Campagna in genere di Vasto
 
La Maiella vista dalla campagna, Via Osca - Vasto
Vigneto a Vasto
vendemmia
Uva
Vigneto a Vasto
Uva nera nelle campagne di Vasto
foto di repertorio - Pigiatura dell'uva, inzio 1900  a Vasto
campagna e vigneto di uva nera
Uva bianca nelle campagne di Vasto
Oliveto a Vasto
Oliveto a Vasto
Raccolta delle Olive
Vasto - Raccolta delle olive
Olive verdi a Vasto
Olive nere a Vasto
campagna vastese - olivo
campagna vastese - olivo
Campo  arato a Vasto
Papaveri in Fiore a Vasto
campo di girasoli a Vasto
Farfalla a Vasto
campagna vastese
campagna vastese
campagna vastese
campagna vastese
campagna vastese - fico
campagna vastese - melograno
campagna vastese - alloro
campagna vastese - gelso
campagna vastese - pavone
campagna vastese - pavone  con la ruota
 
In Campagna-olio cm. 40x50
Mietitura-olio cm. 60x70
Raccolta olive-olio cm. 60x70
Vendemmia-olio cm. 50x60
del pittore figurativo vastese Nicola D'Ambrosio, attivo nel comasco

La campagna vastese è mutevole tra brevi pianori e colline.
Per il clima mite e mediterraneo
,
si sviluppano soprattutto colture di
vite - olivo - granoturco- girasole- grano
si producono:
- cereali: grano, granoturco, orzo ecc. (vedere scheda: la trebbiatura, ricordi di un tempo che non c'è più;
- frutta
: mele, pere, arance, mandarini, limoni, pompelmi, pesche, albicocche, prugne, fragole, ciliege, amarene, uva bianca, uva nera, more, ribes, lamponi, fichi, kiwi, nespole, mandorle, noci, nocciole, carrube, cachi, meloni, cocomeri, melograni, ecc.;
- legumi e ortaggi: fagioli, fagiolini, piselli, mais, ceci, fave, cicerchia, ecc.; insalata, cicoria, lattuga, zucchine, cardi, peperoni, peperoncini, pomodori, cime di rapa, carciofi, broccoli, cavolfiori, verze, rape, radicchio, cetrioli, finocchi, carote, asparagi, patate, zucca, melanzane, cipolla, aglio, aromi vari, ecc..
- abbondanti produzioni di oli e vini.

La Frîtte e la Virdîre (La Frutta e la Verdura)
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2005
Cachìss (li) Cachi
Ciappîne (li) Nespole
Ciréce (li) Ciliegie, varie tipologie
Ciréce a bbamme (li) Ciliegie duroni
Cîse (li) Gelsi
Citrîne (li) Angurie
Fëchere (li): Vaiaräne, Ficra Chèle, Pricissôtte, Vutténe, Ficra Tîrche, Langianëse, ecc. Fichi, varie tipologie
Filacciäne (li) Fichi fioroni, varie tipologie
Frâghele (li) Fragole
Ggiôrge (li) Giuggiole
kivui (li) kiwi
Ìuve (l'): San Frangiasche,  Cazzarèlle, Prèvele, Miscardèlle, Frâghele, ecc. Uva, varie tipologie
Làcine (li): "Nglé", Virdâcchie, ecc. Prugne, susine, varie tipologie e forme
Lambîne (li) Lamponi
Limîne (li) Limoni
Màle (li): Tinèlle, Zzitèlle, Mulingèlle, ecc. Mele, varie tipologie
Mandarène (li) Mandarini
Mennèle (li) Mandorle
Milichitàgne (li) Mele cotogne
Milîne di 'štäte e di mmèrne (li) Meloni estivi e invernali
Miràne (li) Amarene
Mirèchele (li) More selvatiche
Miricanéte (li) Melograni
Mùre (li) Gelsi - more
Nâce (li) Noci
Nucciùle (li) Nocciole
Pàre (li): Madônne, Spëne, Côsce, Spadâne,
Pirîcce
, ecc.
Pere, varie tipologie
Prèzzeche (li) Pesche persiche
Prichéche (li) Pesche percoche
Pumpìlme (li) Pompelmi
Purtihâlle (li) Arance
Ribes (li) Ribes
Sciaunèlle (li) Carrube
Sôrve (li) Sorbole
Vësscele (li) Visciole
Virlingôcche (li): Bbârgine, Crisômme Albicocche, varie tipologie
Fonte "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2019
 
