Canto popolare di Vasto
La Pèchera spirdìute o Mare majje, scur' a mmaje o Lamento di una vedova
(La pecora sperduta  o Povera me, me desolata o Lamento di una vedova) 
Ignoto - secolo XVIII) - riduzione in versi in dialetto vastese di Luigi Anelli
Questa canzone è assurta a canto internazionale
(uno dei più famosi canti popolari abruzzesi, tra i più
eseguiti
, considerato residuo di un antico pianto funebre rituale)
Cantato da Antonietta D'Angelantonio
con il coro folkloristico di Vasto, nel 1968, diretto dal maestro Antonio Zaccardi
per risentire la musica: cliccare qui
le strofe di questo colore sono senza musica
 

Mare majje, scur' a mmaje!
Tu sì mmôrte e jè che ffâcce!
Mo me sceppe trecce e fffâcce,
mo mm'accèite 'n gôll' a ttàjje!

Rit.: Mare majje, mare majje, mare majje
e scur' a mmaje
, scur' a mmaje, scur' a mmaje,

mo mm'accèit
e, mo mm'accèite, mo mm'accèite'
'n g
ôll' a ttàjje
.... sciôscia màje!

So' 'na pèchera spirdìute,
lu mundàune m'à lassäte
lu caccìene sembr'abbâje,
pe' la fäme mo' s'arrâje.

Rit.: Mare majje e scur' a mmaje
, ecc.

Crišti mé' famm' ascì prešte
nu marèite
štrippilàune,
canda mânghe
lu mundàune
va li pèchir' a 'ddammaje.


Rit.: Mare majje e scur' a mmaje, ecc.

Povera me, me desolata! 
Tu sei morto ed io che faccio! 
Ora mi strappo trecce e faccia, 
ora mi uccido addosso a te
!


Rit.: Povera me, povera me, povera me 
oh trista me
, oh trista me,
oh trista me,  
ora mi uccido
, ora mi uccido, ora mi uccido 
addosso a te… Amore mio
! 

Son come pecora sperduta, 
il montone mi ha lasciata 
ed il cane sempre abbaia, 
è rabbioso per la fame.


Rit.: Povera me, povera me, povera me, ecc.

Gesù mio fa che arrivi presto 
un marito, uno qualunque, 
perché se non c’è il montone 
le pecore si disperdono. 


Rit.: Povera me, Povera me, povera me, ecc.
Tinghe 'n gôlle 'na sbirrâje
scâzz' e nnìute e ppijatàuse
che la nôtte s'arisbâje:
vo' lu puäne e jè ne ll'âje.


Rit.
: Mare majje e scur' a mmaje
, ecc.
Ho con me questi bambini 
scalzi e nudi e fanno pena 
che si svegliano di notte: 
chiedono pane ed io non l’ho.  


Rit.: Povera me, povera me, povera me, ecc.
J' tenè 'na casarelle:
mò me mânghe lu ruccètte,
senza fèuche, senza lette,
senza véine e cumbanaje.


Rit.: Mare majje e scur' a mmaje, ecc.


La sbirr
âje me turmende
pe le dèbbete e ppisìure,
me siquestre la tinaje
la fissàure e le cuttìre.

Rit.: Mare majje e scur' a mmaje, ecc.

Jurn' arrète n' tinè pane:
penze bbèune da j' fèure
a ccavaje du cechèure
p' accibbèie la famèje.

Rit.: Mare majje e scur' a mmaje, ecc.

Accumenz' a darme plette
'na quatrare, che m'affrande;
jè nghe na petrate 'mbrande
n'addre ccàune l'annucchève.

Rit.: Mare majje e scur' a mmaje, ecc.

E nghe tutte ca niscìune
m' avè vèste, vudd' e ggèire
a la càuse, chi sse tèire,
nghe tre mèisce me ne vaje.

Rit.: Mare majje e scur' a mmaje, ecc.

Pe j' ppiagne a lu cumbère
c'appattasse la jucuète
mar' a mmà m'aj' abbuschète
na vattènne nghe la sdaje.

Rit.: Mare majje e scur' a mmaje, ecc.
 
Amara me
D'amore e d'anarchia - Nino Rota - Musica di Elli Paspala - caricato il 13 giugno 2010
in You Tube
Amara me, scura me, tu sei morto, e io che faccio? Mi getto le trecce in faccia, mi uccido, mi taglio la gola.
Sono una pecora sperduta, il montone mi ha lasciata, il cane abbaia sempre arrabbiato per la fame.
Avevo una casetta, ora son sola e abbandonata, senza casa, senza letto, senza pane e compagnia.