Città limitrofa di Vasto
San Salvo:
Personaggi
Don Pierino Santoro
e la sua ordinazione episcopale

 
San Salvo, settembre 2007
 
Don Pietro Santoro
e la chiesa di San Nicola in San Salvo
Don Pietro Santoro, nasce a Vasto il 4 febbraio 1946, viene ordinato Sacerdote il 17 maggio 1970 da Papa Paolo VI nella Basilica di San Pietro a Roma.
Inviato a San Salvo da Mons. Capovilla, nel settembre dello stesso anno, esercita all'inizio il ministero di vicario coadiutore della Parrocchia di San Giuseppe e di Rettore della Chiesa di San Nicola, restaurata dopo decenni di abbandono.
Nel 1973 Mons. Fagiolo erige la Parrocchia di San Nicola vescovo e Don Pietro ne diventa il primo
Parroco.
La sua attività pastorale si è sempre concentrata su tre direttrici fondamentali:
1) La formazione di un laicato maturo e
.....
responsabile;
2) I giovani;
3) La cultura.

Nel 1978, con il contributo dei fedeli, ha realizzato la costruzione della Nuova
Chiesa, dell'Auditorium e della casa Canonica.
Innumerevoli sono stati i Convegni da lui organizzati con la partecipazione delle più eminenti personalità del mondo Ecclesiale
e Sociale.
Negli anni ottanta fece vivere a San Salvo uno
straordinario evento, il Meeting della Solidarietà: oltre 40.000 furono le presenze.
È stato fondatore di tre Associazioni Culturali. Attualmente è Vicario episcopale per Vasto, Responsabile Diocesano di Pastorale Giovanile, Assistente Diocesano dei giovani di Azione Cattolica, Consigliere Ecclesiastico regionale dell'UCID. A questo breve, brillante profilo aggiungiamo qualche ulteriore considerazione legata a don Piero e alla sua feconda missione in mezzo a noi. Certamente non possiamo dimenticare le numerose difficoltà incontrate dal giovane parroco al suo arrivo nella nostra città. Molti ricordano quanto dovette faticare per imporre l'autonomia della Parrocchia di San Nicola, in una stagione civile e sociale di grandi ostilità al nuovo progetto, peraltro avversato anche da parte del clero cittadino dell'epoca. Ma il dinamismo e lo spirito di don Pietro non indietreggiarono mai e, con grande senso cristiano e sociale, egli continuò nella sua opera pastorale fino a quando, come abbiamo ricordato, nel 1973 fu eretta giuridicamente la Parrocchia di San Nicola, una comunità che ha indubbiamente scritto pagine importanti ed indelebili nella storia di San Salvo e che ha visto, e vede, una grande esperienza cristiana di popolo intorno al suo pastore. Non di meno bisogna considerare la devozione straordinaria dei sansalvesi verso il Santo Vescovo Nicola. Ancora oggi centinaia di pellegrini della nostra città si recano a piedi nel capoluogo pugliese per venerare le reliquie di San Nicola. Anche per il culto nicolaiano è stata decisiva l'opera educativa e pastorale di don Piero. Insomma da una vecchia cappella chiusa si è passati ad una chiesa e ad una comunità i cui fermenti cristiani e culturali hanno segnato generazioni di uomini e donne che, nella semplicità della storia di ognuno, hanno portato prestigio e amore verso la nostra città ed oltre.
Ecco perché ci sentiamo di esprimere verso don Piero pensieri di gratitudine e affetto per quello che ha seminato e che continuerà a seminare nella nostra città, nei luoghi e nei giorni a venire.
notizie e foto tratte dal libro di Leone Balduzzi (sansalvese) "Sott'a la Porte de la Terre"
antologia delle nostre tradizioni culturali - Editore Cannarsa - Avvento 2005