianchi pascean torme lanose;
Colline apriche ove scherzai bambino,
Ove adulto cantai vallette ombrose;
Addio per sempre! Innanzi al guardo mio
Non verrete mai più: per sempre addio!


Addio Vesevo, che fra l'ombre splendi
Tetro gigante su campagne amene!
Udir potrei quei tuoi muggiti orendi
Ma non veder quelle tue varie scene,
In cui divien, per lunga ignita traccia,
Spettacolo di piacer la tua minaccia.

Addio per sempre addio, Roma infelice,
Ch'or si depressa come un dì fastosa,
Quasi diseredta imperatrice,
Fra le ruine tue siedi dogliosa!
Fida; il suo nuovo fato è stabilito:
Ma il tuo veggente nol vedrà compito!


Renato Terpolilli
(Vasto, 1927 - 2000)
Amore di Figlio (1999)

Mi scruti Vasto
dagli alti davanzali
con uno sguardo già illanguidito
da un preludio di luna
e dalle stelle dell'Orsa.
Legioni di colline men che aspre
si rincorrono sul tuo proscenio
splendente come una festa.
Mi sferzi col tuo vento
dal profondo dell'infanzia
satura d'echi e di deliri,
pago di te, delle tue rive,
dove il mare parlotta di profumi
e il bronzo della Bagnante
si burla dei pudori.
Mi sei cara anche per la tua accidia
ancor più per le rondini che sfiorano
deliranti i tuoi colmignoli.
Sono fiero di te e dei nostri avi,
delle tue storie non sempre liete
pur fra tanti crucci per i viventi.
Ma è pur sempre amore
anche se e castigo ad un limìo
d'indicibile smarrimento.
Non chiedermi di più:
sai che non potrei.
Mi guardi, ti guardo, tu ed io,
soli, per un amore che non ha quiete,
per un amore d'antichi aneliti
che non accetta commiati.

da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2004

Adelio Tilli
(Vasto, 1917 - 2009)
Alla Città di Vasto

L'aria di questo colle che, s'indora
d'aranci annosi, e d'uliveti è serra,
tanti han cantato con lacrime al core
tanti han lodato più ch'ogni altra terra.

Vasto l'hanno cantata pel bel mare,
per la natura i più l'hanno vantata;
i' vò cantar le lodi a te men care,
quelle per la tù gente mai lodata.

Da sette lustri sei dimora grata,
conosco i cittadin de le tu' mura
e giudicar m'é dato senza abbaglio.

Sono i nativi, in questo non mi sbaglio,
sotto la scorza che li vuole duri,
miglior di tanti e tutti gl'immigrati.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Francesco Paolo Votinelli
(Vasto, 1891 - 1969)
Uaste Bbelle, terra d'eure

M'aricorde di lu Uaste,
lu pajaise addò sso' nate,
canda jé pì l'abbisagne
a 'sta terra àjje migrate.

Ni mi puzze mà scurdaje
fore la Porte a lu Cuastelle,
addò 'Zì Sande Pantalàune
vennàive 'ndréiche e sciavunèlle.

Rit.: Uaste bbelle, tèrra d'eure,
notte e jurne pènz'a tàjje
fa ca prima chi mi mèure
ti putèsse arividajje.


Di li fàmmene a la Mèreche
l'ome fanne nu 'ccidajje;
ppén' aescine da la scagne
dànne satte a ffà bbattajje.

Si li 'mbiàschene la facce
nghi la ciprie e lu rusciatte;
ma ni vàlene nu pàile
di na tosta cafunàtte.

Rit.: Uaste bbelle, tèrra d'eure,
notte e jurne pènz'a tàjje, ecc. ecc.


Si vvulème fà li bbagne
s'à da jejje a Sàute Bbìcce
ma 'n gi sta li bbille scujje
chi ttinème a la Pinnicce.

Aècche, l'acche di lu mare
'mbuzzunéite è di bbinzèine:
ma a Ccasàrze sinde l'acche
addurà di quarajjèine.

Rit.: Uaste bbelle, tèrra d'eure,
notte e jurne pènz'a tàjje, ecc. ecc.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997

Anonimo
A Istonio
Inno
Dell'Adriatico mar per la costiera
Dell'Apruzzo ver gli ultimi confini,
O perenne é l'onor di primavera,
Siedi, o leggiadra Istonio, e nei marini
Flutti ti specchi, e 'l ciel d'aere t'inonda
Il più sereno dé monti Aprutini.
E i tuoi figli ispirati alla tua onda,
Ispirati al tuo ciel sempre ridente,
Senton siccome quivi il genio abbonda.
Pria sfolgorò nel garzoncel Pudente,
Che fra i vati (sol basta questa gloria
A porti in cima alla Frentana gente)
Di lauro in Campidoglio ebbe vittoria;
E poi in altri assai spiriti eletti
Di poema degnissimi e di storia.
Spiran l'etere ancora e il gran Rossetti,
L'esule... Ahi   vittoria del patrio amore...
E Smargiassi e i Palizzi e il Cieco Betti,
E i Pietrocola, e il sommo promotore
De trovati mirandi d'Annemanno...
E cento altri che pur d'ingegno han fiore.
Napoli e Parma, il Franco ed il Britanno
E per fin d'Asia il barbaro Ottomanno
L'opre de figli tuoi fruendo vanno!...
Salve o Gemma vetusta del Frentano
Classico suol d'ogni utile e bell'arte
Salve o vivente focolare arcano!
O Istonio, e questo pur non è che parte
Dé fasti tuoi. Te l'alato Inno or Madre
D'eroi saluta in glorioso Marte.
Mai, ultima d'ostil sangue a far adre,
Mai furo in campo le istoniesi spade,
Fra noi pugnando o fra straniere squadre.
Quando nella robusta antica etade,
Che di Pirro l'orgoglio insolentito
D'invader s'attentò nostre contrade;
Quel brando, che gli fea vinto e stupito
L'Egeo rivalicar per lo spavento
Forse istoniese fu quel brando ardito!...
Ma, se non v'ha d'Oblaco un monumento
  Che il dica tuo, negato invan t'é un prode
Frai tredici in Qua nata (?) al gran cimento
Riccio è tuo!... e ben puoi di tanta lode
Ir balda in faccia allo stranier beffardo,
Che a nostre avite glorie insultar gode.
E un Casilli è pur tuo! Ei quel gagliardo
Cadde ma pria prostrò l'odrisia luna,
Pugnando a pro del veneto stendardo. (1)
Salve, di prodi, salve ancora, o cuna,
Gleba non v'ha, non un v'ha de tuoi sassi,
Che di tue glorie non riveli alcuna.
La polve che 'l viator sotto i suoi passi
Calca pé campi tuoi, d'eroi è polve,
Da mille emersa sepolcrali ammassi.
Per l'aere ella in atomi si volve,
Tramutatasi entro l'acque entro l'argilla,
E in alimento ai figli tuoi si solve.
Del gran genio degli avi la scintilla
Si ancor, sfidando i tempi e la natura,
Scalda il petto ai tuoi figli, e in opre brilla,
E brillerà finché un tuo genio dura.
(1)  Si tratta di un soldato vastese, della famiglia Casilli, caduto nella battaglia di Lepanto.
Il manoscritto di questo inno, di evidente grafìa ottocentesca, non firmato né datato, si trova nella Biblioteca Comunale. «G. Rossetti» di Vasto.
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola,
dicembre 1981- Ristampa anastatica eseguita dalla Litografia Centro Stampa, C.so Europa 15/m - Vasto - 1997