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2005
 
stralcio da "Vasto domani ", giornale degli abruzzesi nel mondo - anno LII - n.4 - aprile 2018
Bbiàte (la) Bietole
Capifijîre (li), capefiáre (lu) Cavolfiori, cavolfiore
Cappîcce (li) Cavolo cappuccia
Cardîne (li), cardàne (lu) Cardi, a Vasto piante del carciofo, cardo
Caréte (li) Carote
Chicôcce o chicacce di mmèrne o gginuvuàse (li) Zucca invernale detta genovese
Cièce (li) Ceci
Chicucciuàlle (li) Zucchine
Cicìrche (la) Cicerchia
Cicòra dagge (la) Cicoria dolce
Cicuruèlle (li) Cicoria
Cicuruèlle spichéte (li) Puntarelle
Cipàlle (li) Cipolle
Cipôlla frèsche (li) Cipollotti
Èja frasche (l') Aglio fresco
E'je (Cèrte d') (li) Trecce di aglio
Faciule da sgranä (li) Borlotti freschi
Faciuluètte (li) Fagiolini in genere
Faciuluìtte "sôcer' e nnéure" (li) Fagiolini "suocere e nuore"
Fafa frësche (li), fafe (la) Fave fresche, fava
Finùcchie (li) Finocchi
Fuje (li) Broccoli dal colore violaceo diversi dai cavolfiori
Fuj' ammešche o Fuje di cambâgne (li) Erbe miste per lo più selvatiche
Luâcce (lu) Sedano
Marrôcche (li) Mais fresco
Milânghe (li), melanghele (la) Cetrioli, cetriolo
Milignäme (li) Melanzane
Nnèvie (la) Indivia
'Nzaläte (la) Insalata varie tipologie
Pammadére (li) Pomodori varie tipologie
Pammadora primìdiche (li) Pomodori precoci
Pammadòre Mizzitèmbe (li) Pomodori di medio periodo
Pammadòre a Pirîne (li) Pomodori a pera
Pammadòre Sammarzäne (li) Pomodori  San Marzano
Pammador' a llàcine (li)/pammaduruàlle (li) Pomodori a grappolo da appendere
Patäne (li) Patate
Pëipe (li) Peperoni
Pipa cuciuìnde "diavilëlle" (li) Peperoni piccanti, peperoncini
Pip' a scarciòfene (li) Peperoni grossi quadri
Pipa sècche 'ngrulluéte (li) Peperoni secchi (corolle di)
Pirdisène (li), pirdisànne (lu) Prezzemolo
Pisëlle (li) Piselli freschi
Pulâje (lu) Origano
Radëcchie (lu) Radicchio
Rafanille (li) Ravanelli
Rucuàtte (la) Rucola
Scarciòfene (li) Carciofi
Scaréle (la) e Scaròla rècce (la) Scarola e scarola riccia
Spèrne (li) Asparagi
Spinäce (li) Spinaci
Turtuarèlle (li) Cetriolo (sorta di) lungo e storto
Ujsubbuìrghe (l')/Jusubbuìrghe (lu) Mentuccia
Vasanichéle (la) Basilico
Virzôtte (li) Cavolo verza
Vrucche di räpe (li) Cime di rape/broccoletti
Fonte "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2019

Proverbi vastesi:
Arbe chi ni máine frîtte, cerche 'cciätte (albero che non da frutto, cerca accetta).
La cambàgne cambe (la campagna campa).

