Ricette
Dolci: Torte, pasticcini ed altro
Caggîune 'nghi li ciëce
Caggîune e Caggîunètte, li digge di la fèšte
Ingredienti:
ripieno di vario tipo:
...di frutta, di cioccolata, di ceci, di noci, di riso,
...di sanguinaccio, di mostarda, di mandorle o
...di .crema;
mosto cotto e la cannella;
farina, vino bianco e olio.
Preparazione e cottura:

La fase preliminare richiede la preparazione del ripieno che può essere di vario tipo.
Si lessano i ceci e si passano al setaccio. Poi si fa la pasta unendoli con il mosto cotto e la cannella.
Per la pasta si ammassa una conveniente quantità di farina con acqua, vino bianco e olio.
La ricetta tradizionale ci avverte che i tre liquidi devono essere in uguale quantità.
La pasta viene stesa col cannello e, a file a file, si dispongono sulla pasta mucchietti di riempitura e poi si ricoprono, rialzando il lembo della pasta stessa.
Con la rotellina si taglia infine, un piccolo semicerchio intorno a ogni rigonfio così formato, se ne fermano gli orli premendoli con l'estremità di una chiave femmina e li caggiuni sono pronti per essere fritti, inzuccherati e mangiati.
Lu Caggiáune è un dolce tipico del periodo natalizio ossia fino a Carnevale.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001

Lu caggiòne
di Fernando D'Annunzio

Acchiàpp’ e mmitte ‘ mmocche
‘štu caggiòne, doppe mi l’ariccunde quand’é bbone, aripiène di cìce
o di muštàrde
, é ‘na delìzie!
... I’ nin zo’ bbuciàrde!
Catarrette
Ingredienti:
500 g di farina, 5 nova;
5 cucchiai di olio d'oliva, 5 cucchiai di zucchero;
un intero limone da grattugiare;
mezzo bicchiere di "Anisette";
un pizzico di sale.
Preparazione e cottura:
Procedere all' impasto come di consueto, amalgamando tutti gli ingredienti elencati nell' ordine, fino ad ottenere un composto morbido. Ricavare dei provvisori bastoncini che rappresentano la "porzione" di impasto per realizzare la singola "catarretta", che nasce come segue:
mettere a scaldare l' attrezzo di ferro lavorato (e facilmente rintracciabile sul mercato artigianale) a forma di tenaglia a ganasce piatte, fino quasi a farlo arroventare;
prendere la "porzione" di impasto e stringerla
tra le suddette ganasce facendo attenzione di non
avere troppo impasto d' avanzo che fuoriesca dalla
loro forma a losanga;
continuare la cottura "rivoltando" l'attrezzo che è manovrato attraverso le lunghe maniglie metalliche. Poiché i "piatti" delle due ganasce sono quadrettati, a cottura compiuta ne sortisce una sottile sfoglia artisticamente lavorata e croccante.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2003
Tempo di cottura delle catarrette o ferratelle: secondo la tradizione abruzzese, si narra che si debba calcolare recitando una preghiera per ogni lato (il tempo di un Ave Maria da una parte e di Padre Nostro dall’altra per far sì che i dolci siano perfettamente pronti).
Ciambella fiorita
Ingredienti:
350 g di farina, 8 uova, 350 g di zucchero;
1 bicchiere d'acqua;
 1 bicchiere d'olio extra vergine d'oliva;
1 bustina di "cremore di tartaro";
1 bustina di lievito.
mezzo bicchiere di anice o sambuca;
Preparazione e cottura:
Montare l'albume col "cremore di tartaro".
A parte battere i tuorli con olio e liquore scelto e aggiungere la farina, amalgamare e poi aggiungere l'albume montato col cremore di tartaro.
Versare il tutto nel tegame di cottura ed infornare per 75 minuti a 160°.

