Canto popolare d'Abruzzo
E passe l'anne e passe... per risentire la musica: cliccare qui
(versi di Ottaviano Giannangeli - musica di Benedetto Bianchi)
le strofe di questo colore sono senza musica Cantato da Gaetano Ciancio (Ballareine)
 

I' me recorde ancore la casette
Quasce arrangnate 'n pette alla muntagne
'sceve lu sole e tutte la campagne
se culureve d're là per là.

E passe l'anne e passe...
Gna facce a scurdarme de te?
Paese mé luntane,
Se te putesse arvedé!

Rit.
: Paese mé famm'armenì:
alla casetta mé vojje murì
!
Paese mé famm'armenì
:
alla casetta mé vojje murì
!

Recorde 'na cajole alla finestre

Addò cantè 'na coppie de cardille:
recorde élle vicine 'na franguélle
che me facé sta l'ore a reguardà.

E passe l'anne e passe...
Me pese sta vite pecché
E' triste, è triste assaje,
A sta luntane da te!

Gna facce a scurdarme de te?
Paese mé luntane,
I' me recorde de te!

Rit.
: Paese mé ...

Recorde mammarosse a lu telare
Che me diceve: «fijje tu mò perte,
chi sa se facce a tempe a revederte:
leste a 'rmenì ca nen me trove cchijù».

E passe l'anne e passe ...
Ma la vecchierelle addò sta?
E' ferme a lu telare
E piagne mamme e tatà.

Rit.
: Paese mé ...

E mò, quatrara belle, me sce scritte

Pe tante tanta tempe so 'spettate,
passe la primavere e po' l'estate,
fa feste li cardille e tu ngi stì.

E passe l'anne e passe ...
Vulesse li scenne tené
Pe' revulà a 'ssa case
Pe' riabbracciarme nghi tté.


Rit.: Paese mé ...