Produttori/commercianti di Vasto
Alessandro Pasquale - olio S.S.16 Nord, 96/a T. 0873.310368
Az. Agricola Del Casale Sergio
Via S. Biagio , 35 T. 0873.364697
Azienda Vitivinicola produzione di: Montepulciano d'Abruzzo, Cerasuolo, Trebbiano d'Abruzzo, oltre ad oli aromatizzati, liquori, aceto balsamico, marmellate, grappa e mosto cotto.
Cantina Fontefico Ctr. Defenza C. 328.3660760
www.fontefico.it La Cantina Fontefico nasce da un sogno di Nicola ed Emanuele Altieri, due fratelli con una profonda passione per il vino. Il Fontefico si distingue per la sua eleganza e per il suo equilibrio, è un vino pensato per i giovani e per chi si sente giovane. Sempre! Possibilità di prenotare una degustazione. Apertura annuale.  
Coop. Agricola S. Michele Ctr. Difenza T. 0873.310122
www.cantinasanmichele.it La Cantina è situata a poca distanza dalla Riserva Naturale di Punta Aderci. I vini prodotti sono ottenuti da vitigni autoctoni. Possibilità di prenotare una degustazione. Apertura annuale.
Enoteca Histonium P.le Histonium, 9 T. 0873.378467
Enoteca Sfizierie di Bacco Via Giulio Cesare, 4 T. 0873.365773
www.sfizieriedibacco.it Storica enoteca con ampia selezione di vini abruzzesi e prelibatezze dell'enogastronomia locale e nazionale. Possibilità di prenotare una degustazione. Apertura annuale.
Gi - Tre Enoteca Vini-spumanti liquori Corso Mazzini, 627 T. 0873.391378
Iasci D. Via Colli, 5 T. 0873.368329
La Selvotta-Azienda Agricola
di G & E
Sputore
Ctr. Buonanotte, 10 T. 0873.801658
www.laselvotta.it - e-mail: frantoiosputore@tiscali.it - C. 335.8154427 - Da tre generazioni la famiglia Sputare conduce la propria azienda agricola, di 30 ettari, producendo: olio DOP ed extravergine, vino, frutta, prodotti tipici e sottolio. È possibile visitare il frantoio aziendale e prendere parte a mini corsi di assaggio.
Possibilità di prenotare una degustazione. Apertura annuale
.
Olearia Cinquina Corso Garibaldi, 13 T. 0873.367131
Nel centro di Vasto, l'azienda, a conduzione familiare da più generazioni, è dedita al commercio dei prodotti dell'agricoltura. Apertura annuale.
Olearia - Vinicola Di Vito dal 1912 Str. St. 16 Nord, 1 T. 0873.310704
Oleificio Andreini Via Montevecchio, 5 T. 0873.801876
Oleificio e Vinicola San Lorenzo Ctr. S.Lorenzo, 230 T. 0873.69107
Belle piante di ulivo producono un olio interessante prodotto con cultivar Dritta Loretana e Leccino. A fianco alla produzione importante di vino c'è questo olio tipico, varietale che rispecchia a fondo il suo territorio. Qualità in crescendo. Vendita diretta; l'azienda non acquista olive; numero delle piante/età: 5.000-50 anni; metodo di frangitura: tradizionale; tipo di filtratura/conservazione: filtrato con filtro in cotone e conservato in acciaio a temperatura controllata; altitudine uliveto: 350 mt. slm; metodo di raccolta: brucatura a mano e meccanica; Degustazione: fruttato leggero si presenta color giallino con unghia dorata e sentori leggeti di verdura cotta, erba e foglia di carciofo. Delicato al palato con un finale leggermente amaro-piccante trova un utilizzo importante nei condimenti di piatti di pesce. Olio di buona qualità e fattura. Gradevole e varietale. Buono, da Guida del Centro: Cantine e Frantoi - 2005.
Olio Corvino Srl dal 1958 Via S. Michele, 21 T. 0873.366132
www.oliocorvino.it - e-mail: info@oliocorvino.it
Pastificio Ciancaglini Snc V.le D' Annunzio, 62 T. 0873.365067
Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo,
azienda agricola -
66054 Vasto 
Via Torre Sinello - C.da. Zimarino T. 0873.310027
www.tenutazimarino.com - e mail: info@tenutazimarino.com - http://tenutazimarino.blogspot.com - http://wwwfacebook.com/tenutazimarino.com
Growers and producers of ultra-premium EVOO -
General Manager: Mr. Nicola Tieri - mobile: +39 345 9077705.
Tenuta Zimarino è produttore, con il marchio “Masseria Don Vincenzo”di:
“Don Vincenzo”, Olio Extra Vergine di Oliva, Colline Teatine Vastese D.O.P.;
“Per Liliana”, Olio Extra Vergine di Oliva, monovarietale di Ascolana tenera;
“Costa dei Trabocchi”, Olio Extra Vergine di Oliva, monovarietale di Gentile di Chieti.
La filosofia aziendale è la produzione biologica e biodinamica di alcuni dei migliori ultra-oli di oliva del mondo, di ottima qualità, con bassa acidità ma soprattutto ricchi di acido oleico, di antiossidanti (vitamina E e Polifenoli) e senza residui di pesticidi.
Alla IX Edizione del Premio Nazionale Olio D.O.P. Extravergine di Oliva “Sirena D'Oro” di Sorrento il Premio Sirena D'Oro 2011, dedicato ai migliori oli extravergine di oliva italiana a Denominazione di Origine Protetta, ha assegnato il massimo riconoscimento all'olio DOP “Don Vincenzo” Colline Teatine della Tenuta Zimarino Masseria Don Vincenzo.
Gli Oli Extra Vergine di Oliva sono stati oggetto di studio e ricerca scientifica, nel corso dell'anno 2012, presso il Politecnico di Milano – Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica Giulio Natta, Laboratorio di
proteomica – da parte del prof. Pier Giorgio Righetti ed il suo Team nella “Ricerca di tracce di proteine in Olio Extra Vergine di Oliva”. Dopo analisi statistica accurata, sono state identificate tre proteine, di cui una Istone H4, è omologa allo stesso istone trovato dagli stessi ricercatori nel nocciolo.
Gli Oli Extra Vergine di Oliva sono utilizzati da un gran numero di famosi Chef stellati Michelin e Gault-Millau e da alcuni dei migliori e più prestigiosi Hotel del Mondo.
AWARDS:
* Los Angeles Extra Virgin Olive Oil Awards 2012: Gold Medal to “Per Liliana” and Silver Medal to “Costa dei
..Trabocchi” and “Don Vincenzo”;
* Olive Japan 2012 International Extra Virgin Olive Oil Competition Award: Silver Medal for two EVOO “Per
..Liliana” and “Don Vincenzo”;
* Grande Olio" - Slow Food Extra Virgin Guide 2012;
* Prestige Gold - TerraOlivo 2011;
* Tre Olive - Slow Food Extra Virgin Guide 2011;
* 1st Prize - SIRENA D'ORO 2011;
* Gold - monocultivaroliveoil. EXPO 2010;
* Special Mention - SOL D'ORO 2010 - 2011;
* 1st Prize with 5 drops of gold - L'ORO D'ITALIA 2010;
* Quality Certificate -  L'ORO D'ITALIA 2010;
* 2nd Prize -  LOROLIO 2010;
* MedOliva Club 2010;
* Slow Food Extra Virgin Guide 2010 - 2011-2012; 
* Gambero Rosso Extra Virgin Guide 2011-2012;
* Der Feinschmecker best 200 Oil Word.