da "Lunarie de lu Uašte"- 2010 - "Li ric. de Za Libbrate" 
Ciciricchiate
Ingredienti:
Dose per 8-10 persone
500 g di farina tipo 00, 5 uova;
5 cucchiai di olio di oliva, 200 g di mandorle
...tritate;
5 cucchiai di zucchero, 500 g di miele;
2 bicchieri di alcool per liquore;
50 g di confetti di sulmona.
Preparazione e cottura:
Mettere a macerare, 24 ore prima, le mandorle nei bicchieri di alcool.
Porre la farina su di un piatto ed impastarla
unitamente all'uova, lo zucchero, l' olio e l' alcool in cui hanno macerato le mandorle, così da risultare un composto ben amalgamato. Dividere la pasta in mucchietti ricavando da ognuno di essi tanti bastoncini i quali vanno ridotti a dadetti lasciandoli sparsi sulla spianatoia infarinati. Mettere sul fuoco una capace padella con olio di semi e ad ebollizione, friggere i dadolini di pasta. Far bollire a parte il miele ed
immergerci i dadolini che saranno ben
impregnati
del dulcolorante. Bagnare con acqua fredda un piano di marmo, versarvi il composto dandogli la forma voluta (cuore, ciambella, ecc..) ed accanto cospargerlo di mandorle tritate e confettini di Sulmona.
La Ciciricchiate è un dolce tipico del periodo di Carnevale.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002
Crostata di Prugne
Ingredienti:
Dose per 6 persone
Per la pasta:
180 g di farina, 100 g di burro;
70 g di zucchero, 2 tuorli d'uovo;
 la buccia grattugiata di mezzo limone;
1 pizzico di vanillina.
Per il ripieno:
600 g di prugne rosse di dimensioni medie;
2 uova, 4 cucchiai di latte, 50 g di zucchero;
1 cucchiaio di liquore Kirsch;
30 g di gelatina di albicocche.
Preparazione e cottura: 1 ora, oltre il tempo di riposo.
 Preparare la pasta: setacciare la farina con la vanillina e disporla a fontana; mettervi al centro il burro, ammorbidito e diviso a pezzetti, lo zucchero, i tuorli d'uovo e la buccia grattugiata del limone; impastare velocemente gli ingredienti con le dita, senza lavorare troppo il composto. Avvolgerlo in un foglio di pellicola trasparente e farlo riposare nella parte meno fredda del frigorifero, per almeno un'ora. 
Stendere la pasta allo spessore di circa 3 mm e foderare una tortiera del diametro di 22-24 cm, imburrata e infarinata. Bucherellare ripetutamente il fondo della pasta con i rebbi di una forchetta, e pizzicottare tutto il bordo.
Preparare il ripieno: lavare le prugne, snocciolarle, tagliarle in 6 spicchi e adagiarli a raggiera nella tortiera sopra la pasta.
Mettere in una terrina lo zucchero, le uova, il latte e il Kirsch; mescolare gli ingredienti e versare, poca alla volta, la pastella ottenuta nella tortiera sopra le prugne.
Cuocere la crostata in forno preriscaldato a 180 gradi, per 30-40 minuti; sformarla e lasciarla raffreddare.
Nel frattempo, in un tegamino sul fuoco, portare a ebollizione la gelatina di albicocche con un cucchiaio d'acqua e spennellare la superficie della crostata.
Note e suggerimenti:
Con i ritagli di pasta rimasti si possono preparare degli ottimi biscottini: è sufficiente rimpastare i ritagli, stenderli allo spessore di 3-4 mm, ritagliarli nelle forme preferite e cuocerli in forno a 180'.

da "fam. cristiana" - n. 36/2008, ric. di Terry e Toni Sarcina
Crostata di ricotta
Ingredienti:
Dose per 4 persone:
pasta frolla (due uova);
un etto di burro fuso;
150 g di zucchero;
300 g di farina;
un pizzico di lievito;
un limone grattugiato;
Per ripieno:
300 g di ricotta;
80 g di zucchero;
un uovo;
pizzico di cannella;
frutta candita;
tocchetti di cioccolata.
Preparazione e cottura:
amalgamare la pasta frolla in una terrina e lasciarla riposare per circa 1 ora.
Stenderla poi in una teglia da forno, versare
ripieno e guarnire la parte superiore con stricioline incrociate della stessa pasta frolla.
Infornare a 180 gradi per circa mezz'ora.
Sfornare, lasciare raffreddare in vassoio e poi cospargere di zucchero a velo.
Servire con cherry o crema caffè.

