Vasto, c'era una volta:
Lu Scojje spaccate (lo scoglio spaccato) di Punta Penna
 
Gita fuori porta a... Punta Penna
Lu Pasquàne
 
Nel corso della sua lunga storia, Vasto ha perso tanti
tesori”, quasi sempre dovuto all’incuria e all’abbandono
(le Ville dei d’Avalos, Palazzo Genova Rulli,
l’abbattimento della chiesa di San Pietro........ lu scojje spaccate a Punta Penna
, rimasto nel cuore e nel ricordo
di tanti vastesi).
A causa della costruzione del Porto è stato sacrificato uno degli angoli più belli dell’intera costa vastese, meta di
tante gite e scampagnate.

Francesco Pisarri, letterato e giornalista vastese, attraverso le colonne del "Il Vastese d’Oltre Oceano"
del 25 aprile 1926 cosi scriveva:
In questa scogliera, ma più verso l’estremo apice della pinta, è lo «Scoglio spaccato».
Per un viottolino dirupato si scivola verso il mare
; per
una piccola fessura si entra
, come in una caverna sotterranea, in uno stretto budello; poi la caverna si
apre e si trova all’improvviso di fronte un pezzo di mare turchino e di sopra un pezzo di cielo azzurro
. Intorno, massi ciclopici che pare debbano schiacciarci da un momento all’altro. Sotto i piedi, sabbia finissima; e fra roccia e sabbia zampilla una vena d’acqua fresca e
dolce
. Il mare è a due passi. Come è gradevole
merendare colà
!”.

Roberto Roberti, in un articolo intitolato “Itinerario sentimentale”, pubblicato sull’"Histonium" del 16
novembre 1955, scavando nei suoi ricordi così parlava
del luogo:
Quante merende ho consumato da fanciullo allo
scoglio spaccato che il babbo
, gran camminatore e buongustaio prediligeva.
Domenicuccio ci portava con la
carrozza fino alla
chiesetta della Penna e di là la lieta comitiva si avviava
alla scogliera che oggi è stata distrutta a colpi di
dinamite per fornire materiale alle opere portuali
”.
La realizzazione del Porto, ed i successivi ampliamenti, hanno inevitabilmente rovinato l’atmosfera magica che si respirava in quell’angolo di paradiso rimasto incontaminato.
 
Nicola Del Casale(Vasto, 1926-1984), con una bella poesia dialettale, dal titolo "Prime e mo’", inserita nella raccolta "Pinnuccia mè del 1973", dove l’autore, con un forte senso di nostalgia, metteva in evidenza l’inevitabile tributo pagato a causa del progresso e dell’industrializzazione:  
Prime e mo
di Nicola Del Casale

Prime lu sole, lu fare, lu mare,
lu scojje spaccate, 'na vele,
Pennaluce, la punte de 'Derce
e de llà, pi la terre e la rene,
carrozze e traine
li sdanghe pi d'arie,
nghe ttende, cuperte e llinzule
ch'a lu pascone facévene l'ombre.

Ggende 'nfeste, cundente de poche:
quattre spachitte, n'arroste, lu vine,
du' mustacciule, tre-quattre taralle.

Mo', sopr'a lu fare li case,
pi ssott'a la Penne lu purte;
li scujje sparite, tritete,
e la spiagge de rene e de prete
aripiene de scàttela vudde,
bbaréttele che ni 'nzi distruje,
catrame ch'appìcciche e ttegne.

E de qua, a ddo' si po' scegne,
no' cchiù nu cavall' a rripose,
nemmanghe 'na sdanghe pi d'arie:
rrobb'a mmutore sott'a lu sole,
tàvele, sete e mbrillune
sopr'a la terre, a li prete, a la rene.

Ggende scundente,
ma 'nfeste lu stesse;
ggende che 'mPasche, ci vujje scummette,
n'è state nemmen'a la messe!
stralcio da art., a firma Lino Spadaccini, apparso su "www.noivastesi.blogspot.com" del 28 marzo 2011

Lu Scojje spaccate (Lo Scoglio spaccato)
Per i vastesi, d'un tempo come d'oggi, Punta Penna,
è la naturale méta di tutte le scampagnate
fuoti porta.
Li bìlli scujje che ttenéme
a la Pinnicce
esercitano da sempre un'atttazione irresistibile.
Uno in
particolare, tuttavia, andato purtroppo perduto durante i lavori di realizzazione del porto, stupiva più di tutti. Era lu scojje spaccate, una enorme cavità nella scogliera, alla quale si accedeva anche per abbeverarsi ad una sorgente naturale d'acqua dolce.
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002 e 2003