Vasto: La Paranze, pesca d'altri tempi
(grossa e pesante barca a vela in uso sino agli anni cinquanta del secolo scorso)
 
Jamm' a vara'
 
- 'Nzìrre ssi parànghe, c'avema varà.
Mìttile a longhe e jamm' a 'mbustà.
Elòoo...Sande Micchè. Elòoo...
A mmare, a mmare.
Mbustàte, ca dà scapulà.
Sanda Maréjje, fàmme la véjje.


La voce del padrone, solitaria mentre i marinai gemono ricurvi nello sforzo di mettere a
mare la paranza, porta i comandi, misti ad invocazioni che assomigliano più ad imprecazioni.

- Dic' a vì, tavilète. Piccà nin vusséte?
Elòoo...Tutte li Sende.
Jjàtevene, dijàvele d'inférne.
Sand'Andrè, vi aécche.
Vùsse stà paranze a mmare.
Via sì, a bballa fére,
a rempià di puassce li panére.
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2005

 
Rientro dei pescatori