da "Lunarie de lu Uašte" - 2006 - "Li ric. de Za Libbrate" 
Fiadone di Ricotta
(Fiadàne di Ricotte)

Ingredienti:
5 nova;
5 cucchiai di zucchero;
un pò di liquore chiaro;
500 g di ricotta;
la punta di un cucchiaio di "lievito Pane
...angeli".
Preparazione e cottura:
Battere a lungo i tuorli con lo zucchero, quindi la ricotta: versare lentamente e a gocce il liquore, sbattere a neve le chiare. Mescolare il tutto delicatamente e mettere in una teglia già rivestita di pasta frolla. Cuocere in forno per un'ora e mezza.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2003
Mostaccioli o susamille
(Paste nere)



Ingredienti:
1 Kg di farina di grano doppio zero;
4 uova;
300 g di mandorle abbrustolite tritate;
300 g miele (sciogliere a bagno maria);
300 g di zucchero;
30 g ammoniaca in polvere in bustina
...(lievitante);
1/2 bicchiere di olio di oliva;
scorza di limone grattuggiata (a piacere);
cannella macinata (un pizzico).
varianti:
aggiunta di liquore dolce;
tazzina di caffè.
1 etto di surrogato di cioccolato sciolto (con

....
due cucchiai di olio o burro) a bagno maria,
.. .va utilizzato .alla fine dopo la cottura.

Preparazione e cottura:
Formare con la farina un cerchio all'interno del quale mettere i vari ingredienti e impastare, facendo amalgamare bene fino ad ottenere un composto duro. Si procede poi ad allargare l'impasto (lo spessore deve essere di circa 7/8 mm.), fare piccole porzioni e ogni porzione tagliare a piccoli rombi oppure usare formine di varie forme, a piacere. Procedere alla cottura con forno a 180/200 gradi per circa 20 minuti.
A cottura avvenuta far raffreddare i dolci per poi spennellarci sopra il surrogato di cioccolato. Dopo una buona mezz'ora i dolci sono pronti per essere gustati.
Possono essere conservati per più di un mese in ambiente asciutto.
Sono tipici del periodo pasquale ma vanno affermandosi sempre di più durante tutto l'anno.
Nel periodo pasquale, oltre alle forme menzionate, la pasta nera viene utilizzata per fare, forme grandi o giganti di Pupe (per bambine), Cavalli (per bambini) e Cuori (per adulti e innamorati in genere). Lo spessore deve essere di circa 10/14 mm.)

ricetta di "Carmela Forte" - Vasto - 29/07/2004
Panettone Farcito
Ingredienti:
1 panettone;
1 tazza di zabaione;
300 g di frutta sciroppata;
300 g di panna montata;
1 bicchiere di liquore dolce;
canditi.
Preparazione e cottura:
Tagliare la base del panettone, svuotare la parte superiore e mettere la mollica sbriciolata in un recipiente.
Unire lo zabaione, la panna, la frutta tagliata a pezzetti, un po' di liquore e mescolare bene.
Introdurre nel guscio del panettone il ripieno, adagiarvi sopra la base, mettere su un piatto da portata.
Decorare con la panna e i canditi e servire.
Parrozzo
Dolce tipico del periodo natalizio
Stampo a forma di semicerchio per il parrozzo.
Ingredienti:
(dose per 8 porzioni)
150 g di semola grano duro, 6 uova;
150 g di mandorle tritate, non spellate, crude;
2 cucchiai di farina di grano doppio zero;
250 g di zucchero;
scorza grattuggiata e succo di un limone;
1 etto di surrogato di cioccolato sciolto (con
...due cucchiai di olio o burro) a bagno maria,
...va utilizzato alla fine dopo la cottura.
Preparazione e cottura:
Ungere bene lo stampo con strutto o burro.
In una ciotola, battere a neve gli albumi delle uova, aggiungere zucchero e gli altri ingredienti; far amalgamare bene; si ottiene un composto morbido da versare nello stampo. Procedere alla cottura con forno a 180/200 gradi per circa 50/60 minuti.
A cottura avvenuta capovolgere lo stampo su un piano facendolo staccare il dolce e lasciarlo
raffreddare; poi, si versa sopra il surrogato di cioccolato ricoprendo tutta la parte superiore ed esterna, aiutandosi con un cucchiaio. Il dolce dopo un'ora è pronto per essere gustato. Può essere conservato per non più di una settimana in ambiente asciutto.
E' un dolce tipico del periodo natalizio.

