Vasto in Fumetto
 
I fratelli Di Vitto*, noti fumettisti dalla cui matita sono usciti personaggi come Mister No della Sergio Bonelli Editore, hanno realizzato alcuni fumetti dedicati all'Abruzzo tra cui spicca per originalità e bellezza del disegno un Viaggio in Abruzzo a fumetti** anche in versione inglese. Nel fumetto Vasto viene definita unique along thè whole Adriatic coast.
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2005
 
**Le guide turistiche































 
*Domenico e Stefano Di Vitto
Stefano (1949) e Domenico (1950) Di Vitto, abruzzesi, precisamente da Scanno AQ, condividono la medesima passione per il disegno.
Esordiscono nel mondo del fumetto sul finire degli anni Settanta, lavorando in tandem (Stefano alle matite, Domenico alle chine) per conto dell'editore romano Ceretti (per il quale realizzano episodi di "Zorro", "Geronimo" e
"Il Santo").
Approdano
a Milano intorno alla metà degli anni settanta, prima alla Edifumetto di Renzo Barbieri dove disegnano Il Vampiro e Wallenstein, per poi passare alla casa editrice Universo e per la Rizzoli realizzano molte storie libere rispettivamente su Intrepido e Corrier Boy. Pubblicano materiale su "Il Giornalino" delle Edizioni Paoline. Le loro tavole illustrano, infine, episodi di "Storie Nere" della Ediperiodici e di "Diabolik" della Astorina. Questo curriculum serve ad aprire ai Di Vitto le porte di casa Bonelli. È il 1983: Stefano e Domenico vengono messi alla prova con alcuni episodi di "Kerry il trapper", una serie ideata da Tiziano Sclavi, pubblicata a puntate in appendice a Il Piccolo Ranger. Dopo quest'esperienza, diventano brillanti autori dell’avventuroso personaggio bonelliano "Mister No", di cui illustrano, tra l'altro, il cross-over
fra Jerry Drake e Martin Mystère. Personaggio che li terrà impegnati fino alla chiusura della testata avvenuta a metà del 2008 dopo ben 33 anni dalla creazione, cioè 1975, per poi passare a Zagor, l'eroe con la scure. 
Nel 1998 i Fratelli Di Vitto propongono all'attenzione del pubblico la prima di una serie di guide turistiche a fumetti, ** "Viaggio in Abruzzo", che rivoluziona e reinterpreta il modo di visitare luoghi più o meno conosciuti, non limitandosi esclusivamente ad un arido elenco di località e vuote notizie storico-geografiche. 
Confezionando una storia divertente, i Fratelli Di Vitto sono riusciti a rendere affascinanti gli itinerari percorsi dai protagonisti del fumetto. Dopo i "Viaggi" hanno messo in cantiere una nuova collana: "I Gioielli", dedicata alla vita, sempre a fumetti, dei santi. La pubblicazione ha riscosso un notevole successo nelle curie e nelle parrocchie per il linguaggio semplice e immediato.
 
stralcio da "www.sergiobonelli.it" e "www.divittoeditore.com"- M.S., 4 luglio 2014