Quando la campagna si zappava "a bidente"
Queste belle foto testimoniano il lavoro nei campi prima della meccanizzazione agricola.
Siamo in maggio 1956: gruppo di braccianti sta zappando la vigna con il caratteristico bidente.
Un lavoro molto faticoso che richiede "carburante" cioè buon vino che da energia al fisico. 
I lavoratori lo chiedono scherzosamente al padrone con due detti:
"Vine cotte o vine cride, purtile a nni chi seme minite";
oppure
"Vine vinelle, si sapurite e calarelle. Jè fatte da la vite sturtuarate, ma canda l’ommine divente mbrijacate, divente chjiu torte di la vite chi l’ha cacciate"
.
stralcio dal blog "www.noivastesi.blogspot.com" - 14 febbraio 2011

Cera una volta la Cattedra ambulante di agricoltura
Sulla opportunità di rendere più produttive le campagne del Vastese e di arginare la piaga dell'emigrazione s'erano alla fine dell'Ottocento registrati diversi interventi.
In un discorso pronunciato in Consiglio Comunale s'era ad esempio in questi termini espresso Ferdinando Martone, che ne fece pubblicare il testo in un opuscolo edito nel 1880 dalla Tipografia Masciangelo con un titolo piuttosto esplicito:
Del Modo di Migliorare L'Agro Vastese e specialmente delle Case coloniche.
Significativa l'affermazione:
Chi non comprende che se questa terra fosse affidata alle mani di cultori esperti in agronomia ed i vegetali si equilibrassero con gli animali utili
, essa sarebbe la terra promessa? Anziché allontanare e fare emigrare con l'oppressione i nostri svelti ed energici contadini, o in mezzo alla più squallida miseria farli vivere in città, il che forma un danno maggiore per la società, bisogna invece richiamarli a nuova vita, avere un pò di stima e di carità per essi, e far godere pure quella libertà che tutti abbiamo invocata ed ottenuta.
Per soddisfare dunque questa che divenne un'esigenza condivisa, fu così costituita nel 1910 la Cattedra Ambulante di Agricoltura.
La Cattedra prevedeva per il funzionamento il concorso economico del Ministero dell'Agricoltura, della Provincia e del cosiddetto Legato Romani, un lascito che il medico vastese
Francesco Romani, noto per aver introdotto in Italia l'omeopatia, aveva destinato allo sviluppo ed alla solidarietà sociale.
II bilancio dell'istituzione era costituito da un capitale di diecimila lire, ripartito in cinquemila lire a carico del Legato, tremila a carico dello Stato e la restante parte alla Provincia e ai comuni del Circondario.
A dirigerla fu chiamato Giuseppe Adolfo Calabresi. Per il controllo delle attività, venne creato un Comitato di vigilanza di cui furono chiamati a far parte il sindaco Luigi Nasci, il professor Francescopaolo Sargiacomo, nominato dal Consiglio Comunale, l'on. Francesco Ciccarone, designato dal Ministero, l'avv. Erminio Boschetti, indicato dalla Provincia.
 
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2010