ricetta di "Carmela Forte" - Vasto - 29/7/2004
Parrozzo abruzzese
Dolce tipico del periodo natalizio.
(Ricetta adatta per i bambini e le persone anziane)
Ingredienti: (dose per 6 porzioni)
55 g di farina;
55 g di fecola di patate;
125 g di zucchero;
80 g di burro;
60 g di mandorle;
5 uova;
12 mandorle amare;
150 g di cioccolato di copertura.
Preparazione e cottura:
Scottate tutte le mandorle in acqua bollente,
poi pelatele, mettetele in un mortaio e
pestatele riducendole in polvere.
Sciogliete il burro in un tegamino tenendo da parte quello che servirà per imburrare la tortiera.
Versate in una terrina i tuorli e lo zucchero,
montateli bene sbattendoli a lungo, aggiungete
poi la polvere di mandorle, indi, alternandole
fra loro e setacciandole, la farina e la fecola. Per
ultimo unite il burro sciolto e fatto raffreddare.
Montate gli albumi a neve ferma e incorporateli delicatamente al composto.
Versate il tutto in una tortiera imburrata e
infornate per 40 minuti a 1 80°C.
A cottura ultimata, lasciate raffreddare e sformate.
Tagliuzzate il cioccolato di copertura, fatelo
sciogliere a fuoco bassissimo quindi versatelo sul
dolce stendendolo uniformemente in uno strato
sottile con una spatola.
Non appena la copertura si sarà rappresa,
trasferite il parrozzo su un piatto di portata e
servite.
Vino consigliato: bianco o rosso liquoroso o dolce;
Valori nutrizionali: Protidi 10 - Lipidi 39 - Glucidi 41 -
Kcal 555;Ricco di sali minerali - Iperlipidico.

dal volumetto "Alla scoperta dei sapori italiani - Mille e
una Nota 2
" della Coop - copia omaggio - collana ed. 1999
 
Pepatelli


Ingredienti:
1/2 Kg di Miele, 1/2 Kg di farina;
500 grammi di mandorle, 2 arance;
pepe nero e burro.
Preparazione e cottura:
Pelare le mandorle dopo averle fatte bollire e quindi ridurle a pezzettini.
A parte, mettere del miele in un tegamino, farlo spumeggiare e quindi aggiungere i pezzettini di mandorle, un po' di buccia grattugiata delle arance e farina di cruschello insieme ad un cucchiaino di pepe tritato.
Mescolare con un mestolo di legno e, ottenuto l'impasto, versarlo in una teglia e lasciarlo raffreddare. Tagliare quindi in rettangolini, sistemarli in una teglia e mettere al forno. Ottimi inzuppati al mostocotto

o per accompagnare un vino da meditazione.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2011


Pizza dolce
(
Pëzze dàgge
)

Ingredienti:
Per fare il Pan di Spagna:

10 uova, un cucchiaio di farina per ogni uovo.
Per il ripieno:
8 tuorli d'uova, 8 cucchiaini da caffè di farina;
8 cucchiai di zucchero, 1 litro di latte;
una buccia di limone, burro appena appena;
cacao, rhum, alchermes e caffè per bagnare;
qualche amarena, panna.

