Canto popolare di Vasto
Nustalgie di Vaste per risentire la musica: cliccare qui
(versi e musica di Aniello Polsi
) - Cantato da Gaetano Ciancio (Ballareine)
 
I
Vaste bbelle tra mare e giardine
paradise terrestre tu sì,
nghi lu core ti tinghe vicine,
"nnenz' a l'ucchie tu sempre mi stì.

Rit.: Vullarì vulà, Vaste mé,
pé 'na vodda sole da te.
Ma quande, quande sta lundananze
nin chiù me separe?
Ma quande, quande ì chi lu ciele
turchine arimire?
Ah!...

II
Scaramuzze, Casarze, Vignole,
Cungarelle, lu Fare... che chiù?
O chiesette de Sanda Nicole,

m'aricorde ì sempre de vù.

Rit.: Vullarì vulà, Vaste mé,
ecc. ecc.

III
Tra le cose cchiù care e cchiù sande,
che cunsirve tu, Vaste, pé me,
ci sta mamme ch'aspette da tande
lu ritorne pé ma rivedé.

Rit.: Vularrì vulà, mamma mé,
pé 'na vodda sole da te.
Ma quande, quande sta lundananze
nin chiù me sapare?
Ma quande, quande ì chi lu nome
adurate arichiame?!...
Ah!...