Preparazione e cottura:
Montare il bianco delle uova. Aggiungere i rossi e via via zucchero e farina.
Versare quindi l'impasto in un tegame unto con burro. Infornare a 200°. Dopo la cottura, tagliare orizzontalmente il Pan di Spagna in due o tre parti e bagnare con rhum o alchermes e con del caffè e di seguito spalmare le due o tre facce con la crema preparata a parte. Normalmente uno strato è di crema gialla e l'altro di crema al cioccolato. Riunire gli strati e decorare con panna, amarene o frutta candita.

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2007 - "Li ric. de Za Libbrate" 
Sanguinaccio
(Sangunäte)
Ingredienti:
Dose per 8-10 persone
250 g di cioccolata fondente;
150 g di zucchero;
80 g di cedro candito;
30 g di strutto;
un litro di mosto cotto;
1/2 litro di sangue di maiale (appena ucciso);
1 stecca di cannella;
una manciata di mandorle e pinoli;
una buccia di arancia.
Preparazione e cottura:
Prima di versare il sangue in una capace pentola, filtrarlo così da eliminare eventuali residui, unirvi il mosto cotto, lo strutto e la cannella, porla sul fuoco molto debole (fare attenzione a che il sanguinaccio non giunga mai ad ebollizione) e mescolare. Dopo circa due ore di cottura, aggiungere il cioccolato a pezzetti, i pinoli e lo zucchero, il cedro, la scorza dell' arancia e le mandorle (preventivamente scottate in acqua bollente, pelate e tostate lievamente in forno) il tutto finemente tritato. Rimescolare continuamente e sempre a fuoco debolissimo.
Il tempo di cottura varia dalle tre alle tre ore a mezza; il grado di cottura è possibile constatarlo dalla consistenza del sanguinaccio su un piattino; se esso si presenta come una crema è pronto. Lasciarlo raffreddare, sistemarlo in vasi di vetro e lasciarlo al fresco.

da"Lunarie de lu Uašte"
- ed. 2002
Sbrisolona
Buona da mangiare, facile da fare


Ingredienti:
3 cucchiai di farina bianca;
3 cucchiai di farina gialla;
3 cucchiai di zucchero;
2 etti di burro;
2 cucchiai di mandorle;
1 uovo.
Preparazione e cottura:
Mescolare il tutto assieme, mettere il composto a briciole nella tortiera e infornare a 200° per 30 minuti.
Lasciate raffredare e non preoccupatevi se non riuscite a tagliare le fette senza romperla, la sbrisolona si spezzetta e si mangia con le mani.

Scrippèlle


La Scrippèlle è un dolce tipico del periodo natalizio.
Ingredienti:

2 Kg di farina;
700 g di patate lessate e pelate (facoltative);
3 cubetti di lievito di birra;
molto olio;
sale;
zucchero.
Preparazione e cottura:
Per fare le scrippèlle la massaia mette in un recipiente adatto la farina e acqua tiepida a
cui si aggiunge del lievito di birra, fornito dal fornaio.
S' impasta la farina con le patate passate al setaccio, si batte il tutto a mano, così come
si fa per il pane.
Si copre il recipiente con un panno e si sovrappongono panni di lana per far stare in caldo la pasta e si lascia riposare l' impasto
per circa tre ore.
Successivamente con le mani bagnate d' acqua
si prende un pò di pasta e si allunga, a forma
di bastoncino. La si mette quindi a friggere in abbondante olio bollente, la si lascia dorare e
la si rigira.
Le scrippelle spugnose, fragranti possono essere mangiate calde o fredde, così come sono oppure spolverate con zucchero e
con cannella in polvere. 

da"Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001
La scrippèlle di Fernando D'Annunzio
E la scrippèlle è ggià bbell’ e prònde, è calle câlle e nu ccone ònde, vo’ rèsse solamente ‘n zuccaràte,
li dingh’ a tté ‘štu dogge prilibbàte.
Sfogliatine con con chantilly
all'arancia e cioccolato
Ingredienti:
Dose per 4-6 persone
300 g di pasta sfoglia (anche surgelata);
50 g di cioccolato fondente;
200 g di zucchero semolato.
Per la crema:
3 tuorli d'uovo;
25 g di farina;
80 g di zucchero;
3 dl di latte;
150 g di panna;
1 cucchiaio di liquore all'arancia;
un pizzico di vanillina;
la buccia di 1 limone (solo la parte gialla).
Preparazione e cottura: 1 ora.
Per la crema: lavorare i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina e la vanillina. A parte, far bollire il latte con la buccia di limone, versarlo attraverso il colino sul composto, rimetterlo sul fuoco e portare a ebollizione mescolando continuamente. Far cuocere qualche minuto la crema, quindi farla raffreddare. Aggiungervi il liquore all'arancia e la panna leggermente montata fino a ottenere una crema morbida e uniforme.
Stendere la pasta in rettangoli dello spessore di 2-3 mm, adagiarli sopra una placca spennellata d'acqua, bucherellarli con i rebbi di una forchetta e farli cuocere in forno preriscaldato a 220 gradi per 10-15 minuti; toglierli dal forno, spolverizzarli con lo zucchero a velo, rimetterli in forno per qualche minuto per far caramellare lo zucchero. Tagliarli quindi in rettangoli di cm 12 x 9 circa. Tritare il cioccolato fondente.
Per il caramello: mettere 1 dl di acqua e lo zucchero in una casseruola a bordi alti e far cuocere fino a ottenere un caramello ben dorato, senza mai mescolare. Togliere dal fuoco, aggiungervi poco alla volta acqua, mescolando con un cucchiaio di legno, fino a ottenere un caramello morbido (100 gr circa).
Mettere un po' di crema al centro di un piatto, appoggiarvi sopra un rettangolo di pasta sfoglia, che cosi rimarrà ben ferma; stendervi sopra un poco di crema e qualche pezzetto di cioccolato fondente. Ripetere ancora per uno strato, terminando con la crema, e infilarvi due sfoglie in sbieco ad ali di farfalla. Guarnire con il caramello preparato facendo colare a filo.

da "fam. cristiana" - n. 34/2002, ric. di Angelo Chiavaroli, Spoltore Pe, hotel Rist. Montinope 

Taralli o tarallucci, ripieni, di olio e vino

Ingredienti:
1 kg di farina di grano doppio zero;
2 bicchieri da vino di olio;
2 bicchieri di vino bianco o spumante;
2 cucchiai di zucchero;
1 bicchierino di limoncello, a piacere;
Preparare in una ciotola:
500 g marmellata di frutta, a piacere;
150 g di mandorle abbrustolite tritate,
...finemente;
cannella macinata (un pizzico);
scorza di arancia grattuggiata (a piacere);
Preparazione e cottura:
Formare con la farina un cerchio all'interno del quale mettere i vari ingredienti ed impastare, facendo amalgamare bene fino ad ottenere un composto di durezza media in modo che si possa fare la sfoglia sottile (da poter allargare con la macchina per la pasta) per poi fare delle striscette larghe circa 6 cm. e lunghe 8 cm..
Su ogni striscetta di pasta stendere un pò di marmellata preparata; piegare in due la striscetta, ritagliare gli angoli
con la rotellina schiacciando bene intorno in modo che la marmellata non fuoriesca e si depongono nella scatola, necessaria per la cottura, dando una forma a ferro di cavallo.
Si procede alla cottura con forno a 180/200 gradi per circa 15 minuti (dare una occhiatina ogni tanto).
A cottura avvenuta togliere i dolci dalla scatola e posarli su un piano per poi cospargere sugli stessi lo zucchero a velo.
I dolci sono pronti per essere gustati.
Possono essere conservati per più di un mese in ambiente asciutto.
Sono tipici dei periodi natalizio e pasquale ma vann
o affermandosi sempre di più durante tutto l'anno.
ricetta di "Carmela Forte" - Vasto - 29/07/2004

Tarallilini incatenati
Ingredienti:
10 uova, 1 bicchiere di olio, 900 g di zucchero;

mezzo bicchiere di anice o sambuca;
farina quanto basta per un impasto tenero.
Preparazione e cottura:
Versare uova, olio, liquore nella fontanella ed impastare il tutto. L'impasto deve essere tenero; scartare la farina superflua, tagliare dei pezzetti di pasta e ricavarne maccheroni lunghi e grandi come un mignolo. Formare degli anelli del diametro di circa tre/quattro cm..
Mettere a bollire l'acqua e versarvi gli anelli, lessarli e asciugarli per poi passarli al forno. Formare una glassa con lo zucchero e mezzo litro d'acqua e far bollire per dieci minuti a fuoco moderato; in una ciotola mettere un mestolo alla
volta di glassa ed immeggervi i tarallini fino a quando non diventino bianchi.
Lasciare asciugare i tarallini a mucchietti di due o tre.

da "Lunarie de lu Uaš
te - 2008 - Ric. de Za Libbrate"
Terrina di semolino alle prugne
Ingredienti:
Dose per 6 persone
Per la crema di semolino e caramello:
150 g di zucchero;
1 stecca di vaniglia;
1 stecca di cannella;
750 g di latte;
130 g di semolino fine;
70 g di burro;
2 uova;
300 g di prugne di grosse dimensioni.
Per la salsa all'arancia:
300 g di succo d'arancia;
10 g di fecola;
50 g di zucchero.
Preparazione e cottura: 55 minuti, oltre il tempo di raffreddamento.
Preparare il caramello: mettere in un tegamino lo zucchero, la vaniglia, la cannella e cuocere fino a ottenere un bel color caramello; aggiungere il latte, portato a ebollizione a parte, e mescolare facendo sciogliere il caramello, toglierlo dal fuoco e passarlo al colino. Riportare il composto a ebollizione, unirvi il semolino, versarlo a pioggia, ottenendo una crema morbida, e cuocerlo per 7 minuti a fuoco moderato. Togliere dal fuoco, unirvi il burro, le uova e amalgamarli.
Lavare le prugne, asciugarle e snocciolarle. Versare uno strato di semolino caldo, allo spessore di 1 cm, in uno stampo da plumcake; disporre a strisce le prugne, divise in 4 parti nel senso della lunghezza, coprire con un altro strato di crema di semolino e altre prugne, e continuare con la stessa procedura, fino a raggiungere il bordo dello stampo.
Cuocere il dolce in forno, preriscaldato a 160 gradi, per 15 minuti circa. Toglierlo dal forno, farlo raffreddare e porlo in frigorifero per almeno 2 ore.
Nel frattempo, preparare la salsa: diluire a freddo la fecola con 100 g di succo d'arancia; portare a ebollizione il succo d'arancia rimasto con lo zucchero e, mescolando, unirvi il composto di succo e fecola; riportare, quindi, a ebollizione, mescolando con un cucchiaio di legno.
Togliere la salsa dal fuoco e farla raffreddare. Sformare la terrina e servirla con la salsa all'arancia preparata.
Note e suggerimenti:
Anziché a forma di terrina, il dolce al semolino può essere preparato anche in una fortiera. È bene servirlo a temperatura ambiente; i piatti freddi, in genere, non devono mai essere degustati appena tolti dal frigorifero. Fanno eccezione, naturalmente, i gelati.

da "fam. cristiana" - n. 36/2008, ric. di Terry e Toni Sarcina
Torta di castagne
Ingredienti:
600 g di castagne;
5 uova;
200 g di zucchero;
2 cucchiai di farina;
brandy;
un pezzetto di burro;
sale.
Preparazione e cottura:
Sbucciate le castagne e lessatele aggiungendo all'acqua pochissimo sale.
Una volta cotte, togliere la pellicola e, mentre sono ancora calde, passatele allo schiacciapatate.
In una terrina mescolare a lungo i 5 tuorli con lo zucchero, poi unire il purè di castagne, un bicchierino di brandy e gli albumi montati a neve.
Versare l'impasto in una tortiera imburrata e infarinata e cuocere in forno a 200° per circa 45 minuti.
Togliere dal forno e decorare la torta con castagne lesse sbucciate e zucchero a velo.